25 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/11/2006, 00.00

    GIAPPONE – VIETNAM

    Dopo 25 anni, il "padre dei rifugiati vietnamiti" racconta le difficoltà dell'integrazione



    Il p. Quaadvliet ha guidato per oltre un quarto di secolo il Centro per il sostegno ai rifugiati vietnamiti della prefettura di Hyogo: il suo bilancio vede gli immigrati ancora in svantaggio, penalizzati da analfabetizzazione e povertà.

    Himeji (AsiaNews/Jcn) – Oltre 25 anni spesi al servizio dei rifugiati vietnamiti, cercando di migliorarne istruzione e situazione economica, con l'unico scopo di vederli un giorno membri di diritto della società giapponese. E' questa la "sintesi di una vita" fatta da p. Harry Quaadvliet, sacerdote belga di 76 anni, conosciuto come "il padre dei rifugiati".

    E' infatti passato oltre un quarto di secolo da quando gli esuli hanno iniziato a richiedere la cittadinanza permanente in Giappone e il sacerdote, che ora vive alla casa dei padri di Scheut a Himeji, traccia un bilancio della situazione attuale.

    Secondo p. Quaadvliet, "la generazione che è arrivata qui quando aveva 20 o 30 anni ora ne ha più di 50 ed entra nella fascia dei cittadini anziani. Tuttavia, molti fra loro ancora non parlano bene la lingua, vivono da soli, sono affetti da malattie o handicap: possiamo dire che non sono inseriti nella società giapponese".

    Nel 1979, proprio per aiutare i rifugiati all'integrazione, la Chiesa apre nella prefettura di Hyogo il primo "Centro per il sostegno ai rifugiati" della storia del Paese. In poco tempo, p. Quaadvliet ne diviene la guida e lancia una serie di programmi che cercano di migliorare l'istruzione e la situazione economica dei profughi. Anche dopo la chiusura del Centro, avvenuta nel 1996, egli rimane disponibile per aiutare chi ne ha bisogno.

    "I rifugiati – racconta – non sono arrivati qui per loro scelta: quando sono giunti in Giappone non conoscevano né la lingua né la cultura, e questo ha creato loro moltissimi problemi. La barriera della lingua ha impedito loro di scegliersi il lavoro e la mancanza di studi li ha tenuti molto in basso nella scala sociale".

    Naturalmente, "vi sono delle eccezioni, come banchieri, insegnanti e sacerdoti, ma sono poche: la verità è che questi rifugiati non hanno denaro e quindi mandano i figli in cantiere, non a scuola".

    Il fenomeno della migrazione dal Vietnam "non appartiene al passato, ma è una realtà che viviamo anche oggi: chi si è stabilito qui chiede ai familiari di raggiungerlo, ma la società giapponese stenta ancora ad accettarli".

    Lavorare con loro, conclude il sacerdote, "mi ha sempre ricordato in profondità l'importanza della missione: ormai non posso fare altro che condividere con loro gioie e dolori, ma voglio continuare ad aiutarli fino a che non saranno veramente membri di diritto, in questa società".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/04/2006 Giappone
    Giappone, la cura dei migranti "parte integrante della missione"

    Nel corso di una serie di incontri sulla cura pastorale e socio-economica degli immigrati e dei rifugiati, mons. Daniji Tani, vescovo di Saitama, sottolinea: "Dobbiamo combattere contro le leggi sull'immigrazione troppo dure".



    11/03/2016 12:32:00 VIETNAM
    Emergenza educativa in Vietnam: la Chiesa in prima linea per l’aiuto allo studio

    Rapporto del governo: il 50% dei giovani che vive nelle zone rurali non ha accesso alle scuole superiori; solo il 4% delle nuove generazioni ottiene la laurea. La disoccupazione della fascia fra i 15 e i 24 anni ha toccato il 50,3%. Segretario della Commissione episcopale per l’istruzione: “L’educazione dei teenager preoccupa molto”. Non mancano le iniziative di privati e congregazioni religiose per aiutare gli studenti in difficoltà.



    10/10/2006 INDIA
    Vescovi indiani: "Per fermare il lavoro minorile serve istruzione per tutti"

    Il presidente e l'ex segretario generale della Commissione lavoro della Conferenza episcopale indiana sottolineano ad AsiaNews che applicare la legge resta un miraggio se non si educano anche i poveri e non si combatte l'omertà fra chi dovrebbe proteggere i bambini e chi li sfrutta.



    19/04/2006 Cambogia – Giappone – Vietnam
    Cambogia, l'impegno missionario "trasmette il messaggio dell'amore cristiano"

    Un missionario giapponese racconta la sua esperienza nel villaggio galleggiante di Konpon Ruan. "I progetti di sviluppo economico e sociale sono molto importanti, ma non solo. Quando ho capito che dovevo vivere come un cristiano fra i suoi fratelli ho compreso come poter aiutare veramente questa gente".



    25/09/2004 GIAPPONE
    Il 40% dei ragazzi giapponesi pensa che il sole ruoti intorno alla Terra
    Uno dei sistemi educativi più prestigiosi al mondo mostra i suoi difetti.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®