24 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/11/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: per la conclusione dell'Anno della fede l'esortazione apostolica Evangelii gaudium



    Il documento verrà consegnato simbolicamente a un vescovo, a un sacerdote e a un diacono, durante la messa conclusiva dell'Anno della fede, rito che vedrà, per la prima volta, l'esposizione delle reliquie di san Pietro. Gli altri "gesti" che concluderanno questo tempo saranno la visita che Papa Francesco farà al monastero delle Monache Camaldolesi all'Aventino, giovedì prossimo e sabato la giornata dei catecumeni.

    Città del Vaticano (AsiaNews)  - Un documento di papa Francesco, l'esortazione apostolica Evangelii gaudium, concluderà l'Anno della fede. Sarà pubblicata martedì 26, ma già domenica prossima il Papa la consegnerà simbolicamente a un vescovo, a un sacerdote e a un diacono, durante la messa conclusiva dell'Anno della fede, rito che vedrà, per la prima volta, l'esposizione delle reliquie di san Pietro. Saranno due dei tre "segni" che evidenzieranno il valore del momento. Il terzo sarà un "gesto di carità" a favore della popolazione filippina di Haiyan.

    Il significato e la svolgimento dei "gesti" che concluderanno questo Anno della fede sono stati illustrati oggi da mons. Rino Fisichella, presidente del Pontificio consiglio per la promozione della Nuova evangelizzazione, che ha anche evidenziato tre momenti che concluderanno un tempo "dedicato completamente a ravvivare la fede dei credenti" e che "il popolo di Dio sparso nel mondo intero ha vissuto con grande intensità". Il primo sarà la visita che Papa Francesco farà al monastero delle Monache Camaldolesi all'Aventino, giovedì prossimo, 21 novembre. "Una visita breve, ma significativa. Quel giorno è da diverso tempo riservato ai "pro orantibus". Una giornata, quindi, dedicata a chi ha compiuto la scelta della vita di clausura, come dedizione privilegiata per una vita di preghiera e di contemplazione. La scelta di questo Monastero è dovuta al fatto che queste monache, a partire dal Concilio Vaticano II, hanno rivisitato la loro regola, cercando di ritornare alle origini del loro carisma. Secondo una antica tradizione, probabilmente proprio sull'Aventino si hanno le prime tracce di vita monacale femminile a Roma. Il Papa si fermerà in preghiera con le monache, che in questi anni hanno aperto il loro monastero alla condivisione della lectio divina e della mensa dei poveri. Un aiuto che va incontro alla duplice esigenza della fede: scoprire la ricchezza della Parola di Dio e condividere la propria mensa con chi non ha da mangiare".

    Un secondo segno sarà vissuto nel pomeriggio di sabato 23 novembre e sarà dedicato ai catecumeni, circa 500 dei quali saranno presenti. Saranno di 47 nazionalità diverse, dei cinque continenti. ""Mi piace ricordare in particolare, catecumeni dalla Russia, Moldavia, Bosnia Erzegovina, Egitto, Marocco, Algeria, Cina, Kirghizistan, Mongolia, Cuba...". Papa Francesco riceverà trentacinque candidati al catecumenato all'ingresso della Basilica di san Pietro e porrà loro le domande tradizionali del rito: "Qual è il tuo nome?; Che cosa domandi alla Chiesa di Dio?; E la fede che cosa ti dona?". Il segno della croce sulla loro fronte e l'accoglienza nella chiesa diventano il segno evidente del cammino che questi giovani intraprendono per giungere un giorno a confessare personalmente la fede". "Per molti cristiani che spesso non vivono il battesimo e per tanti che sentono vivo il desiderio di Dio, questo momento potrà diventare una provocazione per riscoprire la novità della fede. Insomma, un segno per tutti per ritrovare la bellezza del battesimo e la vita nuova che in Cristo ci è stata donata".

    Ancora a proposito della messa conclusiva, mons. Fisichella l'ha definita "un impegno che la Chiesa è chiamata ad assumere. Credere significa anche partecipare ad altri la gioia dell'incontro con Cristo. L'Esortazione del Papa, quindi, diventa una missione che viene affidata a ogni battezzato per farsi evangelizzatore". "Simbolicamente, il Papa consegnerà la sua Lettera a un vescovo, a un sacerdote e a un diacono scelti tra i più giovani ad essere ordinati; provengono rispettivamente dalla Lettonia, Tanzania e Australia. Ci saranno poi dei religiosi e religiose e seguiranno rappresentanti di ogni evento di questo Anno della fede: dei cresimati, un seminarista e una novizia, una famiglia, dei catechisti, un non vedente - a cui il Papa consegnerà la sua Lettera in Cd-rom tale da essere riprodotta in forma auditiva - dei giovani, delle confraternite, dei movimenti. Abbiamo aggiunto due espressioni rappresentative per l'alto valore che possiedono: degli artisti per far evincere il valore della bellezza come forma privilegiata di evangelizzazione; sarà presente per questo Etsuro Sotoo, scultore giapponese famoso per la sua collaborazione alla Sagrada Família e Anna Gulak giovane pittrice polacca. Inoltre, due rappresentanti del giornalismo per attestare il grande impegno e promozione che svolgono quanti si dedicano a questo servizio, che rappresenta sempre più una nuova forma di cultura con cui la Chiesa sente l'urgenza di confrontarsi e di sentirsi aiutata e sostenuta nell'opera di evangelizzazione".

    Ma se l'Anno della fede si conclude, "continua ora il desiderio per mantenere vivo l'insegnamento che in questi mesi abbiamo ricevuto. Il popolo di Dio sparso nel mondo intero ha vissuto con grande intensità questo momento. Il numero di oltre 8 milioni e mezzo di pellegrini che si sono recati alla Tomba di Pietro per professare la fede, è solo un segno tra i più piccoli, anche se significativi, che rimarranno nel nostro ricordo. Ciò che è stato vissuto a livello locale è impossibile descriverlo in pienezza. Micro iniziative che in tutto il mondo hanno evidenziato quanto la fede permanga viva e dinamica in mezzo ai fedeli a testimonianza della pietà e del profondo senso religioso che è presente nel nostro popolo. Momenti per ricordare l'insegnamento del Vaticano II, catechesi sulla fede, celebrazioni varie, testimonianze di carità, attività culturali di diverso genere... tutto questo permane come un segno che attesta l'impegno dei cristiani nel mondo. Insomma, questo Anno è stato realmente un'esperienza di grazia che ci porteremo dentro con rinnovato senso di gratitudine al Signore per quanto ci ha fatto vivere. Abbiamo ricevuto testimonianze commoventi che restano come documento vivo di una fede che sa dare significato alla vita anche nei luoghi più nascosti, di povertà, di sofferenza e là dove i cristiani sono una esigua minoranza. La fede ha unito e permesso di ricordare a tutti il fondamento del nostro credere: Gesù Risorto speranza per una vita nuova".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/12/2013 INDIA - VATICANO
    Arcivescovo di Bangalore: L'Evangelii Gaudium chiama l'India a una nuova evangelizzazione
    Mons. Bernard Moras ha celebrato con papa Francesco la messa di chiusura dell'Anno della fede: "È un pontefice che è un buon pastore per tutti e che invita la Chiesa universale a rinnovare l'annuncio della Buona Novella". Il prelato spiega che Bangalore "è diventata la città in più rapida crescita dell'Asia" grazie alla grande industria informatica (It) e allo sviluppo dei settori sanitario ed educativo. Egli parla anche dei recenti attacchi contro i cristiani, frutto di vendette personali ma anche di poca prudenza da parte delle minoranze, che a loro volta non sempre rispettano i loro vicini.

    15/07/2012 VATICANO
    Papa: nella Chiesa siamo tutti corresponsabili, dobbiamo "essere uniti e al tempo stesso missionari"
    Benedetto XVI in vsita a Frascati e all'Angelus parla del primo invio degli apostoli da parte di Gesù. I missionari "non devono essere attaccati al denaro e alle comodità", debbono sapere che potranno essere respinti e perseguitati, dovranno "predicare la giustizia anche contro gli applausi, anche contro il potere umano" e infine "non possono accontentarsi di predicare la conversione", ma dovranno manifestare nella carità la bontà di Dio.

    08/10/2012 VATICANO
    Sinodo: Papa, il cristiano non deve essere tiepido e annunci il Vangelo prima di tutto con la sua vita
    Aperti i lavori del Sinodo sulla nuova evangelizzazione. La nuova evangelizzazione, dice il relatore generale, "non è un programma. Si tratta di un nuovo modo di pensare, di vedere e di agire". Gli anni '70 e '80, "come se uno tsunami di influenza secolare". "La secolarizzazione ha modellato due generazioni di cattolici che non conoscono le preghiere fondamentali della Chiesa". Se i missionari del passato hanno coperto "immense distanze geografiche" per annunciare il Vangelo, i missionari del presente devono superare "distanze ideologiche altrettanto immense", senza neppure uscire dal quartiere.

    28/07/2014 INDIA
    Andhra Pradesh, studiare l'Evangelii Gaudium per l'Anno della vita consacrata
    A Vijayawada religiosi, sacerdoti e suore hanno partecipato a un seminario per studiare l'esortazione apostolica. Una riflessione sulla condizione attuale della Chiesa. La necessità di condurre il mondo di oggi "fino a Cristo per ricevere la salvezza". Maria "stella dell'evangelizzazione".

    29/09/2013 VATICANO
    Papa ai catechisti: Se manca la memoria di Dio, tutto si appiattisce sull'io, sul mio benessere, sull'avere
    Alla messa per la Giornata del catechista, appuntamento per l'Anno della Fede, Francesco propone ai catechisti venuti da tutto il mondo, di essere "memoria di Dio" e di risvegliarla negli altri uomini. Comunicare la dottrina "nella sua totalità, senza tagliare o aggiungere". Il saluto al patriarca ortodosso di Antiochia e la preghiera per la Siria e il Medio Oriente.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®