24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/02/2018, 08.22

    SIRIA

    Nunzio a Damasco: Sanità al collasso, ospedali cattolici una 'grazia' aperta a tutti



    Continua l’escalation di violenze in diverse zone della Siria. Si combatte a Goutha est, Idlib e Hama; colpi di mortaio sulla capitale. Card Zenari: Più vittime per mancanza di cure che per le bombe. Metà dei nosocomi e delle cliniche “fuori servizio”, il 75% del personale è fuggito. La testimonianza degli “Ospedali aperti” che curano cristiani e musulmani poveri”. 

     

    Damasco (AsiaNews) - In queste ultime settimane il conflitto siriano è tornato a intensificarsi “con scontri sanguinosi a Goutha est” [circa 400 vittime secondo alcune fonti] e “lanci di mortai su alcuni quartieri centrali di Damasco”, provocando diverse vittime “anche fra i bambini”. Vi sono poi in atto “aspri scontri a Idlib”, che provocano “ogni giorno morti e feriti”, nella provincia centrale di Hama” e “al nord, nell’area di Afrin” dove è in atto l’offensiva turca. È quanto racconta ad AsiaNews il card. Mario Zenari, nunzio apostolico a Damasco, descrivendo un quadro che rischia di aggravare ancor più una situazione sanitaria nel Paese già critica. “È ormai accertato - sottolinea il porporato - che muoiono più persone per mancanza di cure ospedaliere e medicine, che per scontri o sotto le bombe”. 

    Gil ultimi dati ufficiali disponibili, forniti dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), risalgono al settembre 2017 e confermano il peggioramento della situazione. A causa del conflitto siriano, prosegue il nunzio apostolico, la metà degli ospedali pubblici (111 in totale) e dei centri di assistenza al malato (1806 sparsi sul territorio) sono “completamente fuori servizio, o lavorano in modo incompleto o parziale”. 

    “Se il numero delle vittime dirette del conflitto [divampato nel marzo 2011] - aggiunge il card Zenari - è di circa mezzo milione, sono molti di più quelli che sono deceduti per la mancanza di cure sanitarie”. La situazione è vicina al collasso, anche perché [sempre secondo dati Oms] “i due terzi (il 75% circa) del personale sanitario fra medici, tecnici ospedalieri e infermieri ha lasciato la Siria. E questo è un quadro allarmante”. 

    Il nunzio apostolico a Damasco ricorda che la guerra non miete vittime solo attraverso le armi e gli eserciti in contrapposizione fra loro. Essa provoca anche morti a causa della crescente povertà e condizioni di vita sempre più difficili da sostenere. “Prima quanti avevano un lavoro - spiega - potevano beneficiare anche di una assistenza mutualistica. Ora la mancanza di lavoro ha determinato anche la decadenza dei servizi mutualistici e le persone faticano a farsi curare”.

    Il 69% dei siriani, continua il porporato, vive in condizioni di “estrema povertà”, quindi “se uno ha un malanno, dall’influenza alla polmonite, al cancro o altre patologie gravi, è costretto a tenersele senza poter intervenire”.  

    Di fronte all’emergenza, la Chiesa siriana - con la collaborazione della Santa Sede e il sostegno dello stesso papa Francesco - ha deciso di rilanciare le prestazioni offerte dai tre ospedali cattolici del Paese (due a Damasco e uno ad Aleppo) nel contesto del progetto “Ospedali aperti”. Due anni fa visitando i tre centri gestiti da istituti religiosi femminili, ricorda il porporato, “sono rimasto colpito perché non lavoravano al pieno delle possibilità. Vedevo posti letto vuoti, gli ambulatori che non funzionavano e questo a causa dei costi di mantenimento e manutenzione elevati, dall’elettricità al gasolio, ai macchinari e le attrezzature”. 

    La nunziatura e il papa hanno quindi voluto impegnarsi per “rilanciare questi tre ospedali cattolici”, garantendo “libero accesso a chi non può pagare. Un malato si presenta in una delle strutture, viene valutata la malattia e viene verificata la sua disponibilità finanziaria. Se povero, gli vengono aperte le porte e fornite tutte le cure possibili e ciò avviene sia che si chiami Pietro, sia che si chiami Mohammed. Non si fanno differenze [di fede religiosa] e si dà a tutti il benvenuto”. 

    Proprio questa apertura a tutti i bisognosi, senza distinzioni, diventa una “grande gesto” di “carità” in un contesto di conflitto, violenze e divisioni, aggiunge il card. Zenari. “Una bella testimonianza di evangelizzazione” aggiunge, anche se spesso “sembrano solo tre gocce nel deserto”. “Con questo progetto - conclude il nunzio apostolico - non possiamo risolvere l’emergenza sanitaria, ma vogliamo continuare a essere un segno della carità di papa Francesco e della Chiesa in Siria”.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/10/2017 15:08:00 SIRIA
    Io, medico cristiano ad Aleppo, vicino alle vittime della guerra

    Nabil Antaki parla di grandi segnali di speranza. Centinaia di volontari lavorano giorno e notte per garantire la sopravvivenza agli altri. Membro laico dei Maristi blu è uno dei pochi dottori rimasti in città. La fede in Cristo è “forza per restare”. In Siria l'80% della popolazione non ha cure sanitarie. il 70% dei medici specialisti sono emigrati.



    16/02/2016 08:57:00 SIRIA
    Siria, i missili russi su ospedali e scuole "sono crimini di guerra”

    Oggi Francia e Turchia hanno condannato con durezza il lancio su obiettivi civili da parte di Mosca. Il Cremlino però non ha ancora rilasciato dichiarazioni. I missili hanno provocato almeno 50 morti, tra civili e personale medico. Le nuove violenze “gettano ombre” sulla risoluzione del conflitto a breve termine.



    19/08/2016 13:15:00 SIRIA
    Nunzio a Damasco: Gli occhi dei bambini, specchio delle atrocità commesse in Siria

    Da agosto non arrivano aiuti nelle aree sotto assedio. Chiesta la sospensione dei bombardamenti su Aleppo. Il volto di un bambino salvato dalle macerie è l’immagine del conflitto siriano. Mons. Zenari: “Non si vede la fine del tunnel”, fondamentale “l’accesso agli aiuti umanitari”. 



    07/04/2017 15:32:00 INDIA – SIRIA
    Card. Gracias:dolore e preghiere per l’attacco Usa in Siria e per le bombe chimiche a Idlib

    L’arcivescovo di Mumbai offre al card. Zenari la sua vicinanza e le preghiere di tutta l’Asia. I bambini in Asia piangono per i bambini in Siria. Gli orrori inimmaginabili della guerra sono aggravati dalle bombe.



    21/09/2016 12:06:00 SIRIA
    Caritas: La Siria, campo da calcio dove le grandi potenze usano gli innocenti come palla

    I combattenti distruggono con le loro “enormi scarpe” infrastrutture, fabbriche ed edifici. Sfollati, mancanza di cibo, educazione, migrazione, anziani abbandonati e bambini che giocano alla guerra conseguenze del conflitto. Più che gli aiuti, le persone desiderano solo la pace. La lettera appello della portavoce dell’organismo cattolico, in concomitanza con la Giornata internazionale della pace.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®