08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/01/2016, 00.00

    CINA

    Perdite oltre il 7%: chiudono le borse di Shanghai e Shenzhen. È la seconda volta in una settimana

    Paul Wang

    Gli scambi chiusi dopo soli 15 minuti dall’apertura. Restrizioni per altri tre mesi sulla vendita di azioni. Scendono la borsa di Hong Kong, Tokyo, Seoul, Sydney. Svalutato lo yuan.

    Hong Kong (AsiaNews) – A meno di mezz’ora dall’apertura dei mercati (15 minuti, per la precisione), le borse di Shanghai e Shenzhen hanno chiuso gli scambi per tutta la giornata avendo perso oltre il 7%. È la seconda volta in una settimana (la prima è stata il 4 gennaio) che la Cina ferma il mercato borsistico grazie a una nuova regola da lei introdotta, secondo cui quando le perdite superano il 5%, gli scambi vanno fermati.

    Il collasso di oggi è un ulteriore segno del rallentamento dell’economia cinese e sta diffondendo la sua influenza nel resto dei mercati asiatici e mondiali.

    Stamane l’indice di Shanghai è sceso del 7,3% dopo solo 13 minuti dall’apertura. In questi primi giorni dell’anno l’indice è sceso del 12%, bruciando tutti i guadagni assunti nel 2015. Il CSI 300 (che misura insieme la borsa di Shanghai e Shenzhen) è sceso del 7,2; l’indice dello Shenzhen Composite ha perso l’8,3% prima della chiusura.

    La Commissione regolatrice ha annunciato che dal 9 gennaio e per tre mesi gli azionisti potranno vendere non più dell’1% delle azioni di una compagnia. Una restrizione simile era stata attuata nei sei mesi precedenti e scade domani.

    Il mercato di Hong Kong ha subito risentito del contraccolpo cinese e ha chiuso la sessione mattutina a meno 2,4%. Tokyo è sceso dell’1,7%; Sydney del 2,1 e Seoul dello 0,9.

    Per venire incontro alla debolezza dell’economia, la Banca popolare di Cina ha ritoccato il valore dello yuan a 6,5646 rispetto al dollaro Usa, portandolo al valore più basso dal 2010, quando lo yuan è stato aperto a una fluttuazione controllata.

    Gli analisti pensano che una svalutazione della moneta potrà portare vantaggi all’export cinese, ma a lungo andare potrebbe indebolire il mercato azionario e far fuggire i capitali all’estero. In più, potrebbe scatenare una guerra delle valute nella regione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/08/2015 CINA
    Shanghai, nuovo crollo in Borsa: persi 6,15 punti percentuali
    Penalizzata anche Shenzhen, che chiude a meno 6,58%. Le vendite sono scattate dopo un’iniezione di liquidità di 17 miliardi di euro da parte della Banca centrale cinese, mossa che gli analisti hanno interpretato come “disperata”. Nuovi timori anche per la svalutazione dello yuan.

    05/12/2016 08:37:00 CINA-HONG KONG
    Al via la connessione fra la borsa di Hong Kong e quella di Shenzhen

    Un nuovo passo verso l’integrazione della Cina nei mercati mondiali. Ma i risultati di stamane non sono entusiasmanti. Le aziende tecnologiche di Shenzhen fanno gola agli investitori mondiali. Ma i cinesi – con lo yuan che ha perso il 10% del valore in due anni – guardano ad investimenti all’estero.



    07/12/2006 CINA - USA
    Lo yuan acquista sempre più forza e preoccupa Hong Kong
    Rispetto al dollaro Usa la valuta cinese si è apprezzata di oltre il 5,3% dal luglio 2005 e si avvia a diventare più vantaggiosa della moneta di Hong Kong. Preoccupazioni per l’economia della città e per un aumento dell’inflazione locale.

    11/08/2015 CINA
    Pechino svaluta a sorpresa lo yuan per rilanciare le esportazioni
    Si tratta della mossa più importante di politica monetaria degli ultimi 20 anni. Il cambio con il dollaro fissato a 6,2298. Il governo vuole frenare i tracolli dei listini nazionali e spera di rilanciare la produzione industriale. A rischio il potere d’acquisto del ceto medio. Singapore, Australia e Corea del Sud sulla stessa scia.

    15/02/2016 10:53:00 CINA
    Cina, l’import-export sprofonda: a gennaio 2015 le importazioni a -18,8%

    Riapre la Borsa di Shanghai, ma la performance non è positiva. L’azionario cinese sconta la pubblicazione dei dati relativi alla bilancia commerciale, che hanno messo in evidenza un tonfo delle esportazioni: a gennaio crollano a -11%, con l’import a -18,8%. Il surplus della Cina nei confronti del resto del mondo si attesta a 63,3 miliardi di dollari.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®