12/01/2007, 00.00
HONG KONG
Invia ad un amico

Le chiese cristiane di Hong Kong vogliono vivere l'unità di fede

In occasione della prossima settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, le denominazioni cristiane del Territorio ammetton che la competizione interna le previene a volte dal testimoniare che il Signore è uno ed invitano all’unità.
Hong Kong (AsiaNews) – I servizi che le diverse chiese cristiane di Hong Kong offrono alla società “sono molti, eppure le loro missioni sono diverse” ed a volte la competizione tra le stesse “le previene dal testimoniare che il Signore è uno”. Con “un unico cuore ed un’unica mente”, esse vogliono invece poter dimostrare “unità di fede, tramite l’amore e la cura di Cristo per i bisognosi della nostra società, ad Hong Kong e nel mondo”.
 
E’ questo il senso del messaggio congiunto pubblicato oggi dalle chiese cristiane del Territorio in occasione della prossima settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, che inizia il 18 gennaio, dal tema “Ha fatto bene ogni cosa; fa udire i sordi e fa parlare i muti!” (Mc, 7: 37). Il messaggio è firmato dalla Commissione ecumenica diocesana della Chiesa cattolica, dal Comitato per l’unità e le relazioni con le chiese del Consiglio cristiano e dall’ufficio del  metropolita del Patriarcato ecumenico ortodosso di Hong Kong e del sud-est asiatico.
 
Riportiamo di seguito il testo integrale del messaggio.
 
“Noi, come Chiesa, siamo chiamati da Dio ad essere uniti insieme nel corpo di Cristo. Apparteniamo tutti a Cristo e da lui siamo inviati a proclamare gli splendidi atti di Dio che abbiamo visto e sentito. Inoltre, la Chiesa è un organo benedetto dalla fede, chiamata a portare la stessa benedizione ad altri.
 
Il nostro Signore fissa un esempio di compassione. Si cura di coloro che sono in difficoltà ed aiuta chi ha bisogno. Le Scritture dicono che “ha fatto bene ogni cosa; fa udire i sordi e fa parlare i muti”. Di conseguenza, la Chiesa dovrebbe cercare la guida dello Spirito Santo per amare i poveri ed i deboli così come fece Cristo.
 
Ogni qual volta vengono alla luce le difficili situazioni di comunità meno privilegiate, tutte le chiese offrono il loro aiuto e servizio. Fra questi vi sono assistenza medica, istruzione, primo soccorso, opere di guida e riconciliazione. Alcuni di questi servizi sono stati fondati proprio dalle chiese, altre da fondazioni pubbliche. E’ un fatto che le chiese abbiano ottenuto molta credibilità nella società proprio grazie a queste opere.
 
I servizi delle chiese sono molti, eppure le loro missioni sono diverse. A volte, la competizione tra noi stessi è evidente e ci previene dal testimoniare che il Signore nostro Dio è uno. San Paolo ha detto: “Vi sono poi diversità di carismi, ma uno solo è lo Spirito; vi sono diversità di ministeri, ma uno solo è il Signore; vi sono diversità di operazioni, ma uno solo è Dio, che opera tutto in tutti. E a ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per l'utilità comune”.
 
Con un unico cuore ed un’unica mente, lasciateci dimostrare la nostra unità di fede esprimendo l’amore e la cura di Cristo per i bisognosi della nostra società, ad Hong Kong e nel mondo. Tramite i nostri servizi sociali, visibili a tutti, noi portiamo la testimonianza di essere uniti in Cristo. “Poiché da lui, grazie a lui e per lui sono tutte le cose. A lui la gloria nei secoli. Amen.”
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gerusalemme, Settimana dell’unità: i cristiani ‘satelliti intorno l’unico sole che è Cristo’
22/01/2018 12:41
Papa: il mondo vuole conoscere “il volto di Dio”, ma solo uniti i cristiani possono mostrarlo
23/01/2008
Andrej Rublev, un santo russo celebrato anche a Roma
22/01/2019 12:43
Mons. Barwa: In Orissa i progrom indù hanno unito i cristiani. L’ecumenismo del sangue
20/01/2017 10:58
Sacerdote di Lahore: Nella Settimana per l’unità dei cristiani, superiamo le diffidenze
17/01/2017 13:04