03/11/2020, 11.06
SRI LANKA
Invia ad un amico

​Card. Ranjith: nella pandemia i cattolici chiedano l'intercessione di Maria

di Melani Manel Perera

Il capo del Centro operativo nazionale per la prevenzione del COVID-19 (NOCPC) tenente generale Shavendra Silva, ha annunciato la decisione di estendere il coprifuoco: tenere le persone in casa per 10 giorni aiuterà a contenere la diffusione del virus".

Colombo (Asia News) – Il cardinale Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, ha esortato i cattolici dello Sri Lanka a chiedere l'intercessione di Nostra Signora perché l'intero Paese è in pericolo con la pandemia di COVID-19 in rapida diffusione. "Ci si rivolga alla Madonna in preghiera, chiedendo le sue benedizioni per proteggere il Paese e la sua gente da questa pandemia".

Oggi c’è stata la 22ma vittima del COVID-19. La provincia occidentale è completamente chiusa. E il "Rathana Suthraya" viene cantato da gruppi di monaci buddisti nei templi.

L'arcivescovo Ranjith ha detto che oggi lo Sri Lanka ha da affrontare una sfida. Ha detto che il virus si sta diffondendo rapidamente perché non siamo pronti a mantenere la disciplina, non pronti a seguire le regole, non pronti a proteggere e seguire le linee guida sulla salute. Facciamo quello che vogliamo senza preoccuparci di tutto questo.

Nell’omelia della messa trasmessa ieri a mezzogiorno su Verbum TV ha detto: "Un immenso impegno da parte del settore sanitario, delle forze di sicurezza e del governo l'ultima volta ha protetto il Paese. Ma la nostra gente non ha dato ascolto a quell'avvertimento. Questo è il motivo per cui oggi stiamo affrontando così tanta distruzione. In questa situazione l'intero Sri Lanka può essere distrutto". Ha anche detto che "le nostre vite non appartengono solo a noi. Apparteniamo alla nostra società e abbiamo delle responsabilità che Dio ci ha dato. Pertanto, dovremmo condurre le nostre vite in modo corretto, rispettosi della legge".

Anche attraverso una dichiarazione video separata, l'Arcivescovo di Colombo ha chiesto a tutte le persone, in particolare ai cattolici, di seguire tutte le linee guida sanitarie rigorosamente con l'obiettivo di limitare la diffusione dell’epidemia. "Abbiamo già perso molte vite e molte persone ne sono colpite. I loro modelli di vita sono andati in frantumi, c'è crisi economica in tutto il mondo, molte persone hanno perso il lavoro e ciò ha causato molta sofferenza a persone di tutto il mondo”.

"È nostra responsabilità – ha aggiunto - cooperare il più possibile con le autorità per ridurre la diffusione di questo disastro. Non possiamo permetterci di lasciare che questa situazione si trascini o si aggravi".

L'arcivescovo Ranjith invita anche tutti i cattolici a tornare alla preghiera poiché questo è lo strumento più potente in tempi difficili come questo.

"Faccio appello a tutti i cattolici affinché si rivolgano alla Santissima Madre chiedendole di intercedere per noi davanti a Dio. È stato dimostrato nel tempo come era intervenuta per noi e ci ha aiutato. Per questo ad aprile le abbiamo rivolto una preghiera speciale nella basilica di Nostra Signora di Lanka consacrandole questo Paese e chiedendole la sua intercessione. Chiedo a tutti i nostri fratelli e sorelle cattolici di pregarla e unirsi a noi nel nostro sforzo di alzare la nostra voce per supplicare Dio".

Durante questo fine settimana c’è stato uno speciale servizio di preghiera dal vivo di 24 ore, incluso il rosario, la messa, le preghiere speciali che chiedono protezione dalla pandemia, trasmesso dalla radio 'Seth FM' e anche attraverso Facebook e Radio Veritas.

L'Arcivescovo ha anche chiesto ai cattolici di unirsi a speciali programmi spirituali quotidiani per chiedere l'intervento divino sul canale cattolico Verbum TV e sui social media e per recitare la preghiera speciale della Beata Madre alle 6.30 e alle 18.30.

Con lo stesso scopo di "invocare benedizioni sul Paese", alcuni gruppi di monaci buddisti intonano "Rathana Suthraya" per una settimana a partire da sabato scorso.

Secondo il capo del Centro operativo nazionale per la prevenzione del COVID-19 (NOCPC) tenente generale Shavendra Silva, il maggior numero ci colpiti dal coronavirus è stato segnalato ieri nella provincia occidentale, principalmente nei distretti di Gampaha, Colombo e Kalutara. Ha anche detto, "quindi, l'NOCPC ha deciso che estendere il coprifuoco: tenere le persone in casa per 10 giorni aiuterà a contenere la diffusione del virus".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Gracias e maulana Madani: Non dobbiamo proteggere i terroristi
04/05/2019 12:12
Leader musulmani: Chiediamo perdono per le stragi di Pasqua
15/05/2019 10:35
Sri Lanka del nord, un musulmano ucciso nelle violenze settarie: coprifuoco a oltranza
14/05/2019 08:55
Strage di Pasqua, bilancio rivisto al ribasso: 100 morti in meno
26/04/2019 08:50
Sheikh Abdul Rahman: Due bambini musulmani uccisi insieme ai loro amici cristiani a Negombo
25/04/2019 11:19