22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/09/2017, 08.53

    IRAN-SIRIA

    Teheran e Damasco firmano un accordo ‘milionario’ per le centrali elettriche siriane



    Previste la costruzione e la riparazione degli impianti. Esperti: l’Iran cerca di raccogliere i frutti del suo sostegno ad Assad. 

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - L'Iran ha siglato un accordo con Damasco per la costruzione e la riparazione degli impianti elettrici danneggiati durante la guerra siriana. A riportarlo sono i media statali di entrambi i Paesi. Sempre più evidente il crescente ruolo economico della Repubblica islamica nel Paese da anni sconvolto dal conflitto.

    Il memorandum è stato firmato ieri, durante la visita del ministro siriano per l’elettricità a Teheran. Esso include la costruzione di un impianto elettrico nella provincia costiera di Latakia e la riparazione del principale centro di controllo per la rete elettrica in Siria, situato a Damasco. Prevista anche la riabilitazione della centrale energetica nella provincia di Deir al-Zor, dove l’esercito siriano e i suoi alleati hanno condotto una recente avanzata contro lo Stato islamico. Secondo la stampa statale iraniana, il valore di questo accordo ammonterebbe a milioni di euro.

    Sin dal 2012, l’Iran ha sostenuto il governo siriano contro i ribelli per mantenere il controllo del Paese. Più di 1.000 soldati delle Guardie rivoluzionarie sono morte nel conflitto. Secondo alcuni esperti, la Repubblica islamica starebbe ora cercando di raccogliere i frutti finanziari del suo intervento.

    Ad agosto, Teheran ha annunciato di aver esportato in Siria beni per il valore di 58 milioni di dollari nell’arco dei primi quattro mesi del 2017. Un aumento del 100% rispetto l’anno precedente. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/09/2013 IRAN – USA - SIRIA
    Rouhani scrive all’Occidente: Uniamo gli sforzi per il dialogo in Siria
    In una lettera inviata al Washington Post, il neo presidente iraniano si offre come mediatore tra Damasco e i ribelli: “Il mondo è cambiato, non è più il tempo degli spargimenti di sangue, i capi di Stato mondiali devono trasformare le minacce in opportunità”. Anche la Confederazione mondiale delle Chiese orientali annuncia un incontro con i leader religiosi musulmani per aiutare il processo di pace.

    04/07/2017 12:10:00 IRAN - FRANCIA
    Total, accordo multi-miliardario con l’Iran a dispetto delle sanzioni Usa

    È la prima azienda a firmare un accordo così importante con l’Iran da più di 10 anni. Un investimento 4,8 miliardi di dollari. La posizione ostile Usa rallenta la normalizzazione dei rapporti economici del Paese, ma l’Europa guarda con interesse a futuri accordi. Zarif: impegno per l’accordo nucleare “a dispetto della sconsiderata ostilità Usa”.



    25/02/2014 ISRAELE-SIRIA-LIBANO
    Aerei israeliani colpiscono basi Hezbollah sul confine siriano
    La zona colpita, nella valle della Bekaa, è usata da Hezbollah per immagazzinare armi e per addestrare le sue truppe che lottano a favore di Assad. Israele teme un'escalation nella modernizzazione degli armamenti in mano al movimento militante sciita.

    12/05/2016 11:43:00 NEPAL
    Accordo tra governo e maoisti: l’amnistia per i crimini di guerra indigna la popolazione

    Il patto ritira le leggi che puniscono i crimini contro l’umanità come stupro, tortura, omicidio e sequestro. Il conflitto civile ha coinvolto forze del governo e ribelli maoisti. Il capo del partito maoista ha già 37 denunce pendenti. L’amnistia è a tutti gli effetti una resa ai maoisti, che avevano minacciato di togliere l’appoggio al governo.



    05/05/2014 SIRIA
    Accordo per la fine dell'assedio a Homs. La fame, un nuovo strumento di guerra
    Dopo quasi due anni di assedio, i ribelli potranno lasciare la città, portando aiuti e cure per i civili e i feriti. Lo "scambio" con gli aiuti in due villaggi sciiti pro-regime. L'Onu accusa "le parti in lotta" di non aiutare l'apertura di canali umanitari. Necessari "aiuti massicci" per i rifugiati interni e i profughi nella regione e nei Paesi di accoglienza.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®