25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/07/2010, 00.00

    ISRAELE

    Israele minaccia di lasciare senz’acqua la basilica del Santo Sepolcro

    Arieh Cohen

    Per quasi un secolo i diversi governi della Terrasanta hanno fornito gratis acqua alla basilica e ai pellegrini, come segno di cortesia. Ora il Municipio di Gerusalemme vuol far pagare l’acqua anche per il passato. Perplessità e preoccupazione nelle Chiese cristiane: occorre mettere d’accordo tutti i gruppi che usano l’acqua al Santo Sepolcro.
    Tel Aviv (AsiaNews) - Perplessità e preoccupazione nelle Chiese di Gerusalemme di fronte alla minaccia dell'autorità municipale di tagliare il rifornimento d'acqua alla Basilica del Santo Sepolcro. Sin da quando è cominciata ad arrivare l'acqua corrente nella zona, tutti i governi che si son succeduti hanno fornito acqua al Santo Sepolcro senza pretendere pagamento, quale servizio pubblico ai pellegrini e cortese attenzione per i religiosi, cattolici e non, che custodiscono ed officiano il Santuario.
     
    Così ha fatto il governo britannico della Terra Santa (1917-1948), quello giordano (1948-1967) e finora anche l'israeliano. Senonché le autorità municipali israeliane hanno ripreso ad esercitare forti pressioni e minacce di tagliare l'acqua per farsi pagare, non solo nel futuro ma anche per tutta l'acqua fornita a partire dal 1967.
     
    Le rivelazioni sono giunte ad AsiaNews da fonti della Basilica, che però preferiscono non essere individuate perché si spera sempre che le autorità cittadine si ravvedano. Fatto curioso è che le domande di pagamento vengono indirizzate ad un ente inesistente, "la chiesa del Santo Sepolcro". Una tale amministrazione non esiste, visto che l'antica Basilica è retta dal peculiare regime giuridico internazionalmente riconosciuto, detto dello "Statu quo". Lo "Statu quo" vuol dire che spazi, tempi, e funzioni vengono ripartiti tra la Chiesa Cattolica, rappresentata dalla francescana Custodia di Terra Santa e diversi gruppi di monaci non cattolici, greci e armeni anzitutto, ma anche, in minor misura, copti, etiopi e siri ortodossi.
     
    Uno studioso dei rapporti Chiesa-Stato in Terra Santa, raggiunto da AsiaNews, afferma: "La domanda di pagare per il passato è palesemente infondata, perché si trattava di una scelta politica consapevole e coerente di tutti gli Stati che si son succeduti a Gerusalemme, sia de iure che de facto, di offrire questa cortesia a chi officia e a chi visita la Basilica del Santo Sepolcro di Nostro Signore Gesù Cristo [e in passato anche a molte altre chiese]. Quanto al futuro, nessuno nega che l'acqua corrente possa essere vista come un 'bene di consumo' per il quale si dovrebbe sempre e comunque pagare un giusto prezzo. Comunque, perché ciò possa essere applicato al complesso del Santo Sepolcro, devono avvenire prima precisi accordi tra i diversi utenti quanto alla ripartizione del prezzo per l'acqua fornita agli spazi comuni, e poi si dovranno istallare impianti distinti con i rispettivi contatori per permettere di esigere da ciascuno dei gruppi di monaci il pagamento relativo al proprio consumo. Di fatto si tratterebbe di un'operazione giuridica e tecnica abbastanza complessa, che può essere affrontata solo di comune accordo e non a suon di raffiche di avvertimenti perentori, indirizzati a nessuno in particolare”.
     
    Con una certa perplessità, lo studioso conclude: “Ma alla fine, vale proprio la pena per le autorità israeliane togliere un'apprezzata cortesia, praticata da tutti gli altri Stati che hanno controllato la zona? É probabile che chi ha avuto quest’idea si consulti ora con l'ufficio del Primo Ministro o con il Ministero degli Esteri, per venire a più miti consigli".
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2013 TERRA SANTA
    Diventa un caso il pestaggio di un sacerdote copto-ortodosso compiuto dalla polizia israeliana
    Il fatto è avvenuto lo scorso 4 maggio durante le celebrazioni del Sabato Santo a Gerusalemme. Patriarcato e cristiani di Terra Santa puntano il dito contro la brutalità della polizia. Per il vescovo di Gerusalemme "chiudere gli accessi al Santo Sepolcro e maltrattare i pellegrini, fra cui anziani e handicappati, non ha nulla a che a fare con la sicurezza".

    08/04/2011 ISRAELE – TERRASANTA
    Capi cristiani contro Israele: Ingiusti il divieto al vescovo anglicano e le nuove tasse
    Mons. Suheil Dawani, di Nablus, è considerato uno “straniero” da Israele e gli è proibito andare in cattedrale e in curia a Gerusalemme est. Un altro prelato è stato minacciato di espulsione. Le nuove tasse sono un sopruso contro la tradizione dell’impero ottomano, del Mandato britannico, della Giordania e contro la Risoluzione Onu del ’47 che ha fondato lo Stato di Israele. Con le nuove tasse le Chiese rischiano di non poter garantire la presenza in Terra Santa e cancellare il loro ministero pastorale e di cura dei bisognosi nel campo dell’educazione e della sanità.

    03/06/2004 ISRAELE-PALESTINA-TERRASANTA
    Nuovo Custode, ben accolto da leader religiosi e politici
     

    07/10/2008 ISRAELE
    Gerusalemme, rischia di crollare il monastero sopra il Santo Sepolcro
    La struttura, al centro di una disputa fra i monaci della Chiesa ortodossa etiope e la Chiesa coopta, potrebbe crollare se non verrà effettuata una profonda opera di restauro. Israele ha più volte avanzato la proposta di accollarsi l’onere, ma il mancato accordo sulla proprietà ha bloccato i lavori.

    02/06/2004 israele - terrasanta
    La Custodia: "No alla chiusura della Porta Nuova"




    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®