06/11/2009, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Siccità in Cina: oltre 2,5 milioni di persone senza acqua

Sette province meridionali non ricevono pioggia da settimane: 70 villaggi sono legati a un'autobotte dei vigili, che porta acqua a 20mila persone ogni due giorni. Il governo pronto a bombardare il cielo per indurre le precipitazioni.
Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La terribile siccità che ha colpito nelle settimane scorse la Cina ha lasciato senza acqua potabile due milioni e mezzo di persone, residenti in sette province meridionali. Le precipitazioni su Jiangxi, Hunan, Guangdong, Guangxi, Fujian, Hubei e Jiangsu sono state infatti inferiori del 50% rispetto alla media stagionale. L’Ufficio per il controllo meteorologico e la Centrale operativa per la risoluzione della siccità hanno emanato ieri un’allerta e chiesto ai governi – locale e centrale – di mettere al primo posto il problema idrico.
 
La Centrale, che ha la responsabilità sul campo dell’emergenza, invierà degli esperti in tutte le province colpite: saranno stanziati inoltre dei fondi di emergenza per le prime operazioni di soccorso. In molte aree, il governo stato usando dei camion per portare acqua potabile alla popolazione. Secondo il quotidiano Information, il villaggio di Gaogang (nel Jianxi) non ha risorse idriche da più di un mese. L’articolo spiega che un’autobotte dei vigili del fuoco porta un carico ogni due giorni: i contadini si lavano, devono e poi danno sollievo ai loro animali. Ma l’irrigazione dei campi di riso è stata abbandonata.
 
Li Huanhuai, direttore operativo del locale piano di salvataggio, spiega di avere a disposizione soltanto tre camion, che devono portare acqua per 20mila persone sparse per 70 villaggi: “Se non arriva immediatamente un acquazzone, altri villaggi e altre città inizieranno a implorare per avere da bere. E il nostro ridotto numero di mezzi subirà una pressione ancora maggiore”.
 
Il governo di Huizhou, nel Guangdong, ha mobiltato la popolazione per riaprire dei pozzi abbandonati: secondo i dati, esistono nella zona oltre mille depositi d’acqua, ma molti di questi sono vuoti. Nella città di Shiba, ad esempio, 30 pozzi scavati da poco si sono seccati, mettendo in crisi 5mila persone. Il Fujian Daily sostiene che le autorità preposte all’emergenza stanno seguendo da vicino la situazione, e sarebbero pronte a sparare oltre mille razzi di iodio argentato per indurre artificialmente le precipitazioni.
 
Allertate anche le grandi dighe del Paese, che sarebbero pronte ad aumentare l’afflusso di acqua verso le zone colpite dalla siccità. Secondo alcuni ambientalisti, proprio le dighe sarebbero le prime responsabili del fenomeno: il rapido riempirsi della Diga delle Tre Gole, spiega Fan Xiao, “ha svuotato il fiume Yangtze”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cina: oltre 10 milioni di persone assetate dalla siccità
18/08/2006
Contadini dello Shandong: coltivare e bere da un fiume nero come l’inchiostro
17/01/2007
Cina, "trovato morto" dirigente licenziato dopo l'esplosione nell'impianto di Jilin
07/12/2005
Cina, oltre 312 milioni di agricoltori non hanno acqua potabile
06/09/2006
Una massa d'acqua velenosa lunga 80 km. arriva ad Harbin
24/11/2005