24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/09/2016, 08.41

    INDONESIA

    Poso, catturato il “ricercato numero due” della polizia

    Mathias Hariyadi

    Mohammad Basri era succeduto a Santoso nella guida del gruppo terroristico East Indonesia Mujahidin (Mit). È stato preso nella zona di South Poso Pesisir insieme alla moglie. Ora è in ospedale per i controlli medici. Il Mit ha legami diretti con lo Stato islamico, ma ora conta solo 13 membri.

     

    Jakarta (AsiaNews) – La polizia indonesiana ha annunciato di aver catturato Mohammad Basri, il secondo ricercato più pericoloso del Paese. Un’azione militare portato alla scoperta del covo del terrorista a South Poso Pesisir, nella provincia Sulawesi Tenggara. Nella caccia all’uomo che ne è seguita, Basri e la moglie sono stati catturati, mentre il suo collaboratore Andhika è stato ucciso in un tentativo di fuga.

    Basri è il leader del gruppo terroristico East Indonesia Mujahidin (Mit) da quando è succeduto a Santoso, ricercato numero uno ucciso il luglio scorso dalle forze dell’ordine. Quest’ultimo aveva intrecciato negli ultimi due anni contatti diretti con i vertici dello Stato islamico e il suo nome era associato a diversi episodi di sangue avvenuti nel Paese. Basri era riuscito a fuggire all’attacco dei militari, anche se per un certo periodo di tempo si era sospettata anche la sua morte.

    A partire dal 2002, Basri era entrato a fare parte del Jemaah Islamiyah, rete del terrore nel sud-est asiatico legata ad al-Qaeda. Dopo l’arresto, l’uomo è stato condotto insieme alla moglie al Bhayangkara Police Hospital di Palu (Sulawesi centrali) per controlli medici.

    Dall’inizio del 2016 Jakarta ha lanciato un’operazione militare su larga scala, chiamata “Tinombala Ops”, per la guerra ai gruppi terroristici attivi sul territorio. Sono impiegati due battaglioni d’élite dell’esercito, della marina e dell’aviazione, in cooperazione con le forze di polizia. Tinombala è il nome delle montagne delle Sulawesi centrali.

    Il Gen. Rudy Sufahriady, capo brigadiere della polizia provinciale, ha dichiarato che il gruppo terroristico di Santoso ha perso numerosi uomini: “Ora sono rimasti solo in 13”. Al posto di Basri dovrebbe prendere il comando Ali Kaliora, ancora in libertà ma considerato meno pericoloso dalle forze dell’ordine.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/07/2016 08:22:00 INDONESIA
    Sulawesi centrali: morto il terrorista Santoso, ricercato numero uno della polizia indonesiana

    Il leader islamico è deceduto in uno scontro a fuoco con la polizia. Conosciuto col nome di battaglia di Abu Wardah, era il leader di East Indonesian Mujahidin (Mit). Egli è stato il primo mujaheddin indonesiano a giurare fedeltà allo Stato islamico. Soddisfazione fra poliziotti, soldati e giornalisti per il successo dell’operazione. 

     



    27/01/2016 11:31:00 INDONESIA
    Almeno 200 indonesiani arruolati nell’Isis. Continua la caccia agli attentatori di Jakarta

    Le forze speciali di marina ed esercito si sono unite alla polizia per cercare Baharum Naim (forse la mente degli attacchi) e Santoso, il ricercato numero uno del Paese. Quest’ultimo si nasconde a Poso, zona di giungla montagnosa dove ha molti simpatizzanti fra la popolazione locale.



    11/01/2006 INDONESIA
    Incendiati a Poso cinque edifici pubblici

    Il grande incendio ha fatto seguito ad una esplosione davanti alla chiesa di Sion ed allo scontro a fuoco tra soldati e poliziotti.



    10/01/2006 INDONESIA
    Scontro a fuoco tra polizia ed esercito nelle Sulawesi centrali

    Non sono chiare le cause della sparatoria, che ha seminato il panico a Poso già tormentata da tensioni interreligiose.



    25/09/2010 INDONESIA
    I terroristi musulmani vogliono trasformare l’Indonesia in uno Stato islamico
    I recenti attacchi contro la polizia mirano a delegittimare le forze dell’ordine per creare caos e guerriglia nelle città. Confermato l’impiego dell’esercito nelle operazioni di sicurezza interna, per la prima volta dopo la caduta del regime militare di Suharto.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®