23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/10/2017, 11.19

    VATICANO

    Papa: la vergogna per i peccati 'è una grazia', perché apre la strada al perdono



    La vergogna “apre la porta alla guarigione”.  E “quando il Signore ci vede così, vergognati di quello che abbiamo fatto, e con umiltà chiedere perdono, Lui è l’onnipotente: cancella, ci abbraccia, ci accarezza e ci perdona.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La vergogna per i peccati commessi “è una grazia”, perché apre la strada al perdono di Dio. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, commentando le parole del Profeta Baruc che nella Prima lettura di oggi parla della disobbedienza alla legge di Dio e indica la "vera strada" per chiedere perdono: "Giustizia a Dio e a noi il disonore sul volto"-

    "Nessuno – ha osservato Francesco - può dire: 'Io sono giusto' o 'io non sono come quello o come quella'. Io sono peccatore. Io direi che quasi è il primo nome che tutti abbiamo: peccatori. E poi, perché siamo peccatori? Abbiamo disobbedito – sempre in rapporto con il Signore: Lui ha detto una cosa e noi ne abbiamo fatto un’altra. Non abbiamo ascoltato la voce del Signore: Lui ci ha parlato tante volte. Nella nostra vita, ognuno può pensare: ‘Quante volte il Signore ha parlato a me … Quante volte non ho ascoltato!’. Ha parlato con i genitori, con la famiglia, con il catechista, nella chiesa, nelle prediche, anche ha parlato nel nostro cuore”.

    Ma noi ci siamo ribellati: questo è il peccato dunque, è "ribellione",  è "ostinazione" nel seguire le “perverse inclinazioni “del nostro cuore” cadendo nelle “piccole idolatrie di ogni giorno”, “cupidigia”, “invidia”, “odio” e in particolare, “maldicenza”, quello "sparlare" che il Pontefice definisce la "guerra del cuore per distruggere l'altro".

    Ed è a causa del peccato, come sta scritto ancora nella pagina di Baruc,"che ci sono venuti addosso tanti mali” perché ilpeccato rovina il cuore, rovina la vita, rovina l’anima, indebolisce, ammala”, ma resta sempre un peccato in rapporto a Dio. “Non è una macchia da toglierti. Se fosse una macchia, basterebbe andare alla tintoria e farsi pulire … No. Il peccato è un rapporto di ribellione contro il Signore. E’ brutto in sé stesso, ma brutto contro il Signore che è buono. E se io penso così i miei peccati, invece di entrare in depressione sento quel grande sentimento: la vergogna, il disonore che dice di cui parla il profeta Baruc. La vergogna è una grazia”. Perchéapre la porta alla guarigione”.  E “quando il Signore ci vede così, vergognati di quello che abbiamo fatto, e con umiltà chiedere perdono, Lui è l’onnipotente: cancella, ci abbraccia, ci accarezza e ci perdona. Ma questa è la strada per arrivare al perdono, quella che oggi il profeta Baruc ci insegna. Lodiamo oggi il Signore perché ha voluto manifestare l’onnipotenza proprio nella misericordia e nel perdono”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/03/2016 11:30:00 VATICANO
    Papa: sacerdoti non abbiano paura di “eccedere” nell’incontro e nel perdono

    Celebrando la messa crismale Francesco invita a portare ovunque la “Misericordia del nostro Dio”. E’ compito di ogni cristiano e, nei sacerdoti, mandato a incarnarla in modo da farla giungere nella esperienza di vita di ognuno, in particolare degli “scartati e oppressi”. “Siamo oppressi, ma non da minacce e spintoni, come tanta povera gente, ma dal fascino di mille proposte di consumo che non possiamo scrollarci di dosso”.



    19/02/2014 VATICANO
    Papa: il perdono dei peccati si chiede a Gesù attraverso la Chiesa, anche se "ci vergogniamo"
    Francesco, "preoccupato per quanto in questi giorni sta accadendo a Kiev" invita "tutte le parti a cessare ogni azione violenta e a cercare la concordia e la pace nel Paese". "Non possiamo perdonarci da soli" e "il perdono dei nostri peccati non è frutto dei nostri sforzi", ma "un dono" che "scaturisce direttamente dal mistero pasquale".

    09/02/2016 18:09:00 VATICANO
    Papa: Missionari della Misericordia, testimoni di come Dio ama e perdona

    “Siamo chiamati ad essere espressione viva della Chiesa che come madre accoglie chiunque si accosta a lei”. “Essere confessore secondo il cuore di Cristo equivale a coprire il peccatore con la coperta della misericordia, perché non si vergogni più e possa recuperare la gioia della sua dignità filiale”. “Si può fare tanto male a un’anima se non viene accolta come da un padre, come da una madre Chiesa”.



    21/03/2017 11:41:00 VATICANO
    Papa: il perdono dei peccati “è un mistero” e il primo passo è la vergogna

    Il perdono ricevuto da Dio, la “meraviglia che ha fatto nel tuo cuore” deve poter “entrare nella coscienza”. “Chiediamo la grazia della vergogna davanti a Dio. E’ una grande grazia! Vergognarsi dei propri peccati e così ricevere il perdono e la grazia della generosità di darlo agli altri perché se il Signore mi ha perdonato tanto, chi sono io per non perdonare?”.



    03/02/2016 11:05:00 VATICANO
    Papa: Dio vuole salvare tutti ed è la sua misericordia che “porta a compimento la giustizia”

    Perdonare e aiutare il colpevole a riconoscere e rifiutare il male è anche “il modo di risolvere i contrasti all’interno delle famiglie, nelle relazioni tra sposi o tra genitori e figli, dove l’offeso ama il colpevole e desidera salvare la relazione che lo lega all’altro. Non tagliare quella relazione, quel rapporto”. “Eessere confessori è una responsabilità tanto grande, tanto grande, perché quel figlio, quella figlia che viene da te cerca soltanto di trovare un padre. E tu, prete, che sei lì nel confessionale, tu stai lì al posto del Padre che fa giustizia con la sua misericordia”.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®