13/07/2010, 00.00
TERRA SANTA
Invia ad un amico

P. Pizzaballa: “Si deve soprattutto all’Asia l’aumento dei pellegrinaggi in Terra Santa”

Record di pellegrini nella prima metà del 2010. Sono più di un milione, nel 2009 erano il 39% in meno. Per il Custode della Terra Santa “l’incremento rafforza le comunità cristiane” locali.

Tel Aviv (AsiaNews) – Record assoluto di pellegrinaggi in Terra santa. Nella prima metà del 2010 sono state più di un milione le persone che hanno visitato i luoghi sacri di Israele, Palestina e Giordania. Nel solo mese di giugno, sono stati registrati 259mila pellegrini, il 24% in più rispetto al 2009.

 Lo rivela il social network protestante Travelujah, secondo cui i turisti in Israele nella prima parte del 2010 sono stati 1,6 milioni, il 39% in più rispetto al 2009, di cui due terzi sono cristiani in pellegrinaggio.

 “Confermo il dato e prevediamo un ulteriore aumento nei prossimi mesi” ha detto ad AsiaNews p. Pierbattista Pizzaballa, frate francescano Custode di Terra Santa. “C’è un ritorno di interesse per la Terra Santa. L’incremento è dovuto ai pellegrini provenienti dall’Asia, in particolare dall’India”.

 “Questo dato significa molto per le famiglie e le comunità cristiane” continua. “Uno dei problemi più gravi per noi è la mancanza di lavoro e sono tanti i cristiani che operano nell’ambito del turismo. L’aumento dei pellegrini sta portando lavoro. A Betlemme, ad esempio, sono in costruzione cinque nuovi alberghi”.

 Questo significa molto anche per la Chiesa in Terra Santa: “Oggi i pellegrini non visitano solamente i luoghi sacri. Vogliono conoscere le comunità cristiane, che qui sono fragili e deboli, ma che così hanno l’occasione di intrattenere rapporti e instaurare relazioni che le rafforzano”.

 Secondo p. Pizzaballa sono diversi i motivi che hanno portato a un aumento dei pellegrinaggi: “Io non sono un profeta, però è da molto che non si parla più di attentati e violenze in Israele. Inoltre, sono stati molto importanti la visita del Papa e gli incoraggiamenti delle conferenze episcopali, che hanno incentivato le visite. Infine, alcune misure prese dal governo hanno fatto sì che i costi siano più contenuti e i viaggi accessibili nonostante la crisi economica”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Pizzaballa: A Natale i fedeli di Asia e Russia rilanciano i pellegrinaggi in Terra Santa
20/12/2016 11:22
Mons. Pizzaballa: Solo la misericordia salverà il Medio oriente dal fondamentalismo
08/07/2016 10:29
Custode di Terra Santa: Natale, credere, nonostante tutto, nella pace
18/12/2006
P. Pierbattista Pizzaballa amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme
24/06/2016 12:48
Mons. Pizzaballa: cittadinanza, chiave per un nuovo modello di convivenza in Medio oriente
11/07/2017 11:53