15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/04/2009, 00.00

    CINA

    Operaio migrante si fa saltare in aria perché non viene pagato



    Han, 42 anni, ha lavorato nel 2007 ma dice che non ha ancora ricevuto 4.500 yuan (450 euro). La ditta nega il debito. Nella Cina i diritti dei lavoratori hanno scarsa tutela e spesse gli operai scendono in piazza per protesta o compiono gesti estremi.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – A Urumqi, capitale dello Xinjiang, un lavoratore migrante si fa saltare in aria perché il principale non lo paga. Nella Cina del miracolo economico i lavoratori hanno scarsa tutela e le ingiustizie spesso causano proteste anche gravi.

    Ieri pomeriggio Han Wushun, migrante del Sichuan di 42 anni di etnia cinese, ha chiesto ai dirigenti della Xinjiang Beixin Road and Bridge Construction Company salari arretrati per 4.500 yuan (circa 450 euro). Quando ha capito che non li avrebbe ricevuti, ha fatto esplodere una bomba artigianale portata nella borsa. L’esplosione lo ha ucciso e ha ferito i due dirigenti che hanno cercato di fuggire.

    Han ha lavorato per la ditta nel 2007 per tre mesi. Per il denaro arretrato ha fatto causa nel 2008, ma lo scorso luglio il tribunale ha respinto la sua domanda.

    Fonti dell’impresa dichiarano che aveva ricevuto tutto quanto gli spettava.

    Nel Paese non è raro che le ditte non paghino gli operai e il fenomeno è aumentato a causa dell’attuale crisi economica: secondo dati ufficiali, nella sola Shenzhen nel 2008 circa 370 ditte non hanno pagato salari per 102 milioni di yuan a 39.200 lavoratori. Al punto che in questa città l’Ufficio municipale per la Sicurezza sociale e del lavoro ha posto sotto osservazione tutte le imprese che hanno problemi e che non hanno pagato i salari da almeno un mese.

    Il fenomeno è talmente diffuso che negli anni passati il governo ha spesso preferito pagare salari arretrati per centinaia di milioni di yuan, per evitare malcontento. Nel 2008 fonti ufficiali hanno ammesso almeno 87mila proteste di massa per ragioni economiche, spesso collegate a ingiustizie subite da operai.

    Mancano dati ufficiali recenti. Alla fine del 2006 si parlava di 1,63 miliardi di yuan di paghe arretrate dovute a circa 800mila migranti a Pechino, di 1,84 miliardi dovuti a oltre un milione di migranti nel solo Guangdong e di 130 milioni per 130mila migranti nel Gansu. Cifre elevate se si considera che all'epoca il salario mensile medio era di 1.000 yuan al mese. Per chi non riceve il salario resta la possibilità di affrontare una lunga e costosa causa civile, con il rischio che intanto il datore di lavoro si renda irreperibile: per questo la gran parte dei migranti si accontenta alla fine di chiudere la controversia ricevendo solo parte del dovuto. La tutela dei migranti è difficile anche perché meno dei due terzi di loro firmano un regolare  contratto, secondo  una ricerca del ministero per il Lavoro e la sicurezza sociale. Durante la crisi finanziaria asiatica alla fine degli anni ’90, in Cina ci sono stati numerosi suicidi di disoccupati.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/08/2017 18:29:00 CINA
    Pechino, le proteste dei lavoratori interinali scuotono le industrie statali

    I dipendenti dello stabilimento cinese della FAW-Volkswagen hanno intrapreso lunga campagna per la parità di retribuzione. Protestano anche gli operai della China Mobile di Guangyuan. Negli stabilimenti della Shaanxi Yanchang stipendi base, nessun straordinario pagato e nessuna indennità.



    22/04/2009 CINA
    Nella Cina in crisi crescono le tensioni per salari non pagati
    C’è allarme per le migliaia di fabbriche che chiudono senza pagare gli operai. Sono almeno 30 milioni i migranti disoccupati. Senza un equo rispetto dei diritti dei lavoratori, è davvero attuale e alto il rischio di proteste sociali.

    14/04/2009 CINA
    Gli squilibri della società cinesi: operai e contadini all'ultimo posto nei salari
    Fonti ufficiali dicono che un operaio guadagna poco più di 1.300 yuan (130 euro) al mese, ma il dato effettivo è molto inferiore. Gli impiegati assicurativi percepiscono 11 volte di più, ma i contadini meno di 400 yuan al mese. Intanto esplodono nuove proteste di operai defraudati del salario.

    25/06/2005 CINA
    La Cina deve rivalutare gli stipendi, non la valuta


    12/05/2006 Cina
    Cina, aumento record per le cause contro lo sfruttamento del lavoro

    Nel corso del 2005 i procedimenti in tribunale sono stati 300 mila, un aumento del 20,5 per cento rispetto all'anno precedente. "Il motivo è lo sviluppo selvaggio dell'economia, un errore molto pericoloso per tutta la Cina".





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®