25/10/2013, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: riconoscere la famiglia, fondata sul matrimonio, dono di sé senza calcoli e riserve

E' una "comunità" nella quale "la persona prende coscienza della propria dignità e, specialmente se l'educazione è cristiana, riconosce la dignità di ogni singola persona, in modo particolare di quella malata, debole, emarginata".

Città del Vaticano (AsiaNews) - La famiglia, fondata sul matrimonio, nel quale "ci si dona completamente senza calcoli né riserve", chiede di essere riconosciuta come "comunità", "tanto più oggi, quando prevale la tutela dei diritti individuali". Lo chiede papa Francesco che oggi, ricevendo i partecipanti alla XXI assemblea plenaria del Pontificio consiglio per la famiglia, ha evidenziato sia il ruolo formativo che la famiglia svolge, sia il suo prendersi cura di anziani e bambini, non tutelando i quali, "una società recide le sue radici e oscura il suo futuro", sia infine suo essere è "una parte molto importante dell'evangelizzazione".

La famiglia, che sarà il tema del prossimo Sinodo straordinario dei vescovi, nel pensiero del Papa, è in primo luogo "una comunità di vita che ha una sua consistenza autonoma". Essa, come ha scritto Giovanni Paolo II nella Familiaris consortio, "non è la somma delle persone che la costituiscono, ma una «comunità di persone». E' il luogo dove si impara ad amare, il centro naturale della vita umana. E' fatta di volti, di persone che amano, dialogano, si sacrificano per gli altri e difendono la vita, soprattutto quella più fragile, più debole. Si potrebbe dire, senza esagerare, che la famiglia è il motore del mondo e della storia. Ciascuno di noi costruisce la propria personalità in famiglia, crescendo con la mamma e il papà, i fratelli e le sorelle, respirando il calore della casa. La famiglia è il luogo dove riceviamo il nome, è il luogo degli affetti, lo spazio dell'intimità, dove si apprende l'arte del dialogo e della comunicazione interpersonale. Nella famiglia la persona prende coscienza della propria dignità e, specialmente se l'educazione è cristiana, riconosce la dignità di ogni singola persona, in modo particolare di quella malata, debole, emarginata".

In secondo luogo, "la famiglia si fonda sul matrimonio". "Attraverso un atto d'amore libero e fedele, gli sposi cristiani testimoniano che il matrimonio, in quanto sacramento, è la base su cui si fonda la famiglia e rende più solida l'unione dei coniugi e il loro reciproco donarsi". "Nel matrimonio ci si dona completamente senza calcoli né riserve, condividendo tutto, doni e rinunce, confidando nella Provvidenza di Dio. È questa l'esperienza che i giovani possono imparare dai genitori e dai nonni. È un'esperienza di fede in Dio e di fiducia reciproca, di libertà profonda, di santità, perché la santità suppone il donarsi con fedeltà e sacrificio ogni giorno della vita!".

Papa Francesco ha poi evidenziato "due fasi della vita familiare: l'infanzia e la vecchiaia. Bambini e anziani rappresentano i due poli della vita e anche i più vulnerabili, spesso i più dimenticati. Una società che abbandona i bambini e che emargina gli anziani recide le sue radici e oscura il suo futuro. Ogni volta che un bambino è abbandonato e un anziano emarginato, si compie non solo un atto di ingiustizia, ma si sancisce anche il fallimento di quella società. Prendersi cura dei piccoli e degli anziani è una scelta di civiltà".

La "buona notizia" della famiglia, infine, è "una parte molto importante dell'evangelizzazione, che i cristiani possono comunicare a tutti, con la testimonianza della vita; e già lo fanno, questo è evidente nelle società secolarizzate: le famiglie veramente cristiane si riconoscono dalla fedeltà, dalla pazienza, dall'apertura alla vita, dal rispetto degli anziani... Il segreto di tutto questo è la presenza di Gesù nella famiglia. Proponiamo dunque a tutti, con rispetto e coraggio, la bellezza del matrimonio e della famiglia illuminati dal Vangelo! E per questo ci avviciniamo con attenzione e affetto alle famiglie in difficoltà, a quelle che sono costrette a lasciare la loro terra, che sono spezzate, che non hanno casa o lavoro, o per tanti motivi sono sofferenti; ai coniugi in crisi e a quelli ormai separati. A tutte vogliamo stare vicino".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa a Cuba: “le famiglie non sono un problema”, sono un’opportunità da curare, proteggere, accompagnare
22/09/2015
Papa: Assisi, una comunità ascolti la Parola, cammini insieme, porti il Vangelo nelle periferie
04/10/2013
Lettera del Papa dopo il sinodo sull’Eucaristia
13/03/2007
Papa: crea un Istituto per le scienze su matrimonio e famiglia
19/09/2017 13:37
Papa: la Chiesa e il mondo hanno bisogno dei religiosi, "segno di Dio nei diversi ambienti di vita"
02/02/2014