28 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/08/2014, 00.00

    CAMBOGIA

    Phnom Penh: tribunale Onu condanna all’ergastolo due ex leader dei Khmer rossi



    Si tratta di Nuon Chea - “fratello numero due” e vice di Pol Pot - e Khieu Samphan, ex capo di Stato del regime. Entrambi sono stati riconosciuti colpevoli di crimini contro l’umanità. I legali parlano di “ingiustizia” e annunciano ricorso in appello. Soddisfazione fra i parenti delle vittime, ma l’odio “resta immutato”.

    Phnom Penh (AsiaNews/Agenzie) - Si è concluso con la condanna all'ergastolo per crimini contro l'umanità il processo a due leader di primo piano dei Khmer rossi, movimento maoista al potere in Cambogia negli anni '70 e responsabile del massacro di quasi un quarto della popolazione. Questa mattina a Phnom Penh il tribunale misto delle Nazioni Unite ha emesso la sentenza, che assegna al carcere a vita l'88enne Nuon Chea - "fratello numero due" e vice di Pol Pot - e Khieu Samphan, ex capo di Stato del regime. Essi sono i due più alti leader dei Khmer rossi ancora in vita a venire condannati per le atrocità commesse; per molti si tratta però di sentenze di facciata, poiché entrambi sono molto anziani e in precarie condizioni di salute. 

    Durante la lettura del verdetto il giudice capo Nil Nonn ha sottolineato che i due uomini sono colpevoli di "sterminio" che comprende fra gli altri "omicidio, persecuzione politica, e altri atti disumani fra cui il trasferimento forzato, sparizioni e attacchi alla dignità umana". Gli imputati erano presenti in aula durante la lettura, arrivata dopo due anni di udienze e dibattimenti; al "fratello numero due" è stato concesso di restare seduto, a causa delle sue precarie condizioni di salute.

    Intanto, i loro legali annunciano già il ricorso in appello contro la sentenza. "Per il mio cliente si tratta di un'ingiustizia. Non sapeva o non ha commesso molti dei crimini [che gli vengono attribuiti]" sottolinea Son Arun, avvocato di Nuon Chea. Essi rimarranno in galero sino all'apertura del processo di secondo grado. 

    Nuon Chea è considerato l'ideologo del regime, mentre Khieu Samphan rappresentava il volto pubblico. Secondo l'accusa essi hanno elaborato la politica del movimento e si sono resi complici delle brutalità da esso commesse negli anni - dal 1975 al 1979 - al potere. In aula erano presenti anche alcuni parenti di persone morte per mano della dittatura dei Khmer rossi: "Il mio odio resta immutato" ha sottolineato Suon Mom, 75 anni, il cui marito e i quattro figli sono morti di fame sotto il regime. "Ricordo ancora il giorno in cui ho abbandonato Phnom Penh - ha aggiunto la donna - camminando sola per strada, senza cibo né acqua da bere". 

    Ancora oggi la Cambogia porta le ferite della dominazione dei Khmer rossi guidati dal sanguinario Pol Pot, che ha governato il Paese seminando morte e distruzione. In pochi anni il regime ha eliminato - per fame o nei famigerati Killing Fields, campi di sterminio alle porte di Phnom Penh - quasi due milioni di persone (circa un quarto della popolazione). Molte delle vittime erano intellettuali, medici, insegnanti ed esponenti dell'élite culturale.

    Le condanne di oggi sono un timido tentativo di sanare le ferite inferte dal sanguinario movimento maoista e restituire giustizia alle vittime. Tuttavia i critici sottolineano che il Tribunale Onu, accusato di corruzione e inefficienze, ha colpito - in parte - solo i simboli del regime ma non ha garantito vera giustizia al popolo cambogiano. Pol Pot è morto nel 1998 per malattia e non ha mai subito processi né incriminazioni per le atrocità commesse sotto il suo comando. Inoltre, molti dei vecchi funzionari di secondo piano e vecchi quadri del movimento maoista sono ancora oggi liberi e in molti casi ricoprono importanti ruoli di governo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/07/2014 CAMBOGIA
    Cambogia, al via il secondo processo contro gli ultimi khmer rossi in vita
    Per "cercare di sbrigarsi", il Tribunale speciale dell'Onu divide i procedimenti contro Khieu Samphan e Nuon Chea, ultimi due leader del regime degli khmer rossi ancora in vita. I crimini risalgono al periodo 1975-1979. Il verdetto per il processo sui crimini contro l'umanità è atteso per il prossimo 7 agosto.

    23/11/2016 08:58:00 CAMBOGIA
    Phnom Penh, il tribunale Onu conferma l’ergastolo per due ex leader dei Khmer rossi

    I giudici hanno respinto il ricorso presentato dai legali di Nuon Chea e Khieu Samphan, condannati per crimini contro l’umanità. Entrambi dovranno affrontare un secondo processo per genocidio. Rigettate le istanze relative a vizi procedurali e mancanza di imparzialità del primo grado. Presidente tribunale: Il carcere a vita “è la giusta pena”. 

     



    30/03/2009 CAMBOGIA
    Prima udienza nel processo contro un leader khmer rosso
    Alla sbarra il compagno Duch, che deve rispondere di crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Egli è il solo leader del vecchio regime ad aver ammesso le proprie responsabilità, chiedendo perdono alle vittime. Il dibattimento durerà diversi mesi prima di giungere al verdetto finale.

    29/06/2009 CAMBOGIA
    Processo ai Khmer rossi: la testimonianza di un sopravvissuto
    Vann Nath ha raccontato le drammatiche condizioni dei detenuti nel carcere di Tuol Sleng, dove sono stati massacrati 17 mila cambogiani. Dei sette sopravvissuti, solo tre sono ancora vivi. All’udienza era presente anche il compagno Duch, direttore della prigione. Egli è il solo leader khmer rosso ad aver chiesto perdono.

    06/05/2011 CAMBOGIA
    Giovane cambogiana: studiare i Khmer rossi, per evitare di ripetere il passato
    In una lettera la ragazza sottolinea la storia del Paese non sono solo “il paradiso” dei templi Angkor, ma anche “l’inferno” dei seguaci di Pol Pot. Per molti, invece, la memoria è “dolorosa”, “inutile” o comunque percepita come appartenente “al passato e conclusa”. Denuncia degli attivisti: a rischio i processi del tribunale internazionale Onu.



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®