24 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/07/2012
MYANMAR
Nuove accuse di violenze delle autorità birmane contro i Rohingyas
Gruppi di difesa dei diritti umani parlano di attacchi, uccisioni e impossessamento di proprietà contro la minoranza musulmana da parte di forze di sicurezza e buddisti. Il governatore dello Stato dello Stato di Rakhine nega gli addebiti.

Bangkok (AsiaNews/Agenzie) - Nuove denunce di violenze delle forze di sicurezza birmane e dei buddisti contro i Rohingyas, minoranza musulmana nello Stato occidentale di Rakhine, in Myanmar. A lanciarle è Amnesty International. Da Bangkok Benjamin Zawacki, ricercatore dell'organizzazione, parla di attacchi, uccisioni, impossessamento di proprietà.

Nell'area è tuttora in vigore lo Stato di emergenza. Secondo denunce presentate già in passato da Human Rights Watch (Hrw), le forze di sicurezza birmane hanno compiuto "ispezioni di massa" e altri abusi ai danni delle comunità musulmane della zona. Per gli attivisti le autorità locali sono responsabili di atti "discriminatori" contro le minoranze, perché lasciano impuniti i buddisti Arakan mentre si accaniscono nei confronti dei Rohingya. Un paio di settimane fa l'Onu ha denunciato l'arresto di alcuni operatori umanitari, tra i quali alcuni dipendenti delle stesse Nazioni Unte.

All'origine dei violenti scontri interconfessionali, la condanna a morte, a giugno di tre musulmani, ritenuti responsabili dello stupro e dell'uccisione a fine maggio di Thida Htwe, giovane buddista Arakanese.

Da allora le violenze non si sono praticamente fermate.  Ma ora Win Myaing, governatore dello Stato, contesta le nuove accuse di Amnesty, definendole "prevenute e prive di fondamento". Ma anche Chris Lewa, direttore del The Arakan Project, che si occupa dei Rohingyas nella regione, conferma le accuse. In un colloquio con la BBC ha parlato di arresti di centinaia di persone, di percosse e torture.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/03/2014 MYANMAR
Myanmar, il governo esclude i Rohingya dal censimento sulla popolazione
23/08/2012 MYANMAR
Ramadan in Myanmar: moschee chiuse e divieto di preghiera per i Rohingya
28/03/2014 MYANMAR
Arcivescovo di Yangon: un censimento “trasparente” è una “grande opportunità” di pace
di Francis Khoo Thwe
28/05/2013 MYANMAR
Aung San Suu Kyi: musulmani Rohingya discriminati con la "legge dei due figli"
15/06/2012 MYANMAR – SVIZZERA
Sittwe, calma apparente dopo le violenze religiose. Per Aung San Suu Kyi dilemma Rohingya

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate