30/06/2014, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Nepal, il nuovo Vicario apostolico: "Cercherò di essere un vero pastore"

di Christopher Sharma
La cerimonia di insediamento di mons. Simick si è svolta ieri in presenza di circa un centinaio di sacerdoti, 3mila laici e dei rappresentati di altre religioni. Alla fine della celebrazione il presule ha detto: "Sono molto felice. Prometto di prendermi cura della Chiesa del Nepal come un vero pastore, cercando di seguire l'esempio di San Paolo".

Kathmandu (AsiaNews) - "Sono molto felice. Prometto di prendermi cura della Chiesa del Nepal come un vero pastore, cercando di seguire l'esempio di San Paolo". Lo ha affermato mons. Paul Simick, nella giornata di ieri, dopo essere stato consacrato nuovo Vicario apostolico del Nepal in presenza di circa un centinaio di sacerdoti cattolici che operano sia all'interno, sia all'esterno del Paese.

Alla cerimonia hanno partecipato i leader religiosi indù, musulmani, buddisti e cristiani protestanti  e almeno 3mila laici, tra cui diplomatici e rappresentanti di varie organizzazioni religiose.

Il consacrante principale, il Nunzio apostolico del Nepal e dell'India, mons. Salvatore Pennacchio ha detto: "Chiedo a lui di lavorare con persone povere e arretrate del paese e di proclamare la parola di Dio. Di portare la Sua parola ove necessario". Inoltre, il Nunzio ha ringraziato il predecessore di mons. Simick, mons. Anthony Sharma per il suo contributo dato alla Chiesa cattolica e al Paese.

Alla fine della celebrazione, mons. Paul Simick ha affermato: "Sono molto felice e ringrazio Dio che ha mi ha scelto per donarmi una così grande responsabilità. Prometto di prendermi cura della Chiesa del Nepal come un vero pastore e cercherò con il mio lavoro di seguire l'esempio di San Paolo. Sono qui per servire le Parole di Dio e seguire la Sua volontà. Per favore pregate per me. Seguirò la guida di papa Francesco e porterò la parola di Dio in tutto il paese".

Egli, poi si è rivolto anche ai dirigenti e ai rappresentanti degli altri gruppi religiosi dicendo: "Credo che gli altri gruppi religiosi possano creare una reciproca collaborazione per costruire  la pace e la solidarietà. Sarò felice di lavorare con loro per una buona causa". Egli ha anche ringraziato tutti i partecipanti, i diplomatici, i rappresentanti politici e coloro che hanno contribuito all'organizzazione della cerimonia. Per la prima volta nella storia del Paese, la funzione è stata trasmessa dal vivo dalla Nepal Television, l'unica rete statale del Nepal. 

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vicario apostolico del Nepal: Il 2017 sarà dedicato a rafforzare la famiglia
03/01/2017 15:07
Vicario apostolico del Nepal: Il Natale porti in tutto il mondo rispetto per le minoranze
28/12/2015
Nepal, donna indù: ho festeggiato la Domenica delle palme, presto diventerò cattolica
21/03/2016 11:24
Kathmandu, la gioia dei cattolici per il loro nuovo vescovo
29/04/2014
Cattolici del Nepal: Il nuovo vescovo rilancerà l'evangelizzazione del Paese
04/06/2014


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”