21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2017, 14.43

    INDIA - VATICANO

    Mons. Machado: Papa Francesco, un dono alla Chiesa contro la globalizzazione dell’indifferenza

    Felix Machado*

    Una breve riflessione nel quarto anno di pontificato. Fonte di motivazione per i ministri, il Papa ha riavvicinato alla Chiesa quanti se ne erano distanziati. Bisogna combattere indifferenza e povertà. L’incontro ecumenico e la missione evangelica in un mondo sofferente.

    Vasai (AsiaNews) - Suonerà superfluo dire che Papa Francesco è un dono speciale che Dio ha fatto alla Chiesa. Nella mia vita, questo è stato vero per tutti i Papi. Gesù, la saggezza di Dio, ha donato alla Chiesa Pietro e i suoi successori.

    Con Papa Francesco, la Chiesa ha una nuova vita. Egli riporta l’amore alla Chiesa per quanti, per un motivo o per un altro, se ne erano distanziati. Papa Francesco è anche fonte di rinnovata motivazione per noi ministri (servi) della Chiesa, e la mia felicità nel servirla cresce di giorno in giorno. La gioia del Vangelo, della famiglia e dell’essere cristiano è più manifesta nella Chiesa.

    “Evangelii Gaudium, Amoris Laetitia, Laudato Si”. Ora più che mai, il mondo ha bisogno di questa gioia.

    L’indifferenza

    Al giorno d’oggi, la questione della migrazione è la più grave. Dall’interno, le migrazioni possono essere viste nella realtà dei rifugiati e, in maniera più sottile, come traffico di esseri umani. L’alienazione dell’essere umano è legata al più ampio problema della povertà – alle privazioni economiche e a all’isolamento che portano alla mortificazione della persona. La povertà è legata all’ingiustizia, alla corruzione, al consumismo (che imprigiona le persone in una rete di false gratificazioni, impedendo loro di vivere la propria individualità in maniera autentica e concreta), al degrado ambientale (cf. Papa Francesco, Laudato si, nn. 48-49), alla salute e al benessere dell’essere umano dal grembo materno fino alla tomba.

    L’analisi marxista sulle società capitaliste e borghesi riduce la commercializzazione e l’alienazione dell’esistenza umana alla produzione materialista e al possesso, dando ad essi fondamenta materialistiche.

    L’8 luglio 2013, Papa Francesco ha visitato Lampedusa, il porto dove arrivano i rifugiati in Italia, se sopravvivono al viaggio. Papa Francesco ha sfidato il mondo a risvegliare la propria coscienza: “Da quelle barche che invece di essere una via di speranza sono state una via di morte!”

    Egli ha ricordato quelle domande poste da Dio che “risuonano anche oggi, con tutta la loro forza”: «Dove sei Adamo?» e «Caino, dov’è tuo fratello?» (Genesi 3,9 e 4,9). Poiché “siamo disorientati” e non “più attenti al mondo in cui viviamo, non curiamo, non custodiamo quello che Dio ha creato per tutti e non siamo più capaci neppure di custodirci gli uni gli altri. E quando questo disorientamento assume le dimensioni del mondo, si giunge a tragedie come quella a cui abbiamo assistito.”

    “Questa non è una domanda rivolta ad altri, è una domanda rivolta a me, a te, a ciascuno di noi. Quei nostri fratelli e sorelle cercavano di uscire da situazioni difficili per trovare un po’ di serenità e di pace; cercavano un posto migliore per sé e per le loro famiglie, ma hanno trovato la morte. (…) Chi è il responsabile del sangue di questi fratelli e sorelle? Nessuno! Tutti noi rispondiamo così: non sono io, io non c’entro, saranno altri, non certo io. (…) Oggi nessuno nel mondo si sente responsabile di questo; abbiamo perso il senso della responsabilità fraterna (…) In questo mondo della globalizzazione siamo caduti nella globalizzazione dell'indifferenza. Ci siamo abituati alla sofferenza dell’altro, non ci riguarda, non ci interessa, non è affare nostro! (…) la globalizzazione dell’indifferenza ci ha tolto la capacità di piangere!”

    L’ecumenismo

    A 30 anni dallo storico incontro del 1986 ad Assisi, lo scorso settembre Papa Francesco ha preso parte alla preghiera interreligiosa per la pace.

    Sull’ecumenismo, Papa Francesco insiste affinché, continuando a sperare per una completa e visibile unità, non smettiamo di proclamare il Vangelo di Gesù Cristo a tutte le nazioni e lavoriamo assieme, infaticabili e con urgenza, per portare la Misericordia di Dio al nostro mondo sofferente. Il 5 ottobre 2016, durante i vespri nella Chiesa di San Gregorio al Celio di Roma, egli si è rivolto ai vescovi cattolici e anglicani provenienti da 19 Paesi: “È una grande chiamata quella ad operare come strumenti di comunione sempre e ovunque. Ciò significa promuovere al tempo stesso l’unità della famiglia cristiana e l’unità della famiglia umana. I due ambiti non solo non si oppongono, ma si arricchiscono a vicenda. Quando, come discepoli di Gesù, offriamo il nostro servizio in maniera congiunta, gli uni a fianco degli altri, quando promuoviamo l’apertura e l’incontro, vincendo la tentazione delle chiusure e degli isolamenti, operiamo contemporaneamente sia a favore dell’unità dei cristiani sia di quella della famiglia umana. Ci riconosciamo così come fratelli che appartengono a tradizioni diverse, ma sono spinti dallo stesso Vangelo a intraprendere la medesima missione nel mondo. Allora sarebbe sempre bene, prima di intraprendere qualche attività, che vi possiate porre queste domande: perché non facciamo questo insieme ai nostri fratelli anglicani?; possiamo testimoniare Gesù agendo insieme ai nostri fratelli cattolici?”

