30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/07/2012, 00.00

    CINA

    Xinjiang, morti in circostanze sospette due dei “dirottatori” di Hotan



    Un gruppo composto da 6 uighuri è stato arrestato lo scorso 29 giugno con l’accusa di aver cercato di dirottare un aeroplano: di questi, 2 sono morti sotto la custodia della polizia. Gruppi uighuri all’estero parlano di torture a seguito di uno scontro etnico: “Se la Cina fosse uno Stato di diritto, sarebbero dovuti andare in tribunale a spiegarsi”.

    Urumqi (AsiaNews) - Due dei sei uighuri arrestati lo scorso 29 giugno a Hotan con l'accusa di aver dirottato un aeroplano sono morti in ospedale sotto la custodia della polizia. Secondo le autorità i due sono deceduti in seguito alle ferite riportate durante lo scontro con i passeggeri del volo, mentre alcuni gruppi di uighuri in esilio contestano questa versione dei fatti e parlano di tortura.

    Secondo i funzionari comunisti, lo scorso 29 giugno i sei hanno cercato di dirottare un volo decollato dall'aeroporto di Hotan e diretto a Urumqi, nella regione autonoma dello Xinjiang, ma sono stati bloccati dall'equipaggio e dai passeggeri a bordo del velivolo. Subito dopo lo scontro, il volo è rientrato senza complicazioni all'aeroporto di Hotan con i sei uomini arrestati al momento dello sbarco e consegnati alle autorità.

    Diversa la versione del Congresso mondiale degli uighuri - organizzazione con sede in Germania che monitora la situazione dei diritti umani e religiosi nello Xinjiang - che parla di scontro etnico: "L'aereo è tornato indietro dopo che era nata a bordo una rissa per alcuni posti fra gli uighuri e i cinesi di etnia han". Secondo il Segretario generale del gruppo Dolkun Isa "se la Cina fosse uno Stato governato dal diritto, i sei sarebbero dovuti andare in un tribunale e spiegare la propria versione dei fatti".

    La provincia settentrionale dello Xinjiang è da tempo una delle spine nel fianco del governo centrale comunista. Essa è popolata in prevalenza da uighuri, etnia musulmana che ha cercato sin dall'annessione operata da Mao Zedong di riottenere l'indipendenza con il nome di Turkestan orientale. Per frenare questa spinta Pechino ha imposto un regime di controllo totale: nella provincia è proibito imparare la lingua locale e persino frequentare le moschee fino alla maggiore età.

    Il gruppo degli arrestati era composto da Musa Yusup, Ababekri Ibrahim, Ershidinqari Imin, Memeteli Yusup, Yasin Memet e Omer Imin, tutti provenienti da Kashgar (nel sud della provincia) e tutti di età compresa fra i 26 e i 30 anni. Non si conoscono i nomi delle due vittime, che secondo diverse fonti sarebbero morte per le torture seguite all'arresto e tese a ottenere una confessione di terrorismo.

    Contro la tortura si è espresso lo scorso 1 luglio persino il capo della Commissione legge e politica del Politburo comunista, Zhou Yongkang, che ha condannato in un discorso pubblico l'uso della violenza contro i detenuti e le morti sospette in carcere: "Chi agisce per conto della legge deve mantenere sempre e in ogni circostanza le posizioni del governo centrale, che ha il proprio fulcro nel presidente Hu Jintao".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/07/2013 CINA
    Xinjiang: dopo gli scontri etnici, l’esercito torna per le strade
    Le violenze della settimana scorsa hanno causato decine di vittime e arresti: ora il governo centrale dichiara di “essere pronto a tutto” per fermare “i gruppi terroristici dell’area”. Pechino teme l’avvicinarsi del 5 luglio, quarto anniversario degli scontri del 2009 che costarono la vita a più di 200 persone.

    26/06/2013 CINA
    Xinjiang, la polizia spara contro la folla: 27 vittime
    Nella remota provincia occidentale, teatro da anni di scontri etnici fra han e uighuri, la tensione non accenna a diminuire. Un gruppo di persone nella notte assalta una stazione di polizia e gli agenti, per respingerli, sparano ad altezza d’uomo.

    13/08/2013 CINA
    Xinjiang, uighuri condannati a morte per “terrorismo”
    Una Corte provinciale ha emesso la sentenza contro Musa Hesen e Rehman Hupur, coinvolti negli scontri di aprile a Kashgar, dove morirono 21 persone. Per i giudici sono colpevoli anche di aver fondato un un gruppo “che ha portato avanti per anni attività religiose illegale con lo scopo di promuovere l’estremismo”. La popolazione li difende.

    22/06/2015 CINA
    Bao Tong: Il processo a Zhou Yongkang, passo indietro per lo stato di diritto in Cina
    Il grande analista politico, ai domiciliari per aver cercato di evitare la strage di Tiananmen, commenta il procedimento contro l’ex zar della sicurezza: “La Corte Suprema aveva promesso un procedimento pubblico, che è divenuto un incontro privato. La campagna contro la corruzione non può funzionare senza un sistema di controllo affidato alla popolazione. Ridicolo lanciare grandi operazioni e poi decidere quali tigri cacciare”. Per gentile concessione di Radio Free Asia, traduzione a cura di AsiaNews.

    09/12/2014 CINA
    Cina, raffica di condanne a morte e prigionia per "separatismo" in Xinjiang
    Pena capitale per otto persone, giudicate coinvolte in due attacchi - con coltelli ed esplosivi - avvenuti all'inizio del 2014 nella regione occidentale. Altri sette, studenti del famoso docente uighuro Ilham Tohti, ricevono pene dai tre agli otto anni.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®