28 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/07/2012, 00.00

    MYANMAR

    Nuove accuse di violenze delle autorità birmane contro i Rohingyas



    Gruppi di difesa dei diritti umani parlano di attacchi, uccisioni e impossessamento di proprietà contro la minoranza musulmana da parte di forze di sicurezza e buddisti. Il governatore dello Stato dello Stato di Rakhine nega gli addebiti.

    Bangkok (AsiaNews/Agenzie) - Nuove denunce di violenze delle forze di sicurezza birmane e dei buddisti contro i Rohingyas, minoranza musulmana nello Stato occidentale di Rakhine, in Myanmar. A lanciarle è Amnesty International. Da Bangkok Benjamin Zawacki, ricercatore dell'organizzazione, parla di attacchi, uccisioni, impossessamento di proprietà.

    Nell'area è tuttora in vigore lo Stato di emergenza. Secondo denunce presentate già in passato da Human Rights Watch (Hrw), le forze di sicurezza birmane hanno compiuto "ispezioni di massa" e altri abusi ai danni delle comunità musulmane della zona. Per gli attivisti le autorità locali sono responsabili di atti "discriminatori" contro le minoranze, perché lasciano impuniti i buddisti Arakan mentre si accaniscono nei confronti dei Rohingya. Un paio di settimane fa l'Onu ha denunciato l'arresto di alcuni operatori umanitari, tra i quali alcuni dipendenti delle stesse Nazioni Unte.

    All'origine dei violenti scontri interconfessionali, la condanna a morte, a giugno di tre musulmani, ritenuti responsabili dello stupro e dell'uccisione a fine maggio di Thida Htwe, giovane buddista Arakanese.

    Da allora le violenze non si sono praticamente fermate.  Ma ora Win Myaing, governatore dello Stato, contesta le nuove accuse di Amnesty, definendole "prevenute e prive di fondamento". Ma anche Chris Lewa, direttore del The Arakan Project, che si occupa dei Rohingyas nella regione, conferma le accuse. In un colloquio con la BBC ha parlato di arresti di centinaia di persone, di percosse e torture.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2014 MYANMAR
    Myanmar, il governo esclude i Rohingya dal censimento sulla popolazione
    I membri della minoranza musulmana, almeno 800mila, potranno riconoscersi in una generica voce “Altro”. La conferma arriva dal direttore generale del Dipartimento sulla popolazione, che smentisce la presenza di un “codice identificativo” per i Rohingya. Il censimento, primo in 30 anni, si terrà dal 30 marzo al 10 aprile.

    23/08/2012 MYANMAR
    Ramadan in Myanmar: moschee chiuse e divieto di preghiera per i Rohingya
    Per tutto il mese sacro di digiuno islamico, le autorità hanno messo i sigilli ai luoghi di culto. Nemmeno la festa finale di Eid ul-Fitr ha portato alla riapertura. Musulmani birmani e attivisti: “pressioni” sui musulmani perché lascino il Paese. Hrw: persecuzione “sponsorizzata dallo Stato”.

    29/04/2015 MYANMAR
    Rakhine: centinaia di civili in fuga dalle violenze fra soldati birmani e milizie Arakan
    L’area è teatro da tempo di violenze confessionali fra buddisti birmani e musulmani Rohingya. Almeno 300 persone hanno abbandonato in tutta fretta il villaggio di Pyingso, nell’ovest del Myanmar. Attivisti denunciano la mancanza di cibo e mezzi di sussistenza per gli sfollati. Nuove nubi sul piano di pace nazionale voluto dal governo centrale.

    28/03/2014 MYANMAR
    Arcivescovo di Yangon: un censimento “trasparente” è una “grande opportunità” di pace
    Mons. Charles Bo interviene sull’indagine statistica promossa dal governo birmano, la prima in 30 anni. Essa “getta le basi” per una pianificazione del processo “di pace e sviluppo”. Egli invita a preservare i “beni comuni”. Polemiche nelle scorse settimane per la mancata inclusione dei Rohingya fra le etnie riconosciute.

    28/05/2013 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi: musulmani Rohingya discriminati con la "legge dei due figli"
    La Nobel per la pace interviene per la prima volta a difesa della minoranza musulmana: è una violazione dei diritti umani. La leader dell’opposizione sfida il presidente Thein Sein: il desiderio di cambiamento “non è abbastanza”, servono riforme concrete e parità.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®