    Il Santo Padre ha proseguito: “La missione dei Pastori è quella di aiutare il gregge loro affidato, perché sia in uscita, in movimento nell’annunciare la gioia del Vangelo; non chiuso in circoli ristretti, in “microclimi” ecclesiali che ci riporterebbero ai giorni di nuvole e caligine. (…) Insieme chiediamo a Dio la grazia di imitare lo spirito e l’esempio dei grandi missionari, attraverso i quali lo Spirito Santo ha rivitalizzato la Chiesa, che si rianima quando esce da sé per vivere e annunciare il Vangelo sulle strade del mondo. [Il movimento ecumenico è] proprio il fuoco della missione a permettere di iniziare a superare gli steccati e abbattere i recinti che ci isolavano e rendevano impensabile un cammino comune.”

    Grazie, Papa Francesco. Possa Dio donarti molti anni di servizio alla guida della Chiesa. Papa Francesco sa molto bene che è Cristo la vera guida della Chiesa, ma la responsabilità del Papa è anche grande e per questo preghiamo affinché Dio gli doni la forza e il coraggio per fortificare tutti noi nella professione di fede di Pietro.

     

    * Mons. Felix Machado, vescovo di Vasai in India, è presidente della Commissione per il dialogo ecumenico e interreligioso della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche (Fabc) e presidente dell'Ufficio per il dialogo e l'ecumenismo della Conferenza episcopale dell'India (Cbci).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/10/2016 16:42:00 SVEZIA – VATICANO
    Papa in Svezia: “cattolici e luterani sappiano testimoniare insieme il Vangelo”

    Una dichiarazione comune. “Mentre il passato non può essere cambiato, la memoria e il modo di fare memoria possono essere trasformati”. “Esortiamo luterani e cattolici a lavorare insieme per accogliere chi è straniero, per venire in aiuto di quanti sono costretti a fuggire a causa della guerra e della persecuzione, e a difendere i diritti dei rifugiati e di quanti cercano asilo”.



    05/09/2013 VATICANO - INDIA
    Papa: insieme con ortodossi siro-malankaresi davanti alle sfide del nostro tempo
    Francesco ha ricevuto il primate della Chiesa che in India conta due milioni e mezzo di fedeli. Dal 1990 una Commissione mista "ha portato a passi significativi su temi quali l'uso comune di edifici di culto e di cimiteri, la mutua concessione di risorse spirituali e persino liturgiche in situazioni pastorali specifiche, e sulla necessità di individuare nuove forme di collaborazione davanti alle crescenti sfide sociali e religiose".

    03/10/2016 10:48:00 VATICANO
    Papa: una cosa è accogliere gli omosessuali, altra l’indottrinamento gender a scuola

    Nel volo di ritorno dall’Azerbaijan Francesco ha risposto anche a domande sui viaggi, la pace tra Armenia e Azerbaigian, il prossimo concistoro, l’ecumenismo e il Nobel per la pace. “Le relazioni tra Vaticano e Cina si devono stabilizzare in positivo, si deve fissare in un rapporto e di questo si sta parlando, lentamente … Ma le cose lente vanno bene”. Nel 2017 forse viaggerà in India e Bangladesh.

     



    24/03/2014 VATICANO - SIRIA - INDIA
    Papa: con il patriarca Zakka, il mondo cristiano perde uno dei suoi leader, uomo di dialogo e di pace
    Messaggio di Francesco per la morte del patriarca della Chiesa Siro-Ortodossa di Antiochia e di tutto l'Oriente. "Osservatore" al Concilio, ha contribuito a rafforzare i rapporti tra i cristiani e in particolare con la Chiesa cattolica. Il profondo rapporto con l'India. Chiesa siro-ortodossa del Kerala ha proclamato 40 giorni di lutto.

    03/07/2017 13:20:00 VATICANO
    Papa: alla Fao, la fame non è solo un fenomeno naturale, ma frutto di egoismi e guerre

    In un suo messaggio Francesco richiama la comunità internazionale al dovere della solidarietà. La malnutrizione “risultante di una più complessa condizione di sottosviluppo, causata dall’inerzia di molti e dall’egoismo di pochi”. “Tutti siamo consapevoli che non basta l’intenzione di assicurare a tutti il pane quotidiano, ma è necessario riconoscere che tutti ne hanno diritto e ne debbono quindi usufruire”.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®