17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/01/2012, 00.00

    VATICANO

    Papa: Il battesimo è la prima scelta educativa e la prima testimonianza verso i figli



    Benedetto XVI battezza 16 neonati nella Cappella Sistina. L’educazione, compito “arduo”, avviene attraverso la testimonianza. Nel loro impegno i genitori, i padrini e le madrine sono confortati dallo Spirito Santo, dalla preghiera e dai sacramenti.
    Città del Vaticano (AsiaNews) – Decidere di battezzare il proprio bambino o bambina è la “prima scelta educativa come testimoni della fede”; e sebbene l’educazione è un compito “arduo”, essa è “una meravigliosa missione se la si compie in collaborazione con Dio, che è il primo e vero educatore di ogni uomo”.

    È un messaggio ai genitori, ai padrini e alle madrine quello che Benedetto XVI ha offerto oggi durante la messa nella Cappella Sistina, in cui ha conferito il battesimo a 16 neonati. Prendendo spunto dalla festa di oggi, il Battesimo del Signore, egli ha sottolineato il valore, lo stile, i punti di forza dell’educazione alla fede.

    Il primo gennaio scorso, alla messa per la Giornata mondiale della pace, Benedetto XVI aveva detto che il nostro mondo attuale vive “una sfida decisiva che è appunto quella educativa”. E i motivi sono due: la riduzione dell’educazione a “istruzione” e la diffusa cultura “relativista”, che toglie senso allo stesso educare.

    “Educare – egli ha detto - è molto impegnativo, a volte è arduo per le nostre capacità umane, sempre limitate. Ma educare diventa una meravigliosa missione se la si compie in collaborazione con Dio, che è il primo e vero educatore di ogni uomo”.

    Il primo educatore è proprio Dio, che “vuole darci soprattutto Se stesso e la sua Parola: sa che allontanandoci da Lui ci troveremmo ben presto in difficoltà, come il figlio prodigo della parabola, e soprattutto perderemmo la nostra dignità umana”.

    Per questo, egli precisa, “come persone adulte, ci siamo impegnati ad attingere alle fonti buone, per il bene nostro e di coloro che sono affidati alla nostra responsabilità”. Le “fonti buone” sono “le sorgenti della salvezza", e cioè “Parola di Dio e i Sacramenti”.

    “I genitori - aggiunge - non sono la fonte, come anche noi sacerdoti non siamo la fonte: siamo piuttosto come dei canali, attraverso cui deve passare la linfa vitale dell’amore di Dio. Se ci stacchiamo dalla sorgente, noi stessi per primi ne risentiamo negativamente e non siamo più in grado di educare altri”.

    La prima e principale educazione “avviene attraverso la testimonianza”. E citando l’esempio di san Giovanni Battista, che testimonia a favore di Gesù, e spinge i suoi discepoli a seguire il Figlio di Dio, il papa sottolinea che “il vero educatore non lega le persone a sé, non è possessivo. Vuole che il figlio, o il discepolo, impari a conoscere la verità, e stabilisca con essa un rapporto personale. L’educatore compie il suo dovere fino in fondo, non fa mancare la sua presenza attenta e fedele; ma il suo obiettivo è che l’educando ascolti la voce della verità parlare al suo cuore e la segua in un cammino personale”.

    Anche lo Spirito dà testimonianza" a Gesù (1 Gv 5,6). “Questo – aggiunge - ci è di grande conforto nell’impegno di educare alla fede, perché sappiamo che non siamo soli e che la nostra testimonianza è sostenuta dallo Spirito Santo”.

