25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/09/2012
EGITTO
Portavoce della Chiesa cattolica egiziana: Il Papa deve andare in Libano anche se la situazione è tesa
P. Rafic Greiche sottolinea l'estrema importanza del viaggio del pontefice portatore di pace nel Medio oriente vittima di odio e guerra. Per il sacerdote gli attacchi contro il film satirico su Maometto sono soprattutto contro gli Stati Uniti, non contro i cristiani. I Fratelli musulmani egiziani lanciano una grande manifestazione di protesta per il prossimo 14 settembre al Cairo e in altre città del Paese. I copti egiziani criticano il film.

Il Cairo (AsiaNews) - I Fratelli musulmani egiziani chiamano a raccolta tutta la popolazione a manifestare il 14 settembre contro il film satirico su Maometto dal titolo "Innocence of Muslims" prodotto negli Stati Uniti  e diffuso nei giorni scorsi su internet in lingua inglese e araba. In queste ore al Cairo e a Bengasi (Libia) sono ancora in corso proteste contro il cortometraggio.  Ieri, un attacco sferrato da militanti islamisti al consolato statunitense di Bengasi ha ucciso l'ambasciatore americano in Libia e altri tre funzionari del suo staff.

Le proteste programmate dagli islamisti egiziani, potrebbero coinvolgere anche altri Paesi islamici.    La data coincide con la visita di Benedetto XVI in Libano, che si terrà dal 14 al 16 settembre. Secondo p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, "Il viaggio in Libano deve restare nell'agenda del pontefice anche se la situazione nella regione è molto tesa. La visita è una grande occasione per mostrare che la pace è l'unica alternativa possibile all'odio e alla guerra. La presenza di Benedetto XVI a pochi chilometri dalla Siria è un messaggio di solidarietà e dialogo per il Medio oriente e per le popolazioni cristiane e musulmane protagoniste della Primavera araba e per le fazioni islamiche in lotta fra loro ". 

Il sacerdote sottolinea che le proteste avvenute in questi giorni davanti alle ambasciate degli Stati Uniti al Cairo e a Bengasi hanno come obiettivo gli Stati Uniti. "Non è un caso - afferma - che queste manifestazioni siano state organizzate proprio il giorno dell'anniversario degli attentati dell'11 settembre. Per molti islamisti questa è stata un'opportunità per far sentire ancora di più la loro voce. Tuttavia, bisogna sottolineare che fra le persone che hanno manifestato davanti all'ambasciata americana al Cairo, vi erano anche diversi cristiani copti. La gente ha protestato contro gli Stati Uniti ritenuti responsabili di questo video offensivo, non contro i cristiani. I Paesi che hanno vissuto sotto regimi dittatoriale non considerano la libertà di espressione, pensano che tutto sia vagliato dalle autorità pubbliche". P. Greiche spiega che i cristiani rispettano tutte le religioni, questo film non rappresenta il pensiero della comunità cristiana egiziana. Il film è stato realizzato da anche con la collaborazione di copti ortodossi emigrati negli Stati uniti, ma la comunità copta egiziana ha negato qualsiasi legame con queste persone.

Tuttavia, il sacerdote fa notare che i musulmani e il mondo intero si indignano quando viene offeso Maometto, ma non vi è nessuna manifestazione quando vengono offesi altri simboli religiosi, soprattutto quelli cristiani che in Egitto sono sempre di più oggetto di vilipendio e offesa da parte degli islamici radicali. "Dopo la caduta di Mubarak - continua p. Greiche - i salafiti e i Fratelli musulmani hanno riempito le edicole e i negozi di giornali, settimanali, libri che hanno al loro interno intere parti contro i cristiani. Sul settimanale "La Voce del popolo" vi sono ben 10 pagine piene di attacchi e offese contro i cristiani e ciò è comune anche in altri giornali e televisioni, ma nessuno ne parla o grida allo scandalo".   (S.C.)

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/09/2012 LIBANO - VATICANO
Benedetto XVI in visita a un Medio Oriente in ebollizione
di Fady Noun
16/09/2012 LIBANO - VATICANO
Musulmani libanesi al Papa : Colpire una chiesa è come colpire una moschea
di Fady Noun
07/12/2012 MEDIO ORIENTE
Siria, dalla primavera araba alla guerra fra sunniti e sciiti
di Samir Khalil Samir
07/01/2011 ISLAM - EGITTO
Natale copto tranquillo. Ma vanno affrontati fondamentalismo e discriminazione dei cristiani
di André Azzam
20/09/2012 LIBANO - VATICANO
P. Samir: Per il Papa il Libano è un modello per Oriente e Occidente
di Samir Khalil Samir

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate