27 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/04/2016, 12.29

    CINA

    Xi Jinping mette in guardia dalle “infiltrazioni straniere” nelle religioni

    John Ai

    A una conferenza di alto livello lo scorso fine settimana, il presidente cinese mette in chiaro che le religioni hanno a che fare con “la sicurezza dello Stato” e con la “unificazione della nazione”. Si ribatte la “sinicizzazione”: la politica religiosa del Partito rimane la stessa.

    Pechino  (AsiaNews) – L’agenzia Xinhua ha diramato la notizia che lo scorso 22 e 23 aprile si è tenuto nella capitale un incontro ad alto livello sugli affari religiosi, a cui ha partecipato anche il presidente Xi Jinping. Xi ha detto che gli affari religiosi sono un tema importantissimo per il Partito e per il governo della nazione, “legato alla sicurezza dello Stato e all’unificazione della nazione”.

    Di solito questi due temi (sicurezza e unificazione) vengono citati per i musulmani dello Xinjiang e per i tibetani del Tibet. Entrambi i gruppi sono spesso accusati di terrorismo e di lavorare per l’autonomia del territorio, staccandolo dalla madrepatria. Ma ormai, nella retorica del Partito non si fa più alcuna differenza con le altre religioni, anche se non hanno caratteristiche violente o velleità indipendentiste.

    Xi ha ancora detto che i gruppi religiosi “devono mescolare le dottrine religiose con la cultura cinese, ubbidire ai regolamenti e alle leggi cinesi, votarsi in modo completo alla riforma della Cina e all’apertura, alla modernizzazione socialista, per contribuire alla realizzazione del sogno cinese e al ringiovanimento nazionale”.

    Il Quotidiano del popolo di ieri, ha ribadito in un editoriale che i quadri e i membri del Partito devono sostenere la “sinicizzazione delle religioni” e migliorare il “grado di legalità degli affari religiosi”.

    Secondo il Quotidiano del popolo, Xi ha chiesto al Partito di “aderire e sviluppare le teorie religiose con caratteristiche cinesi”, aderendo al principio di “indipendenza” e adattando la religione alla società socialista. Il presidente cinese ha pur ribadito che il Partito deve resistere alle infiltrazioni religiose dall’estero, vigilare su pensieri religiosi estremisti, fare attenzione ai contenuti religiosi on-line, propagare le teorie religiose del Partito e le indicazioni “diffondendo voci positive”.

    Yu Zhengsheng, membro del Politburo, in carica anche per Xinjiang e Tibet, era presente alla conferenza. Egli ha detto che il Partito deve “domare ai massimi livelli l’impatto negativo delle religioni”.

    Da tutti questi temi e affermazioni, è evidente che la politica religiosa del Partito comunista cinese rimarrà la stessa di sempre.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/04/2005 Vaticano - Cina
    La Cina che chiude le porte ed ha paura del papa


    28/04/2016 11:45:00 CINA
    Xi Jinping e le religioni: il Partito le deve guidare con “efficacia” e “con la forza”

    Il prof. John Mok Chit Wai, dell’Università cinese di Hong Kong, mette in luce le intenzioni del presidente Xi verso le religioni. Nessuno spazio alle fedi, senza sottomissione al Partito. Per alcuni è l’inizio di una “Seconda Rivoluzione culturale” per decimare le religioni”.



    27/09/2016 12:57:00 CINA - VATICANO
    Sacerdoti e fedeli in Cina criticano i nuovi Regolamenti sulle attività religiose

    Il 7 ottobre i Regolamenti verranno messi in atto. Le critiche mostrano la contraddizione fra l’enfasi della Costituzione, che afferma esserci in Cina la libertà religiosa e i Regolamenti che sono una serie di limiti posti alla sua espressione. L’opera del Consiglio di Stato sulle religioni è “illegale”. Si domanda una legge che riconosca il diritto anche alle chiese domestiche (sotterranee) e a tutte le religioni, non solo alle 5 riconosciute dal governo di Pechino.



    23/09/2016 09:42:00 CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.



    02/02/2017 12:07:00 CINA
    Richard Madsen: Cristiani cinesi perseguitati anche dal nazionalismo del Partito (Seconda parte)

    Caduta l’enfasi del marxismo leninismo, il Partito cerca di farsi accettare come il difensore della gloriosa cultura Han. Cristianesimo e islam bollati come “religioni straniere”. I legami con la Chiesa universale guardati con sospetto, come “un’alleanza per far cadere il governo cinese”. Le persecuzioni nel Zhejiang.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®