28/12/2010, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Il Natale dimezzato nelle chiese-fortezza d’Iraq

A Kirkuk e Soulaymanyia i cristiani affollano le parrocchie mentre fuori soldati e poliziotti garantiscono la sicurezza. La moglie del presidente Talabani distribuisce doni ai bambini.

Baghdad (AsiaNews) – Concentrate nel nord del Paese dopo la fuga dalle minacce e dalla persecuzione di Baghdad e Mosul, molte famiglie cristiane d’Iraq si sono trovate a celebrare in Natale a Soulaymanyia, nel Kurdistan.

Alla messa erano presenti anche il sindaco, i leader musulmani locali e la moglie del presidente iracheno, il curdo Jalal Talabani. In una chiesa affollatissima, la first lady ha distribuito regali ai bambini con alcuni Babbo Natale. 

A Kirkuk, invece, dove per la prima volta in sette anni non si è celebrata la messa della Vigilia per motivi di sicurezza, le celebrazioni solenni si sono svolte solo la mattina del 25 dicembre. In prima fila, hanno partecipato le autorità locali, il capo della polizia e quello dell’esercito, il rappresentante del grande ayatollah Alì al Sistani, i capi tribù e i leader di partiti.

Fuori dalla chiesa erano schierati militari e poliziotti per garantire la sicurezza dei fedeli dopo l’escalation di attentati e minacce ai cristiani seguite all’attacco qaedista alla chiesa di Nostra Signora del Mutuo Soccorso a Baghdad il 31 ottobre.

Purtroppo, raccontano fedeli interpellati da AsiaNews, “le chiese sono diventate come  fortezze nelle quali non si prega come dovrebbe”.

Sia a Kirkuk, che a Soulaymaniyia i fedeli hanno indossato sulle spalle un lungo nastro rosso per commemorare i martiri della cattedrale di Bagdad e anche per dire che a Natale speranza e pace sono legate al sacrificio. “La speranza  c'è – raccontano i sacerdoti dall’Iraq - ma è fragile come la fragilità degli uomini”. (NA)  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015
Kirkuk: la campagna “Brucia il Corano” rafforza l’amicizia fra cristiani e musulmani
11/09/2010
Patriarca Sako ai politici cristiani: Siate uniti per il bene della comunità e del Paese
18/09/2013
Iraq, mons. Rabban al-Qas: Terroristi stranieri contro chi lavora per la speranza
23/09/2013