16/03/2007, 00.00
ONU - ASIA
Invia ad un amico

Onu: ogni anno 1,2 milioni di migranti dall’Asia ai Paesi ricchi

Secondo uno studio delle Nazioni Unite, da oggi al 2050 ogni anno 2,3 milioni di persone si sposteranno da Africa e Asia verso Europa e America; si tratta di un flusso migratorio senza precedenti. Mentre alcuni Paesi vivono un boom delle nascite, altri soffrono di un drammatico calo demografico. Tra 40 anni l’India sarà il Paese più popoloso con 1,7 miliardi di abitanti.
Ginevra (AsiaNews/Agenzie) – Un flusso migratorio senza precedenti si verificherà nei prossimi 40 anni da Asia e Africa verso i Paesi più ricchi, che di contro vedranno la propria popolazione indigena decrescere in modo inarrestabile. La previsione è contenuta in un recente rapporto della divisione Popolazione delle Nazioni unite, che stima a 2,3 milioni di persone la massa che si sposterà ogni anno verso i Paesi del benessere da oggi al 2050. Di questa cifra, 1,2 milioni arriverà dalla sola Asia.
 
Le popolazioni di Africa, Asia e Medio Oriente cresceranno di miliardi di unità, a milioni emigreranno verso Europa e America; qui, invece, si registrerà un forte calo demografico o almeno una situazione di stallo. In totale, la popolazione mondiale crescerà di 2,5 miliardi di persone e raggiungerà i 9,2 miliardi per il 2050. A fronte di un tale boom, zone come l’est Europa e l’area ex sovietica, subiranno un calo drammatico, dovuto – secondo l’Onu – ad una massiccia emigrazione e al calo delle nascite, costantemente al di sotto del livello che garantisce il ricambio generazionale. Entro il 2050 la Bulgaria vedrà diminuire la sua popolazione del 35%, l’Ucraina del 33%, la Russia ne perderà un quarto. Il flusso migratorio permetterà, però, che in Gran Bretagna la popolazione salga da 60 milioni a quasi 69 milioni.
 
L’entità di questi spostamenti non ha precedenti nella storia, sottolinea lo studio delle Nazioni Unite. Tra il 1970 e il 1980 nei Paesi sviluppati sono arrivati circa un milione di immigrati l’anno. Nei prossimi 43 anni il livello di immigrazione sarà oltre il doppio, 2,3 milioni di persone. Di questi migranti, 400mila l’anno arriveranno dall’Africa, mentre 1,2 milioni dall’Asia. La differenza in termini di ricchezze e opportunità tra il mondo sviluppato e quello povero è ritenuta la principale spinta all’emigrazione. Nel 2050 l’India sarà il Paese più popoloso della Terra, con 1,7 miliardi di abitanti; il Pakistan sarà il quinto, con 292 milioni.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Continua il crollo demografico del Giappone. È il declino più veloce dal 1968
07/07/2017 11:49
Più ferie ai lavoratori per fare più figli
22/12/2004
A Seoul e Tokyo il calo delle nascite è una minaccia per l’economia
19/10/2017 15:45
Banca mondiale: tragica la situazione demografica in Russia
10/12/2005
Stato e Chiesa insieme per evitare il collasso demografico
19/10/2004