18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2016, 00.00

    ARABIA SAUDITA-IRAN

    Riyadh, giustiziati 47 “terroristi”, fra cui il dignitario sciita Nimr al-Nimr



    Sono le prime esecuzioni del nuovo anno. Lo scorso anno ve ne sono state più di 150. Sheikh Nimr criticava l’emarginazione della comunità sciita ella società saudita (sunnita). Le minacce dell’Iran.

    Riyadh (AsiaNews) – L’Arabia saudita ha iniziato l’anno nuovo con l’esecuzione della condanna a morte di 47 persone accusate di “terrorismo”. Fra questi vi è pure il dignitario sciita Sheikh Nimr al-Nimr, figura importante di contestazione contro il regime saudita.

    L’annuncio delle esecuzioni è stato dato dal ministero degli interni. Subito dopo l’esecuzione, alla tivu è apparso il gran Mufti del paese, Sheikh Abdulaziz Al Al-Sheikh, che ha assicurato che le esecuzioni erano “giuste”.

    Fra gli uccisi, 45 erano sauditi, uno era ciadiano e un altro egiziano. La personalità più in vista fra i giustiziati è Nimr al-Nimr, già sostenitore della brevissima “primavera araba” scoppiata nella regione orientale del regno saudita, e sedata nel sangue. La regione è a maggioranza sciita; da tempo gli sciiti lamentano di essere emarginati dal punto di vista politico ed economico.

    Il suo arresto è avvenuto due anni fa; la sua condanna a morte lo scorso ottobre.

    Egli era accusato di “rapporti con gli stranieri”, di disobbedienza al governo e di aver imbracciato le armi contro le forze di sicurezza. I suoi sostenitori affermano invece che Nimr al-Nimr ha sempre sostenuto solo manifestazioni pacifiche.

    L’Iran, principale rivale dell’Arabia saudita nella regione, aveva già avvertito Riyadh che l’esecuzione di Sheikh Nimr sarebbe “costata molto cara” ai sauditi.

    Quelle pubblicizzate oggi sono le prime esecuzioni del 2016. Lo scorso anno l’Arabia saudita ha eseguito più di 150 condanne a morte.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2014 IRAN-A. SAUDITA
    Riyadh e Teheran favorevoli a un dialogo per risolvere i "problemi regionali"
    Entrambi i Paesi aprono a possibili negoziati, dopo decenni di conflitti e inimicizie. Le guerre nella regione stanno prosciugando le riserve dei Paesi del Golfo nella loro corsa agli armamenti.

    28/07/2012 ARABIA SAUDITA
    Feriti e arresti fra i manifestanti sciiti in piazza contro il regime saudita
    La protesta a Qatif, nella Provincia Orientale, area ricca di petrolio dove è concentrata la minoranza musulmana. Tra i fermati vi sarebbe anche Mohammed al-Shakouri, da tempo nel mirino delle autorità. L’Arabia Saudita sostiene la rivolta contro il presidente siriano Assad, ma reprime nel sangue il dissenso interno.

    02/10/2015 BAHRAIN-IRAN
    Il Bahrain richiama il suo ambasciatore dall’Iran ed espelle il rappresentante di Teheran
    L’Iran è accusato di “sedizione confessionale” e di “interferenza negli affari interni”. Ma la popolazione (a maggioranza sciita) chiede più diritti e maggiore giustizia sociale. La “primavera araba” nel 2011 è stata soppressa con truppe saudite. Scoperto un deposito di armi e munizioni.

    11/01/2016 MEDIO ORIENTE
    La Lega araba condanna l’Iran per l’assalto all’ambasciata saudita
    Ieri vertice di emergenza chiesto da Riyadh. La maggior parte dei Paesi membri ha votato a favore della condanna, con l’eccezione di Libano e Siria (sospesa dal gruppo). Allo studio eventuali rappresaglie per il futuro. Teheran respinge le accuse e ribadisce: "Nessun coinvolgimento nelle violenze".

    01/08/2017 08:28:00 QATAR-ARABIA SAUDITA
    Doha accusa Riyadh di bloccare i suoi pellegrini alla Mecca

    I pellegrini qatarioti potranno arrivare ma con compagnie aeree non del Qatar; devono prendere un visto da due unici porti di entrata: Jeddah e Medina. Doha: si mescola politica e religione. Riyadh: Si vuole internazionalizzare il problema. Il pellegrinaggio dovrebbe tenersi in settembre ed è il segno dell'unità fra tutti i musulmani del mondo.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®