16/05/2014, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: per conoscere Gesù lo studio non basta, bisogna "aprire tre porte": pregarlo, celebrarlo e imitarlo

Cercare di capirlo con la mente non è sufficiente, "le idee sole non danno vita e chi va per questa strada di sole idee finisce in un labirinto e non esce più!". "I grandi teologi fanno teologia in ginocchio". "Il Libro del Vangelo è pieno di polvere, perché mai si apre!".

Città del Vaticano (AsiaNews) - Per conoscere Gesù lo studio, cercare di capirlo con la mente serve, ma non basta, non bastano le idee, ma bisogna "aprire tre porte": pregarlo con il cuore, celebrarlo e imitarlo. L'ha detto il Papa nella messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, commentando l'affermazione di Gesù "Io sono la via, la verità e la vita".

Papa Francesco, riferisce la Radio Vaticana, ha sostenuto che "la conoscenza di Gesù è il lavoro più importante della nostra vita". Ma "come possiamo conoscere Gesù? Qualcuno dirà: 'Studiando, padre. Si deve studiare tanto!'. Quello è vero! Dobbiamo studiare il catechismo, è vero", ma lo studio da solo non basta per conoscere Gesù. "Alcuni hanno questa fantasia che con le idee, solo le idee ci porteranno alla conoscenza di Gesù. Anche fra i primi cristiani alcuni pensavano così".  

"Le idee sole non danno vita e chi va per questa strada di sole idee finisce in un labirinto e non esce più! E' per questo che dall'inizio della Chiesa ci sono le eresie. Le eresie sono questo: cercare di capire con le nostre menti e con la nostra luce soltanto chi è Gesù. Un grande scrittore inglese diceva che l'eresia è una idea diventata pazza. E' così! Quando le idee sono sole diventano pazze... Quello non è il cammino!".

Per conoscere Gesù occorre aprire tre porte. "Prima porta: pregare Gesù. Sappiate che lo studio senza preghiera non serve. Pregare Gesù per meglio conoscerlo. I grandi teologi fanno teologia in ginocchio. Pregare Gesù! E con lo studio, con la preghiera ci avviciniamo un po'... Ma senza preghiera mai conosceremo Gesù. Mai! Mai! Seconda porta: celebrare Gesù. Non basta la preghiera, è necessaria la gioia della celebrazione. Celebrare Gesù nei suoi Sacramenti, perché lì ci dà la vita, ci dà la forza, ci dà il pasto, ci dà il conforto, ci dà l'alleanza, ci dà la missione. Senza la celebrazione dei Sacramenti, non arriviamo a conoscere Gesù. Questo è proprio della Chiesa: la celebrazione. Terza porta: imitare Gesù. Prendere il Vangelo: cosa ha fatto Lui, come era la sua vita, cosa ci ha detto, cosa ci ha insegnato e cercare di imitarlo".

"Entrare per queste tre porte" significa "entrare nel mistero di Gesù". Solo "se siamo capaci di entrare nel suo mistero" possiamo conoscere Gesù". Ma non bisogna "avere paura" di "entrare nel mistero di Gesù. Questo significa pregare, celebrare e imitare. E così troveremo la via per andare alla verità e alla vita":

"Possiamo oggi, durante la giornata, pensare a come va la porta della preghiera nella mia vita: ma la preghiera dal cuore, non è quella del pappagallo! Quella del cuore, come va? Come va la celebrazione cristiana nella mia vita? E come va l'imitazione di Gesù nella mia vita? Come deve imitarlo? Davvero non ti ricordi! Perché il Libro del Vangelo è pieno di polvere, perché mai si apre! Prendi il Libro del Vangelo, aprilo e troverai come imitare Gesù! Pensiamo a queste tre porte come stanno nella nostra vita e ci farà bene a tutti".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
​Papa: le Beatitudini, carta d’identità e mappa di vita del cristiano
29/01/2020 10:18
Papa: l’umiliazione in sé non è bella, “sarebbe masochismo”, ma quella subita e accettata per Gesù te lo fa imitare
17/04/2015
Papa: Le vocazioni di consacrazione ‘promessa di un nuovo inizio per la Colombia’
10/09/2017 08:13
Papa: Gesù non appartiene al passato, è una realtà che vive con noi
08/10/2008
Papa: il "perfetto discepolo" annuncia Gesù, non sente un privilegio l'essere cristiano, imita Cristo
07/02/2014