22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/01/2004, 00.00

    indonesia

    Velo islamico: musulmani e cristiani a favore del veto francese



    Jakarta (AsiaNews) – Discussioni sempre più accese si susseguono a proposito del velo islamico e della decisione francese di proibirlo nelle scuole. Ma vi sono anche musulmani e cristiani che difendono la Francia.

    Lo scorso 16 gennaio, 200 musulmani indonesiani hanno partecipato ad una manifestazione per chiedere a Parigi di revocare la proibizione sull'uso dello jlbab (il velo islamico), sostenendo che ciò equivale a proibire delle pratiche religiose. La manifestazione è stata organizzata dalla Hizb-ut-Tahrir, movimento islamico internazionale, che negli ultimi anni ha guadagnato molta popolarità tra le file dei musulmani radicali. I manifestanti, molti dei quali erano donne vestite con l'abito islamico, hanno intonato "Allah-u-Akbar", ("Dio è il più grande")  e innalzato striscioni con scritte: "Lo jilbab è obbligatorio, non accessorio" e "Il laicismo schiaccia le donne musulmane".

    Membri del gruppo hanno inoltre ricordato che i musulmani aiutarono Re Francesco I, nelle mani degli spagnoli, durante la battaglia di Pavia del 1525. In una lettera aperta al presidente Chirac essi ora chiedono che la Francia ricambi il favore ai musulmani con la revoca della legge.

    Zainal Alumuslim, portavoce della Hizb-ut-Tahrir indonesiana ha detto ad AsiaNews che la manifestazione contro il veto francese  voleva spingere Parigi a non prendere, in nome del laicismo, misure troppo dure contro la comunità musulmana. "Se la Francia andrà avanti nel proibire il velo islamico – ha detto Almuslim -  vuol dire che Parigi vuole solo provocare ostilità dell'Islam e dei suoi fedeli".

    Secondo Ali Muhamad, laureato all'Università di Edimburgo e docente dell'Università statale di Jakarta, la manifestazione  rispecchia solo una delle posizioni sul problema. Il problema del velo mette in luce che la questione sul laicismo è ancora aperta persino nel primo paese laico, la Francia. Egli ha citato Yusuf Qardawi, influente religioso egiziano contrario alla proibizione del velo, ma anche Mohammad Sayyed Tantawy, sceicco dell'Università religiosa Al-Azhar, il quale  sostiene che la Francia ha il diritto di vietare il velo islamico nelle scuole statali e che le donne musulmane devono sottostare alle decisioni del loro governo se vogliono vivere in uno stato laico anziché islamico.

     Il divieto del velo  - precisa Ali Muhamad - deve essere considerato non giusto o sbagliato in assoluto, ma in relazione al paese in cui viene messo in vigore: l'Indonesia può considerare il divieto inappropriato; il Governo francese, può aver imparato dalla propria storia come comportarsi con la diversità.

    Preti cattolici e padri protestanti in Indonesia hanno detto che il problema non va dibattuto in pubblico perché la popolazione indonesiana è troppo sensibile.

    Ad ogni modo, lo stesso problema ha afflitto per almeno 10 anni le scuole cattoliche e cristiane. Queste scuole hanno dato norme precise di condotta vietando l'uso dello jilbab. In altre, si obbliga gli studenti e le studentesse a indossare l'uniforme della scuola finn dal primo giorno. (MH).

     

      

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/06/2013 INDONESIA
    Jakarta, la polizia respinge la richiesta di velo obbligatorio per gli agenti donna
    La fazione islamista ha invocato l’obbligo dello jilbab. Associazioni pro diritti umani e una parte del Parlamento hanno sostenuto la richiesta. Il portavoce della polizia ricorda il codice interno, che prevede una divisa uguale per tutti e nega l’uso del copricapo. Unica eccezione la provincia islamica di Aceh.

    19/08/2016 16:12:00 FRANCIA – ISLAM
    Il burkini, un cappio per strozzare l’oriente e l’occidente

    La decisione di sette sindaci di Francia di proibire il costume integrale, che lascia scoperto solo il viso, viene rivendicata come una difesa della sicurezza, della laicità dello Stato, della dignità della donna. In realtà, i problemi della sicurezza, in Francia e altrove sono nelle moschee, negli imam radicali, nei siti internet islamisti. E’ anche vero che è tempo che i musulmani in Europa rileggano la loro fede adattandola ai tempi e alle culture, senza farsi bloccare dalla schizofrenia della conservazione di una cultura di 1000 anni fa. L’opinione di un giovane musulmano.



    14/07/2010 ISLAM-FRANCIA
    Per i musulmani vietare il velo viola diritti umani e libertà religiosa
    Il mondo islamico reagisce alla prima approvazione della legge francese che proibisce di coprire il viso in pubblico. La Islamic Human Rights Commission parla di islamofobia e razzismo di Stato. La maggior parte dei media guarda con speranza a una possibile dichiarazione di incostituzionalitò. E c’è chi evoca la Shoah.

    21/10/2008 KUWAIT
    Non indossano il velo, due donne ministro kuwaitiane rischiano di essere “dimesse”
    Un comitato parlamentare ha deciso che il loro abbigliamento senza hijab viola la Costituzione e la legge elettorale. Il caso ora viene sottoposto al voto dei deputati.

    30/04/2010 KIRGHIZISTAN
    A Bishkek tornano l’integrismo e il velo islamico
    Nel Paese (80% di musulmani) si riaffermano precetti islamici rigidi, come l’obbligo per le donne di portare l’hjiab. Molti datori di lavoro lo proibiscono e si diffonde la polemica. Esperti si chiedono come questo modificherà la società kirghiza.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®