25 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  •    - Armenia
  •    - Azerbaijan
  •    - Georgia
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/11/2011, 00.00

    VATICANO

    Papa: i laici cristiani con la loro vita ripropongano al mondo la “questione di Dio”



    In Asia, l’annuncio del Vangelo ha raggiunto solo una piccola minoranza, “che non di rado vive la fede in un contesto difficile, a volte anche di vera persecuzione”. All’assemblea del Pontificio consiglio per i laici, Benedetto XVI sottolinea di non dare per acquisita per sempre la fede, ma di riproporne i fondamenti anche all’interno delle realtà ecclesiali.
    Città del Vaticano (AsiaNews) – I cristiani sono chiamati a dare “una testimonianza trasparente della rilevanza della questione di Dio in ogni campo del pensare e dell’agire”, ma la “questione di Dio” va riproposta anche all’interno della realtà ecclesiale, perché “i cristiani non abitano un pianeta lontano, immune dalle «malattie» del mondo, ma condividono i turbamenti, il disorientamento e le difficoltà del loro tempo”. E’ il mandato che Benedetto XVI ha affidato oggi ai laici cristiani, nel discorso che ha rivolto ai partecipanti alla XXV assemblea plenaria del Pontificio consiglio per i laici, che si svolge a Roma dal 24 al 26 novembre sul tema: La questione di Dio oggi. «Non dobbiamo forse nuovamente ricominciare da Dio?».

    Il discorso del Papa è partito da un esame dei principali avvenimenti che hanno riguardato il laicato cattolico nell’anno trascorso. Tra questi, il Congresso per i fedeli laici dell’Asia, svoltosi a Seoul. “Il vastissimo continente asiatico - ha detto in proposito - ospita popoli, culture e religioni diversi, di antica origine, ma l’annuncio cristiano ha raggiunto sinora soltanto una piccola minoranza, che non di rado vive la fede in un contesto difficile, a volte anche di vera persecuzione. Il convegno ha offerto l’occasione ai fedeli laici, alle associazioni, ai movimenti e alle nuove comunità che operano in Asia, di rafforzare l’impegno e il coraggio per la missione. Questi nostri fratelli testimoniano in modo ammirevole la loro adesione a Cristo, lasciando intravedere come in Asia, grazie alla loro fede, si stiano aprendo per la Chiesa del terzo millennio vasti scenari di evangelizzazione”.

    C’è stata poi la Giornata della gioventù. “Una straordinaria cascata di luce, di gioia e di speranza ha illuminato Madrid, ma anche la vecchia Europa e il mondo intero, riproponendo in modo chiaro l’attualità della ricerca di Dio. Nessuno è potuto rimanere indifferente, nessuno ha potuto pensare che la questione di Dio sia irrilevante per l’uomo di oggi”.

    “Non dovremmo mai stancarci di riproporre tale domanda, di ‘ricominciare da Dio’, per ridare all’uomo la totalità delle sue dimensioni, la sua piena dignità. Infatti, una mentalità che è andata diffondendosi nel nostro tempo, rinunciando a ogni riferimento al trascendente, si è dimostrata incapace di comprendere e preservare l’umano. La diffusione di questa mentalità ha generato la crisi che viviamo oggi, che è crisi di significato e di valori, prima che crisi economica e sociale. L’uomo che cerca di esistere soltanto positivisticamente, nel calcolabile e nel misurabile, alla fine rimane soffocato. In questo quadro, la questione di Dio è, in un certo senso, «la questione delle questioni». Essa ci riporta alle domande di fondo dell’uomo, alle aspirazioni di verità, di felicità e di libertà insite nel suo cuore, che cercano una realizzazione. L’uomo che risveglia in sé la domanda su Dio si apre alla speranza, ad una speranza affidabile, per cui vale la pena di affrontare la fatica del cammino nel presente”.

    Risvegliare la domanda su Dio, perché sia la questione fondamentale passa “dall’incontro con chi ha il dono della fede, con chi ha un rapporto vitale con il Signore. Dio viene conosciuto attraverso uomini e donne che lo conoscono: la strada verso di Lui passa, in modo concreto, attraverso chi l’ha incontrato”. Qui i laici giocano un ruolo “particolarmente importante”, offrendo testimonianza della “questione di Dio” in famiglia, nel lavoro, nella politica e nell’economia.

    “Ma la sfida di una mentalità chiusa al trascendente obbliga anche gli stessi cristiani a tornare in modo più deciso alla centralità di Dio. A volte ci si è adoperati perché la presenza dei cristiani nel sociale, nella politica o nell’economia risultasse più incisiva, e forse non ci si è altrettanto preoccupati della solidità della loro fede, quasi fosse un dato acquisito una volta per tutte”. Così non è e allora “la prima risposta alla grande sfida del nostro tempo sta allora nella profonda conversione del nostro cuore, perché il Battesimo che ci ha resi luce del mondo e sale della terra possa veramente trasformarci”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/12/2009 VATICANO
    Papa: A s. Stefano, ricordiamo i tanti credenti sottoposti a prove e sofferenze a causa della fede
    Benedetto XVI mette in luce le prove e le sofferenze dei credenti i molte parti del mondo. In Asia in almeno 32 Paesi (su 52) i cristiani soffrono persecuzioni o limitazioni alla loro missione. Stefano mostra anche l’inizio della civiltà dell’amore, che perdona i persecutori, e che “non si arrende di fronte al male”. L’impegno per i poveri, vissuto da santo Stefano, è anch’esso una via privilegiata per testimoniare il Vangelo.

    20/11/2006 VATICANO
    Papa: la libertà religiosa, diritto ad un tempo individuale e collettivo

    Ricevendo il presidente della Repubblica italiana, Benedetto XVI afferma che la Chiesa "non è e non intende essere un agente politico", ma "ha un interesse profondo per il bene della comunità politica" e che spetta ai laici cattolici affermare nella società i principi ai quali si ispirano.



    27/08/2009 ASIA
    Libertà religiosa, strumento di progresso e stabilità
    Gli attentati alla libertà religiosa e le violenze contro i cristiani abbracciano quasi tutti i Paesi dell’Asia. I governi occidentali preferiscono criticare solo alcune delle violazioni – ad esempio quelle compiute da musulmani – ma tacciono sugli attacchi contro i cristiani in Vietnam o in Cina. Anticipazione dell’editoriale dal numero di agosto-settembre del mensile AsiaNews.

    03/09/2010 ASIA - VATICANO
    Cristiani dell’Asia, coraggiosi testimoni della fede fino al martirio
    Una giornata dedicata al martirio delle Chiese dell’Asia e alla persecuzione nel presente. La vivacità delle comunità è frutto proprio di questa testimonianza fino al sangue. Le violazioni alla libertà religiosa sono un tentativo di opprimere non solo la fede, ma la società. Il “supersviluppo” senza Dio porta a un “sottosviluppo morale”, che è nemico del vero sviluppo dell’uomo. I casi della Cina, dell’India, del Vietnam. Come sostenere le comunità perseguitate.

    22/04/2011 VATICANO
    Papa: Via Crucis, in ogni situazione, Dio è capace di donarci una vita nuova
    Benedetto XVI ha preseduto il rito, celebrato anche quest’anno nella suggestiva cornice del Colosseo. Nei testi, scritti da una monaca, si è anche fatto memoria della persecuzione “contro i suoi servi e discepoli” e “nei confronti di Pietro”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®