14/06/2015, 00.00
VATICANO

Papa: enciclica sul creato faccia crescere “responsabilità verso la casa comune che Dio ci ha affidato”

Per entrare a far parte del Regno di Dio “bisogna essere poveri nel cuore; non confidare nelle proprie capacità, ma nella potenza dell’amore di Dio; non agire per essere importanti agli occhi del mondo, ma preziosi agli occhi di Dio, che predilige i semplici e gli umili”. “Specialmente i giovani” seguano l’esempio dei donatori di sangue.

Città del Vaticano (AsiaNews) – “Accompagnare” la pubblicazione dell’enciclica sulla cura del creato, prevista giovedì prossimo, e “rivolta a tutti”,  “con una rinnovata attenzione alle situazioni di degrado ambientale, ma anche di recupero, nei propri territori”. “Preghiamo perché tutti possano ricevere il suo messaggio e crescere nella responsabilità verso la casa comune che Dio ci ha affidato”. E’ l’invito che il Papa ha rivolto oggi alle 50mila persone presenti in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus, alle quali ha anche ricordato l’odierna Giornata mondiale dei donatori di sangue, per i quali ha espresso il suo apprezzamento, esortando “specialmente i giovani a seguire il loro esempio”.

Prima della recita della preghiera mariana, Francesco, commentando il Vangelo di oggi aveva detto che “il Regno di Dio: una realtà umanamente piccola e apparentemente irrilevante. Per entrare a farne parte bisogna essere poveri nel cuore; non confidare nelle proprie capacità, ma nella potenza dell’amore di Dio; non agire per essere importanti agli occhi del mondo, ma preziosi agli occhi di Dio, che predilige i semplici e gli umili”.

“Il Vangelo di oggi – ha detto - è formato da due parabole molto brevi: quella del seme che germoglia e cresce da solo, e quella del granello di senape (cfr Mc 4,26–34). Attraverso queste immagini tratte dal mondo rurale, Gesù presenta l’efficacia della Parola di Dio e le esigenze del suo Regno, mostrando le ragioni della nostra speranza e del nostro impegno nella storia”.

“Nella prima parabola l’attenzione è posta sul fatto che il seme, gettato nella terra, attecchisce e si sviluppa da solo, sia che il contadino dorma sia che vegli. Egli è fiducioso nella potenza interna al seme stesso e nella fertilità del terreno. Nel linguaggio evangelico, il seme è simbolo della Parola di Dio, la cui fecondità è richiamata da questa parabola. Come l’umile seme si sviluppa nella terra, così la Parola opera con la potenza di Dio nel cuore di chi la ascolta. Dio ha affidato la sua Parola alla nostra terra, cioè a ciascuno di noi con la nostra concreta umanità. Possiamo essere fiduciosi, perché la Parola di Dio è parola creatrice, destinata a diventare «il chicco pieno nella spiga» (v. 28). Questa Parola, se viene accolta, porta certamente i suoi frutti, perché Dio stesso la fa germogliare e maturare attraverso vie che non sempre possiamo verificare e in un modo che noi non sappiamo (cfr v. 27). Tutto ciò ci fa capire che è sempre Dio a far crescere il suo Regno, per questo preghiamo tanto che venga il suo Regno, l’uomo è suo umile collaboratore, che contempla e gioisce dell’azione creatrice divina e ne attende con pazienza i frutti. Per questo vorrei raccomandare ancora di portare con sé un piccolo Vangelo, nella borsa, in tasca, e leggere ogni giorno qualche riga”. “Non dimenticatelo”.

“La seconda parabola utilizza l’immagine del granello di senape. Pur essendo il più piccolo di tutti i semi, è pieno di vita e cresce fino a diventare «più grande di tutte le piante dell’orto» (Mc 4,32). E così è il Regno di Dio: una realtà umanamente piccola e apparentemente irrilevante. Per entrare a farne parte bisogna essere poveri nel cuore; non confidare nelle proprie capacità, ma nella potenza dell’amore di Dio; non agire per essere importanti agli occhi del mondo, ma preziosi agli occhi di Dio, che predilige i semplici e gli umili. Quando viviamo così, attraverso di noi irrompe la forza di Cristo e trasforma ciò che è piccolo e modesto in una realtà che fa fermentare l’intera massa del mondo e della storia”.

“Da queste due parabole ci viene un insegnamento importante: il Regno di Dio richiede la nostra collaborazione, ma è soprattutto iniziativa e dono del Signore. La nostra debole opera, apparentemente piccola di fronte alla complessità dei problemi del mondo, se inserita in quella di Dio non ha paura delle difficoltà. La vittoria del Signore è sicura: il suo amore farà spuntare e farà crescere ogni seme di bene presente sulla terra. Questo ci apre alla fiducia e alla speranza, nonostante i drammi, le ingiustizie, le sofferenze che incontriamo. Il seme del bene e della pace germoglia e si sviluppa, perché lo fa maturare l’amore misericordioso di Dio. La Vergine Santa, che ha accolto come «terra feconda» il seme della divina Parola, ci sostenga in questa speranza che non ci delude mai”.

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’enciclica di Francesco “spingerà la Corea a ripensare il proprio sviluppo”
19/06/2015
West Java, missionario francescano traduce in indonesiano la “Laudato sì”
03/09/2015
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
31/08/2015
Papa: “chieder perdono per le persone e le istituzioni che chiudono la porta” ai rifugiati
17/06/2015
Papa: Iraq, "è lecito" fermare "l'aggressore ingiusto", ma è una decisione che deve prendere l'Onu
18/08/2014