3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/07/2012
MYANMAR
Nuove accuse di violenze delle autorità birmane contro i Rohingyas
Gruppi di difesa dei diritti umani parlano di attacchi, uccisioni e impossessamento di proprietà contro la minoranza musulmana da parte di forze di sicurezza e buddisti. Il governatore dello Stato dello Stato di Rakhine nega gli addebiti.

Bangkok (AsiaNews/Agenzie) - Nuove denunce di violenze delle forze di sicurezza birmane e dei buddisti contro i Rohingyas, minoranza musulmana nello Stato occidentale di Rakhine, in Myanmar. A lanciarle è Amnesty International. Da Bangkok Benjamin Zawacki, ricercatore dell'organizzazione, parla di attacchi, uccisioni, impossessamento di proprietà.

Nell'area è tuttora in vigore lo Stato di emergenza. Secondo denunce presentate già in passato da Human Rights Watch (Hrw), le forze di sicurezza birmane hanno compiuto "ispezioni di massa" e altri abusi ai danni delle comunità musulmane della zona. Per gli attivisti le autorità locali sono responsabili di atti "discriminatori" contro le minoranze, perché lasciano impuniti i buddisti Arakan mentre si accaniscono nei confronti dei Rohingya. Un paio di settimane fa l'Onu ha denunciato l'arresto di alcuni operatori umanitari, tra i quali alcuni dipendenti delle stesse Nazioni Unte.

All'origine dei violenti scontri interconfessionali, la condanna a morte, a giugno di tre musulmani, ritenuti responsabili dello stupro e dell'uccisione a fine maggio di Thida Htwe, giovane buddista Arakanese.

Da allora le violenze non si sono praticamente fermate.  Ma ora Win Myaing, governatore dello Stato, contesta le nuove accuse di Amnesty, definendole "prevenute e prive di fondamento". Ma anche Chris Lewa, direttore del The Arakan Project, che si occupa dei Rohingyas nella regione, conferma le accuse. In un colloquio con la BBC ha parlato di arresti di centinaia di persone, di percosse e torture.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/03/2014 MYANMAR
Myanmar, il governo esclude i Rohingya dal censimento sulla popolazione
23/08/2012 MYANMAR
Ramadan in Myanmar: moschee chiuse e divieto di preghiera per i Rohingya
29/04/2015 MYANMAR
Rakhine: centinaia di civili in fuga dalle violenze fra soldati birmani e milizie Arakan
28/03/2014 MYANMAR
Arcivescovo di Yangon: un censimento “trasparente” è una “grande opportunità” di pace
di Francis Khoo Thwe
28/05/2013 MYANMAR
Aung San Suu Kyi: musulmani Rohingya discriminati con la "legge dei due figli"

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate