26 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/07/2008
CINA
I grandi del mondo alle Olimpiadi-mercato
di Bernardo Cervellera
Nessun leader parla di boicottaggio. Colpisce in particolare la virata di Nicolas Sarkozy. Il problema non è boicottare le cerimonie dei Giochi, ma implicare la Cina in un dialogo reale sui diritti umani e religiosi prima, durante e dopo le Olimpiadi. Ma l’occidente per ora preferisce solo sfruttare la Cina e la sua economia.

Roma (AsiaNews) - Sarà forse l’aria di crisi economica generale; o le promesse di nuovi contratti con il gigante cinese… Sta di fatto che, incontrandosi in Giappone con il presidente cinese Hu Jintao, i leader delle otto nazioni più potenti, a poco a poco hanno sciolto le riserve e hanno promesso (giurato, perfino) che sì, saranno presenti alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi in programma a Pechino l’8 agosto prossimo, alle 8 e 8 di sera. Fra i renitenti rimane ancora il cancelliere tedesco Angela Merkel, ma tant’è: l’Unione Europea in blocco, in questo semestre rappresentata dalla Francia e da Nicolas Sarkozy, siederà nello stadio “Nido d’Uccello”. Fra i 91 mila ospiti mondiali, il presidente francese si godrà le spettacolari Olimpiadi che si preannunciano come un grande osanna alla grandezza della Cina, divenuta imperatrice dell’economia mondiale.

Spettacolare è anche il cambiamento a 180° di Sarkozy, che solo alcuni mesi fa, dopo la repressione in Tibet, aveva messo tante condizioni alla sua partecipazione: rispetto dei diritti umani, dialogo con il Dalai Lama, ecc…La sua posizione è stata così dura che i cinesi hanno deciso di boicottare i prodotti “made in France”, a cominciare da quelli in vendita nei supermercati Carrefour.

Dire che la Cina sia cambiata in questi mesi è forse troppo: controlli e censure pesano sui media cinesi e stranieri; attivisti e personalità religiose sono in prigione; i dialoghi col Dalai Lama sono solo l’occasione per continuare le offese al leader tibetano…. Non è cambiato nulla: solo è divenuto più evidente che le Olimpiadi sono un mercato. E questo non solo riferito alle sponsorizzazioni e ai sospetti sulla gestione del Comitato olimpico internazionale. La stessa presenza dei leader mondiali è divenuta una moneta di scambio. Presenze in cambio di favori. La dichiarazione dell’ufficio di Sarkozy recita che il presidente francese sarà a Pechino per “approfondire la sua amicizia strategica con la Cina” in cui sono forse compresi contratti per l’Airbus, costruzione di centrali nucleari e di ferrovie ad alta velocità.

L’idea di boicottare la cerimonia di apertura dei Giochi non è mai stata una cosa seria. Anzitutto perché è contraddittoria: bisognava semmai non dare a Pechino le Olimpiadi già nel 2001. Poi, perché è ormai troppo tardi e i “giochi” (economici) sono fatti: nessuno sponsor (e nazione) rinuncerà in questo ultimo mese, dopo aver sovvenzionato queste Olimpiadi per 7 anni. Se si vuole impegnare Pechino su diritti umani, libertà religiosa, dignità del lavoro, ecologia, c’è tempo prima, durante e dopo i Giochi. A Sarkozy, Bush, Berlusconi, Fukuda, ecc… si può chiedere che i diritti umani entrino di continuo nell’agenda commerciale. Più del boicottaggio, è importante che i nostri governi costringano la Cina e le sue università ad aprire un confronto sui diritti umani; che tutti coloro che commerciano con Pechino stilino contratti a cui collegare condizioni etiche: migliore trattamento degli operai, libertà di associazione, libertà di religione per le comunità locali, liberazione di qualche dissidente. Insomma avere davvero rapporto con il gigante cinese, non trattarlo lo come un partner commerciale. Per questo noi non boicottiamo le Olimpiadi di Pechino: esse sono anzi un’ occasione di rapporto con la popolazione cinese, con la sua società civile (così diversa dai suoi governanti) in cui tessere legami e conoscenze, più forti e più solide delle sponsorizzazioni e degli sfruttamenti di manodopera a basso costo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/08/2008 CINA
La torcia olimpica a Pechino, fra misure di sicurezza ed espropri
di Wang Zhicheng
22/09/2009 CINA - TIBET
Niente visti ai turisti in Tibet durante le feste dei 60 anni
08/02/2006 Cina
Cina, monaci tibetani condannati per aver chiesto l'indipendenza
13/02/2008 CINA
Pechino 2008, Steven Spielberg boicotta
31/08/2006 TIBET – CINA
Il Tibet, "una macchia" per le Olimpiadi 2008 a Pechino
Articoli del dossier
VATICANO
Il beato Giovanni Paolo II e la nostra missione
VATICANO
Papa: Giovanni Paolo II è beato per la sua fede, forte e generosa, apostolica
VATICANO – ISLAM
Giovanni Paolo II e i musulmani
PAKISTAN
L’educazione, più dell’economia, fermerà la “talebanizzazione” del Pakistan
PAKISTAN
Arcivescovo di Lahore: ripensare i programmi scolastici, all’insegna della parità di diritti
PAKISTAN
Giornalista musulmano: contro l’estremismo, scuola pubblica sul modello di istituti cristiani
PAKISTAN
Paul Bhatti: una “mafia” impedisce stabilità e migliore educazione
PAKISTAN
Educazione in Pakistan: le cifre dell’emergenza (scheda)
VATICANO - M. ORIENTE
Papa: Il Sinodo per sostenere le Chiese del Medio Oriente e la missione universale
ASIA
L’esempio di Madre Teresa: scienza e sapienza per il nostro tempo
VATICANO-CIPRO-MEDIO ORIENTE
Papa: il Sinodo rinforzi la solidarietà tra e verso i cristiani del Medio Oriente
VATICANO - M.ORIENTE
P. Samir: Cristiani uniti, il piccolo gregge e la speranza del Medio Oriente
FILIPPINE
Manila: pellegrinaggio “virtuale” alle 7 chiese, per meditare sulle sofferenze di Cristo
PAKISTAN
Pasqua in Pakistan: la “fede incrollabile” più forte della paura
CINA
Cattolici dello Yunnan e del Guizhou: Pasqua nella siccità e con pericoli di incendi
VATICANO
Papa: vivere intensamente la Settimana santa, per orientare la vita a Gesù
INDIA
Card. Gracias: I battesimi di Pasqua e il diritto alla conversione in India
VIETNAM
Per padre Ngo Phuc Hau “fare missione è portare a tutti l’amore di Dio”
VATICANO
Papa: la Quaresima, un appello a “invertire la marcia” della nostra vita
PAKISTAN – ONU
Al Forum Onu sulle minoranze anche la campagna contro la legge sulla blasfemia in Pakistan
PAKISTAN - UE
La blasfemia in Pakistan e l’attacco al crocefisso della Corte europea
PAKISTAN
Islamabad chiede “suggerimenti” ai cristiani per abrogare la legge sulla blasfemia
PAKISTAN
