01 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/11/2014, 00.00

    MYANMAR

    Yangon, studenti in piazza per riforme e libertà nelle scuole. Autorità "in allerta"



    Dopo quattro giorni di proteste, i giovani minacciano di allargare le manifestazioni su scala nazionale. Essi chiedono di rimuovere i vincoli alla libertà accademica e la possibilità di associazionismo sindacale. Concessi due mesi al governo per soddisfare le loro richieste. Le proteste studentesche, "tema sensibile" in Myanmar.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Gli studenti birmani minacciano una protesta su scala nazionale, se il governo non promuoverà riforme nel settore dell'istruzione. In particolare, essi chiedono di emendare la legge quadro sull'educazione, che proibisce ai giovani delle superiori e università di promuovere attività politiche e limita di fatto la libertà accademica. Dopo quattro giorni consecutivi di marce e manifestazioni per le vie di Yangon, capitale commerciale del Myanmar, sfidando peraltro i divieti delle autorità, i leader studenteschi hanno concesso due mesi al governo per rispondere alle loro richieste. Durante le dimostrazioni di piazza, ragazzi e ragazze hanno mostrato a più riprese stendardi con l'immagine di un pavone pronto al combattimento, simbolo della "resistenza" fra gli attivisti del Paese asiatico. 

    Dal 2011 - fine della dittatura militare, formazione di un governo semi-civile, nomina di un presidente (Thein Sein, ex generale della giunta) - il Myanmar è impegnato in una serie di riforme politiche e istituzionali in chiave democratica. Tuttavia, questo processo di cambiamento - che ha portato anche alla parziale cancellazione delle sanzioni occidentali - ha subito un brusco rallentamento e ancora oggi la leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi non può concorrere alla carica di presidente. 

    Esperti di politica birmana confermano che il sistema educativo e scolastico è ancora legato al vecchio dominio della dittatura militare; le materie e i curriculum scolastici sono sotto lo stretto controllo delle autorità ed è vietata ogni forma di attività politica. Fra i punti al centro della controversia, la possibilità - finora negata - di utilizzare le lingue locali e i dialetti negli Stati in cui vivono le minoranze etniche, unita alla possibilità di formare sindacati studenteschi. 

    Nei giorni scorsi la protesta dei giovani ha toccato anche la porta orientale della famosa pagoda di Shwedagon, un luogo simbolo per il Myanmar, dove la Nobel per la pace Suu Kyi ha tenuto il primo discorso pubblico nel 1988; dal luogo di culto hanno inoltre preso il via le proteste dei monaci del settembre 2007, represse nel sangue e nel terrore dalla giunta militare. 

    In risposta, il ministero birmano dell'Istruzione in queste ore ha diffuso un comunicato in cui afferma che la legge "garantisce libertà accademiche" e che le rivendicazioni degli studenti, fra cui la formazione di sindacati, possono essere oggetto di revisioni normative. Un tentativo di apertura, che non basta a nascondere il nervosismo che si cela fra i vertici governativi e le alte sfere militari. 

    Un tempo il sistema educativo del Myanmar era considerato fra i migliori di tutta l'Asia; tuttavia, decenni di dittatura militare e lo stretto controllo su licei e università hanno determinato una involuzione che pesa ancora oggi sulla qualità e la libertà dell'insegnamento. E la minaccia, lanciata dagli studenti, di estendere a tutta la nazione le proteste non può che allarmare le autorità birmane: sono stati proprio gli studenti, nel 1988, a promuovere le proteste pro democrazia, represse anch'esse nel sangue dall'esercito. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/03/2015 MYANMAR
    Myanmar, a processo decine di studenti: hanno manifestato per la riforma dell’educazione
    Almeno 80 persone sono finite alla sbarra, molte delle quali senza conoscere il capo di imputazione esatto. Su di loro le accuse generiche di fomentare “discordia e instabilità”; rischiano fino a sei anni di galera. Essi sono stati colpiti con brutalità dalla polizia e ora rischiano il carcere. Il presidente “riformista” Thein Sein ha difeso l’operato della polizia.

    26/02/2015 MYANMAR
    Riforma dell’istruzione: nazionalisti buddisti e governo mettono a rischio l’accordo
    L’esecutivo ha fatto circolare una bozza diversa rispetto a quella concordata con gli studenti. E non si escludono azioni legali contro i giovani in piazza, che lanciano un ultimatum. Timori per una nuova repressione della protesta. Movimento nazionalista buddista contro l’uso del dialetto nelle scuole delle minoranze etniche.

    13/03/2015 MYANMAR
    Riforma dell'educazione in Myanmar: liberi 17 studenti, i leader della protesta "saranno puniti"
    Rilasciati ieri 10 monaci e 17 studenti arrestati il 10 marzo, durante la violenta repressione della manifestazione pacifica. Il governo annuncia “provvedimenti” contro gli organizzatori. I religiosi sono rientrati nei monasteri, dopo aver giurato che non si occuperanno di questioni politiche. Condanna di attivisti e organizzazioni pro-diritti umani.

    10/03/2015 MYANMAR
    La polizia birmana carica gli studenti in marcia verso Yangon, arresti e feriti fra i giovani
    Centinaia di agenti hanno caricato i manifestanti, fermato anche il leader studentesco Min Thwe Thit. In un primo momento le autorità avevano concesso il nulla osta alla marcia, poi l’intervento della polizia. Fonti di AsiaNews: decine di arresti, almeno 30 feriti. Al termine del raid i poliziotti cantavano “Vittoria, Vittoria”.

    05/03/2015 MYANMAR
    Yangon, la polizia reprime a colpi di bastone la protesta studentesca: percosse e arresti
    Forze di sicurezza e agenti in borghese hanno preso di mira attivisti e giovani in piazza per la riforma dell’Istruzione. Secondo alcuni testimoni vi sarebbero dei feriti (lievi) fra i dimostranti. Fonti di AsiaNews parlano di arresti eccellenti fra i leader della dissidenza. Al momento dell’assalto vi erano almeno 200 persone in piazza.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®