13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/12/2017, 13.00

    FILIPPINE

    Mindanao, Silsilah: ‘Avvento, tempo di riconciliazione’



    Cristiani e musulmani invitati perseverare nell’incontro, nonostante le differenze. Iniziative di dialogo, segni di solidarietà a storie di amicizia tra le due comunità siano fonte d’ispirazione.

    Zamboanga (AsiaNews) – “Questo è un tempo di grandi sfide per tutti. Questa può essere una grande occasione di riconciliazione”. Come ogni anno in occasione dell’Avvento, il movimento per il dialogo e la pace Silsilah [in arabo: catena, legame ndr], fondato a Zamboanga (isola di Mindanao) dal missionario del Pime p. Sebastiano D’Ambra (foto) nel 1984, pubblica un messaggio di auguri rivolto a cristiani e musulmani. Nel sud delle Filippine, Silsilah è una storica presenza di sensibilizzazione culturale, formazione e condivisione, il cui obiettivo è far incontrare i fedeli delle due religioni, riscoprendo il legame che li conduce all’unico Dio.

    “In questa occasione – si legge nel documento – Silsilah desidera ricordare ai cristiani di leggere i segni dei tempi che mettono alla prova la loro fede con persecuzioni in molte parti del mondo e il crescente materialismo, che gradualmente sta avvelenando il vero messaggio dell'amore di Gesù. Molti cristiani sono tentati di dimenticare il messaggio di Gesù di ‘prendere la croce ogni giorno e seguirlo’ e che Egli è venuto nel mondo per il piano d'amore di Dio”. Ai musulmani Silsilah esprime solidarietà per “il dolore causato da coloro che usano il nome dell'islam per realizzare i loro piani, attraverso un'ideologia che sostiene l'estremismo violento”. “I buoni musulmani oggi sono sotto processo – si legge nella nota – Questa può essere un'occasione di purificazione ed unità tra le diverse comunità islamiche in tutto il mondo”.

    Ricordando le sofferenze della popolazione dell’isola durante la crisi di Marawi, Silsilah rinnova il proprio impegno contro l’odio religioso ed invita cristiani e musulmani a non perdere la speranza. Essi sono chiamati a trovare ispirazione nelle iniziative di dialogo, nei segni di solidarietà a nelle storie di amicizia tra le due comunità. “Tutti gli eventi di odio e amore nella vita del mondo e a Mindanao ci spingono a ricordare ai cristiani il messaggio di Avvento e Natale come un tempo di amicizia e pace. Incoraggiamo i fratelli e le sorelle musulmane a proseguire con più coraggio, per dimostrare con le loro vite che l'islam è una religione di pace […]. Speriamo di poter mostrare al mondo che siamo uniti, tenendo a mente, al di là delle nostre differenze, il Messaggio di amore di Gesù in questo momento speciale di preparazione al Natale”, conclude il comunicato.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/09/2009 FILIPPINE
    Ramadan occasione di amicizia tra cristiani e musulmani
    Giornalista islamica di Mindanao racconta la sua esperienza di amicizia quotidiana con i cristiani e giudica conoscenza e rispetto reciproco una possibile via per l’armonia tra le due fedi.

    10/07/2017 12:53:00 FILIPPINE
    Silsilah per un futuro di pace a Mindanao: ‘Abbandonare la via dell'odio e del conflitto’

    “Le vittime non sono solo i cristiani, ma anche e soprattutto i musulmani”. “Vi sono gruppi esterni e centri di potere interessati a dividerci”. Il movimento per il dialogo promuove “una nuova forma di dialogo basata su un amore che va oltre il limite della tolleranza”. L’invito a fuggire la logica della vendetta: “Abbracciate il ‘radicalismo dell’amore’, per avere ‘cambiamenti radicali nella nostra società’”.



    04/07/2017 13:12:00 FILIPPINE
    Sarah L. Handag, educatrice musulmana: ‘L’istruzione, strumento per combattere l’odio’

    La donna è a capo del Programma educativo per le madrasse a Zamboanga (Mindanao). “Educare i cuori, non solo le menti; solo educando al dialogo religioso sapremo costruire ponti tra musulmani e cristiani”. “L’ignoranza, la mancanza di educazione, la povertà e la politica sono i veri nemici dell’islam di oggi”. L’esperienza di Silsilah, il movimento fondato da p. Sebastiano D’Ambra: “Queste storie possono ispirare altre città”.



    29/07/2016 10:59:00 FILIPPINE
    P. D’Ambra: A Jolo la vita dei cristiani è in pericolo, i jihadisti vogliono ucciderli

    Il missionario del Pime, presidente del gruppo Silsilah per il dialogo interreligioso, fa appello alle autorità “perché trovino soluzioni contro l’agonia dei cristiani”. Pochi giorni fa un uomo è stato ucciso e altri 20 sono minacciati di morte dagli integralisti. A rischio anche i musulmani moderati, ma essi “non siano testimoni silenziosi di questa persecuzione”.

     



    11/12/2015 FILIPPINE
    Missonario Pime: Il Giubileo “occasione di pace per i musulmani di Mindanao”
    P. Sebastiano D’Ambra ha fondato 30 anni fa il Silsilah Forum, movimento per il dialogo tra cristianesimo e islam. Secondo il sacerdote, “anche per i fedeli di Allah è importante il discorso sulla misericordia, come testimonia molto bene il messaggio del Corano”. Il missionario opera a Mindanao, isola a forte densità islamica: “Fra poco ci saranno le elezioni politiche e si prevedono violenze. Dobbiamo dialogare anche sulla presenza dell’Isis, di cui nessuno parla”.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®