    “E’ molto importante per voi genitori, e anche per i padrini e le madrine, credere fortemente nella presenza e nell’azione dello Spirito Santo, invocarlo e accoglierlo in voi, mediante la preghiera e i Sacramenti. E’ Lui infatti che illumina la mente, riscalda il cuore dell’educatore perché sappia trasmettere la conoscenza e l’amore di Gesù. La preghiera è la prima condizione per educare, perché pregando ci mettiamo nella disposizione di lasciare a Dio l’iniziativa, di affidare i figli a Lui, che li conosce prima e meglio di noi, e sa perfettamente qual è il loro vero bene. E, al tempo stesso, quando preghiamo ci mettiamo in ascolto delle ispirazioni di Dio per fare bene la nostra parte, che comunque ci spetta e dobbiamo realizzare. I Sacramenti, specialmente l’Eucaristia e la Penitenza, ci permettono di compiere l’azione educativa in unione con Cristo, in comunione con Lui e continuamente rinnovati dal suo perdono”.

    Grazie a questo percorso, ha aggiunto a braccio, i genitori sapranno dosare il loro lavoro educativo, sapendo quando "tacere e parlare", quando "essere teneri" e quando "essere decisi".

    “Cari amici – ha concluso - invochiamo dunque tutti insieme lo Spirito Santo, perché scenda in abbondanza su questi bambini, li consacri ad immagine di Gesù, e li accompagni sempre nel cammino della loro vita. Li affidiamo alla guida materna di Maria Santissima, perché crescano in età, sapienza e grazia e diventino veri cristiani, testimoni fedeli e gioiosi dell’amore di Dio. Amen”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/01/2012 VATICANO
    Papa: Rinnoviamo la gioia di essere figli: come uomini e come cristiani
    Reduce dall’aver battezzato 16 bambini, Benedetto XVI spiega cosa significa essere figli (“Venire al mondo non è mai un scelta”), fino ad essere genitori, se si accoglie la vita come un dono. Nell’essere cristiani accogliamo la vita come un dono del Padre, rivelatoci da Gesù Cristo. Il battesimo è una nuova nascita nello Spirito e “nel grembo della Chiesa”.

    16/12/2011 VATICANO - PACE 2012
    Papa: solo “alzando gli occhi a Dio” si educano i giovani alla giustiza e alla pace
    Il messaggio di Benedetto XVI per la Giornata mondiale della pace evidenzia la necessità di offrire ai giovani, che vanno ascoltati, una formazione umana integrale. Il compito della famiglia e i doveri di educatori, responsabili politici e operatori dei media. Il relativismo un “ostacolo” che promuove una concezione di libertà che alla fine rende schiavi.

    16/12/2011 VATICANO - PACE 2012
    Senza Dio non c’è pace. La fine del relativismo e del cristianesimo dei “valori”
    Nel Messaggio per la Giornata mondiale della pace 2012, Benedetto XVI mette le basi di una nuova “città dell’uomo” e di un nuovo patto sociale. La crisi attuale – anche quella economica – ha anzitutto radici “culturali e antropologiche”. Battere il relativismo con la ricerca della verità. Le dimenticanze dei movimenti cristiani della pace.

    03/08/2012 VATICANO - ISLAM
    Messaggio per la fine del Ramadan: Educare i giovani cristiani e musulmani alla giustizia e alla pace
    Il card. Tauran, ricordando il Messaggio del papa sulla pace, chiede attenzione all'educazione dei giovani, da parte di "autentici testimoni e non meri dispensatori di regole e di informazioni". L'invito ad essere "araldi di giustizia e di pace e costruttori di una cultura rispettosa dei diritti e della dignità di ogni cittadino". La grande attualità del messaggio per le rivoluzioni arabe.

    07/01/2018 12:11:00 VATICANO
    Papa: Fare memoria del proprio battesimo, non considerarlo un fatto del passato

    All’Angelus nella festa del Battesimo del Signore, papa Francesco invoca “la materna protezione della Madre di Dio” per i bambini battezzati stamattina e per quelli battezzati di recente. “La grande umiltà di Gesù”, la sua disponibilità “a immergersi nel fiume dell’umanità, a prendere su di sé le mancanze e le debolezze degli uomini”. “È lo Spirito che apre gli occhi del cuore alla verità, tutta la verità”. Ricordare la data del nostro battesimo. Il saluto ai fedeli provenienti dalla Corea del Sud.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®