04/05/2013, 00.00
TURCHIA
Invia ad un amico

La Turkish Airlines sempre più “islamica” vieta il rossetto alle hostess

La decisione fa parte del nuovo codice estetico della compagnia di bandiera. Da mesi le inservienti donne vestono con una nuova divisa con velo o fez. I partiti laici accusano il partito del Premier Erdogan di voler islamizzare in modo silenzioso la società.

Ankara (AsiaNews) - La Turkish Airlines si scaglia contro il trucco femminile e vieta alle sue hostess rossetti troppo appariscenti. Il provvedimento fa parte del nuovo codice estetico della compagnia di bandiera turca. La decisione ha scatenato molte polemiche fra la popolazione, che accusa il governo di voler islamizzare il Paese. In questi giorni, numerose donne hanno diffuso sui social network foto mentre si truccano le labbra di rosso brillante o rosa. 

Il divieto del "rossetto" è l'ultimo di una serie di misure conservative adottate dalla compagnia aerea. Gursel Tekin, vice-presidente del  Cumhuriyet Halk Partisi, Chp, principale partito di opposizione, afferma che "tale misura è un atto perverso". In questi giorni la Turkish Airlines ha risposto alle critiche del mondo laico, affermando che il nuovo codice estetico serve per dare più eleganza alle hostess, utilizzando colori pastello e per i vestiti e per il trucco.

Il cambiamento delle regole della compagnia di bandiera rispecchierebbe le direttive del governo del partito filo islamico Giustizia e sviluppo del Premier Recep Tayyin Erdogan, al potere da oltre un decennio. Lo Stato possiede il 49% dell'azienda e negli ultimi mesi ha varato una serie di restrizioni per rendere più "islamici" i suoi voli attraverso il divieto di alcolici, uniformi con velo o fez per le hostess in stile neo-ottomano, con gonne fino alle caviglie.

Dalla salita al potere di Erdogan il Paese ha iniziato un lento ritorno all'islam e alla religione, dopo decenni di laicismo kemalista.  Nella società sono aumentate le donne che scelgono di portare il velo, ancora vietato negli uffici pubblici, e si moltiplicano i luoghi in cui è vietata la vendita di alcolici. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo curdo: cristiani in fuga dai bombardamenti turchi, la ‘paura è grande’
22/06/2020 11:37
Kurdistan, raid turchi contro il Pkk: colpito villaggio cristiano, morto un pastore curdo
19/06/2020 14:38
Idlib: raid aerei russo-siriani provocano 16 vittime civili, sei i bambini
29/08/2019 08:50
Kerry vola in Turchia per chiedere sostegno contro lo Stato islamico
12/09/2014
Vescovo di Arbil: un “grido di dolore” per l’attacco turco nel Kurdistan
23/02/2008