Salvate i cristiani e il Pakistan dalla legge sulla blasfemia
CINA
La Cina celebra il suo roseo futuro senza fare i conti con presente e passato
VATICANO
Papa: Enciclica, anche la globalizzazione ha bisogno dell’anima
ISLAM - EGITTO - USA
P. Samir: Obama sull’Islam piace, ma c’è qualche bugia e silenzio
CINA - HONG KONG
Card. Zen: A 20 anni da Tiananmen, Deng è morto: è tempo che cambi la dittatura cinese
HONG KONG - CINA
Migliaia in marcia ad Hong Kong per ricordare Tiananmen
CINA - HONG KONG
Sindacalista di Hong Kong: La Cina rischia di ripetere un altro Tiananmen
VATICANO - PALESTINA
Leader palestinese: il coraggio del Papa contro le strumentalizzazioni
VATICANO – PALESTINA
Papa: i muri si costruiscono facilmente, ma prima o poi cadono
VATICANO-PALESTINA
Papa: i palestinesi hanno diritto a una patria, ma rifiutino il terrorismo
VATICANO-ISRAELE
Papa: amicizia con gli ebrei, dialogo con l’islam e tutti insieme operare per la pace
VATICANO-ISRAELE
Papa: la Shoah non sia mai negata, sminuita o dimenticata
INDIA – TERRA SANTA
Musulmano dell’India: il papa in Terra Santa fonte di pace e dialogo
VATICANO-ISRAELE
Papa: arrivando in Israele parla di Shoah, pace e patrie per i due popoli
VATICANO – GIORDANIA
Papa: La mia visita alla Moschea, un giorno luminoso
VATICANO-GIORDANIA
Papa: i credenti rifiutino la “corruzione” violenta della religione e “coltivino” la ragione
INDIA - VATICANO
Kashmir: giovani convertiti dall’Islam pregano per Benedetto XVI
CINA
Il testo integrale di Carta 08, per i diritti umani in Cina
INDIA - ITALIA
La vergogna dell’India e quella dell’Europa e del mondo
INDIA
P. Edward, scampato al rogo in Orissa: I radicali indù sono terroristi
CINA
Pechino dice addio ai Giochi olimpici. Un piccolo bilancio
CINA
La Cina medaglia d’oro per violazione dei diritti umani
CINA
Le false immagini delle Olimpiadi di Pechino
CINA
Le Olimpiadi di Pechino sono iniziate
IRAQ - VATICANO - GMG
La Gmg degli irakeni, lontani da Sydney e vicini al cuore del papa
VATICANO - GMG
Il papa ai giovani della Gmg: Testimoniate Cristo a un mondo stanco di false promesse
VATICANO - GMG
La nuova Pentecoste dei giovani a Sydney
CINA
Pechino è pronta per le Olimpiadi del sospetto e del silenzio
ITALIA – CINA – VATICANO
Oltre 500 cattolici cinesi a Roma per pregare insieme al Papa per la Cina
MORATORIA ABORTO - INDIA
Comunista indiano, ateo, sostiene la moratoria contro l’aborto
ISLAM - EGITTO
Il caso Hegazi: un disegno mondiale di conversione all’Islam?
ISLAM - EGITTO
Il caso Hegazi: l’ossessione dell’Islam per le conversioni
CINA
Pechino 2008: Lettera aperta di 37 intellettuali e attivisti sulle Olimpiadi e i diritti umani
CINA
Investimenti e disastri ambientali: i due volti delle Olimpiadi
FILIPPINE - ITALIA
P. Zanchi: il sequestro di padre Bossi ha fatto capire a tanti chi è davvero il missionario
VATICANO – TAIWAN – CINA
Tou, ambasciatore di Taiwan: La Cina ha bisogno della Chiesa cattolica
CINA – VATICANO
Misurate, ma scontate, le reazioni della Cina alla Lettera del Papa
CINA - VATICANO
Mons. Li Jingfeng: la Lettera del Papa, chiave di volta per lo sviluppo della Cina
IRAQ
Terroristi saccheggiano e si impadroniscono di un convento a Baghdad
BRASILE – VATICANO
Papa: giovani non sperperate la vita, ma costruite una società giusta e fraterna
IRAQ
Patriarca caldeo: cristiani perseguitati da governo iracheno e truppe straniere
VATICANO – IRAQ
Santa Sede: solidarietà internazionale verso i rifugiati iracheni
VATICANO - CINA
Papa e cardinali: un sguardo comune al dossier Cina
VATICANO - CINA
Il Papa prepara una Lettera ai cattolici della Cina
Pechino e Vaticano: i piccoli passi e la libertà religiosa
IRAQ – ITALIA – ANNO DELL'EUCARESTIA
Sacerdote iracheno: Il terrorismo vuole toglierci la vita, ma l'eucarestia ce la ridona

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate