20 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2017, 10.36

    VATICANO

    Papa: la vita cristiana è semplice, è conoscere, adorare e seguire Gesù



    “E’ questo il centro della nostra vita: Gesù Cristo. Gesù Cristo che si manifesta, si fa vedere e noi siamo invitati a conoscerlo, a riconoscerlo, nella vita, nelle tante circostanze della vita, riconoscere Gesù, conoscere Gesù”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La vita cristiana “è semplice”, basta mettere Gesù al centro delle nostre scelte quotidiane. E ciò comporta conoscerlo, adorarlo, seguirlo. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, nella quale ha sottolineato che al centro della vita cristiana c’è sempre Gesù, la prima e l’ultima Parola del Padre, “il Signore dell’universo”, il “Salvatore del mondo. Non ce n’è un altro, è l’unico”.

    “E’ questo il centro della nostra vita: Gesù Cristo. Gesù Cristo che si manifesta, si fa vedere e noi siamo invitati a conoscerlo, a riconoscerlo, nella vita, nelle tante circostanze della vita, riconoscere Gesù, conoscere Gesù: ‘Ma io, padre, conosco la vita di quel santo, di quella santa o anche le apparizioni di quello di là e di là…’. Questo è bene, i santi sono i santi, sono grandi! Le apparizioni non tutte sono vere, eh! I santi sono importanti ma il centro è Gesù Cristo: senza Gesù Cristo non ci sono i santi! E qui la domanda: il centro della mia vita è Gesù Cristo? qual è il mio rapporto con Gesù Cristo?”.

    “Per assicurarci che Gesù è al centro della nostra vita” ci sono tre compiti: il primo è conoscere Gesù per riconoscerlo. Al suo tempo, tanti non lo hanno riconosciuto: “i dottori della legge, i sommi sacerdoti, gli scribi, i sadducei, alcuni farisei”. Anzi, “l’hanno perseguitato, l’hanno ucciso”. Occorre domandarsi: “A me interessa conoscere Gesù? O forse interessa più la telenovela o le chiacchiere o le ambizioni o conoscere la vita degli altri?”. “Per conoscere Gesù c’è la preghiera, lo Spirito Santo”, ma c’è anche il Vangelo, che è da portare sempre con sé per leggerne un passo tutti i giorni: “E’ l’unico modo di conoscere Gesù”. Poi “è lo Spirito Santo a fare il lavoro dopo. Questo è il seme. Chi fa germogliare e crescere il seme è lo Spirito Santo”.

    Il secondo compito è adorare Gesù. Non solo chiedergli cose e ringraziarlo. E ci sono due modi di adorare Gesù: “la preghiera di adorazione in silenzio” e “poi togliere dal nostro cuore le altre cose che adoriamo, che ci interessano di più. No, solo Dio”. “Le altre cose servono, servono se io sono capace di adorare solo Dio”. “C’è una piccola preghiera che noi preghiamo, il Gloria: ‘Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo’, ma tante volte la diciamo come pappagalli. Ma questa preghiera è adorazione! ‘Gloria’: io adoro il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Adorare, con piccole preghiere col silenzio davanti alla grandezza di Dio, adorare Gesù e dire: ‘Tu sei l’unico, tu sei il principio e la fine e con te voglio rimanere tutta la vita, tutta l’eternità. Tu sei l’unico’. E cacciare via le cose che mi impediscono di adorare Gesù”.

    Il terzo compito è seguire Gesù, come dice il Vangelo odierno in cui Gesù chiama i primi discepoli. Significa mettere Gesù al centro della nostra vita. “E’ semplice la vita cristiana, è molto semplice ma abbiamo bisogno della grazia dello Spirito Santo perché svegli in noi questa voglia di conoscere Gesù, di adorare Gesù e di seguire Gesù. E per questo abbiamo chiesto all’inizio nell’orazione Colletta al Signore di conoscere cosa dobbiamo fare, di avere la forza di farlo. Che nella semplicità di ogni giorno - perché per ogni giorno per essere cristiani non sono necessarie cose strane, cose difficili, cose superflue, no, è semplice - il Signore ci dia la grazia di conoscere Gesù, di adorare Gesù e di seguire Gesù”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/05/2016 11:22:00 VATICANO
    Papa: ci sono tanti cristiani che sono “imbalsamati” o “vagabondi” oppure “ostinati” o, infine, “a metà strada”

    Sono tanti i cristiani “confusi” che non seguono la sola “strada giusta” che è Gesù. “Come sono io in questo cammino cristiano? Fermo, sbagliato, in giro girando, fermandomi davanti alle cose che mi piacciano o quello di Gesù ‘Io sono la via!’? E chiediamo allo Spirito Santo che ci insegni a camminare bene, sempre! E quando ci stanchiamo, un piccolo ristoro e avanti. Chiediamo questa grazia”.



    10/11/2014 VATICANO
    Papa: Senza la fede non si può vivere perdonando sempre e senza dare quello scandalo che "distrugge"
    Scandalo "è dire e professare uno stile di vita - 'sono cristiano' - e poi vivere da pagano, che non crede in nulla". Questo dà scandalo "perché manca la testimonianza", mentre "la fede confessata è vita vissuta". "Dobbiamo perdonare, perché perdonati. E questo è nel Padre Nostro".

    26/05/2017 11:21:00 VATICANO
    Papa: memoria, preghiera e missione sono “la topografia” della vita cristiana

    Un cristiano deve “chiedere la grazia della memoria: ‘Che non mi dimentichi del momento che tu mi hai eletto, che non mi dimentichi dei momenti che ci siamo incontrati’”. “Poi, pregare, guardare il Cielo perché Lui è per intercedere, lì. Lui intercede per noi”. E andare in missione: “non vuol dire che tutti devono andare all’estero; è vivere e dare testimonianza del Vangelo”.



    11/09/2014 VATICANO
    Papa: amare i nemici e non giudicare è difficile, ma è il cammino che insegna Gesù
    "La vita cristiana non è una vita autoreferenziale; è una vita che esce da se stessa per darsi agli altri. E' un dono, è amore, e l'amore non torna su se stesso, non è egoista: si dà". "Essere cristiano non è facile" e noi "possiamo diventare cristiani" solo "con la grazia di Dio" e non "con le nostre forze".

    08/01/2014 VATICANO
    Papa: "risvegliare" il nostro Battesimo, che ci unisce a Gesù e dà la speranza di andare sulla strada della salvezza
    Francesco ha iniziato di una serie di catechesi dedicata ai sacramenti. Il Battesimo "non è una formalità", un rito per dare il nome a un bambino, ma "un atto che tocca in profondità la nostra esistenza." Grazie al Battesimo, siamo capaci di perdonare e di amare anche chi ci offende e ci fa del male; che riusciamo a riconoscere negli ultimi e nei poveri il volto del Signore che ci visita e si fa vicino".



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®