30 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/05/2009
VATICANO-GIORDANIA
Papa: i credenti rifiutino la “corruzione” violenta della religione e “coltivino” la ragione
di Franco Pisano / inviato
Benedetto XVI ripete il concetto di Regensburg sulla ragione illuminata dalla fede. Sul Monte Nebo afferma “l’inseparabile vincolo che unisce la Chiesa al popolo ebreo”. Appello perché ai cristiani iracheni sia garantito “il fondamentale diritto di pacifica coesistenza con i propri concittadini”.

Amman (AsiaNews) – Cristiani e musulmani debbono assumersi “la sfida a coltivare per il bene, nel contesto della fede e della verità, il vasto potenziale della ragione umana”: ciò mostrerà che la religione non “è necessariamente una causa di divisione nel nostro mondo” e che anzi essa “viene sfigurata quando viene costretta a servire l’ignoranza e il pregiudizio, il disprezzo, la violenza e l’abuso”. Al secondo giorno del suo viaggio in Terra Santa , in una Giordania della quale a più riprese ha lodato tolleranza e iniziative per il dialogo e l’educazione, Benedetto XVI ha affrontato uno dei temi che gli sono più cari, quello del rapporto tra fede e ragione e del compito che, anche in tale quadro, spetta alle religioni: affermare, accanto all’amore per Dio, la dignità e il valore di ogni essere umano. Al tempo stesso è tornto a ribadire “l’inseparabile vincolo che unisce la Chiesa al popolo ebreo”.
 
Mattinata ricca di appuntamenti, quella di oggi, cominciata con la visita al Monte Nebo, quello dal quale Mosé poté vedere la Terra promessa, proseguita con la benedizione della prima pietra della futura università del Patriarcato latino a Madaba e finita con la visita alla moschea al-Hussein bin-Talal di Amman.
 
Il Monte Nebo, dove il Papa ha cominciato la giornata, è una altura di circa 800 metri. Qui, racconta il capitolo conclusivo del Deuteronomio, Mosè ebbe la visione della Terra Promessa, ma nella quale il profeta non poté entrare. Nelle giornate nitide - ma oggi il cielo era un po’ velato - si vede il Mar Morto, una parte della valle del Giordano, Gerico, Betlemme e anche Gerusalemme. “Lasciatemi guardare”, ha detto Benedetto VI ai fotografi che lo chiamavano, prima di salire sulla terrazza che domina la valle.
 
“Sin dai primi tempi – ha detto poi - i cristiani sono venuti in pellegrinaggio ai luoghi associati alla storia del Popolo eletto, agli eventi della vita di Cristo e della Chiesa nascente”. “L’antica tradizione del pellegrinaggio ai luoghi santi – ha sottolineato - ci ricorda inoltre l’inseparabile vincolo che unisce la Chiesa al popolo ebreo. Sin dagli inizi, la Chiesa in queste terre ha commemorato nella propria liturgia le grandi figure dell’Antico Testamento, quale segno del suo profondo apprezzamento per l’unità dei due Testamenti. Possa l’odierno nostro incontro ispirare in noi un rinnovato amore per il canone della Sacra Scrittura ed il desiderio di superare ogni ostacolo che si frappone alla riconciliazione fra Cristiani ed Ebrei, nel rispetto reciproco e nella cooperazione al servizio di quella pace alla quale la Parola di Dio ci chiama!”.
 
A Madaba, dove è presente una consistente minoranza cristiana, per lo più ortodossa, Benedetto XVI è passato attraverso il quartiere cristiano per andare nella spianata ove sorgerà l’università, voluta dall’attuale patriarca latino di Gerusalemme, Fouad Twal, che qui è nato, nel 1940. Nel lodare una iniziativa che serve “per lo sviluppo personale e per la pace ed il progresso nella regione”, il Papa ha sottolineato che “la religione, come la scienza e la tecnologia, come la filosofia ed ogni espressione della nostra ricerca della verità, possono corrompersi. La religione viene sfigurata quando viene costretta a servire l’ignoranza e il pregiudizio, il disprezzo, la violenza e l’abuso. Qui non vediamo soltanto la perversione della religione, ma anche la corruzione della libertà umana, il restringersi e l’obnubilarsi della mente. Evidentemente, un simile risultato non è inevitabile. Senza dubbio, quando promuoviamo l’educazione proclamiamo la nostra fiducia nel dono della libertà. Il cuore umano può essere indurito da un ambiente ristretto, da interessi e da passioni. Ma ogni persona è anche chiamata alla saggezza e all’integrità, alla scelta basilare e più importante di tutte del bene sul male, della verità sulla disonestà, e può essere sostenuta in tale compito”.
 
“La chiamata all’integrità morale viene percepita dalla persona genuinamente religiosa dato che il Dio della verità, dell’amore e della bellezza non può essere servito in alcun altro modo. La fede matura in Dio serve grandemente per guidare l’acquisizione e la giusta applicazione della conoscenza. La scienza e la tecnologia offrono benefici straordinari alla società ed hanno migliorato grandemente la qualità della vita di molti esseri umani. Senza dubbio questa è una delle speranze di quanti promuovono questa Università, il cui motto è Sapientia et Scientia. Allo stesso tempo, la scienza ha i suoi limiti. Non può dar risposta a tutte le questioni riguardanti l’uomo e la sua esistenza. In realtà, la persona umana, il suo posto e il suo scopo nell’universo non può essere contenuto all’interno dei confini della scienza”. “L’uso della conoscenza scientifica abbisogna della luce orientatrice della sapienza etica. Tale sapienza ha ispirato il giuramento di Ippocrate, la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo del 1948, la Convenzione di Ginevra ed altri lodevoli codici internazionali di comportamento. Pertanto, la sapienza religiosa ed etica, rispondendo alle questioni sul senso e sul valore, giocano un ruolo centrale nella formazione professionale. Conseguentemente, quelle università dove la ricerca della verità va di pari passo con la ricerca di quanto è buono e nobile offrono un servizio indispensabile alla società”.
 
Questo rapporto tra fede e ragione, col conseguente rispetto dell’uomo, affrontato da Benedetto XVI nella conferenza di Regensburg del 2006, fu causa di un “malinteso” con parte del mondo islamico ed ancora oggi i Fratelli musulmani, che in Giordania sono il maggiore, seppur numericamente non grande, partito di opposizione, stanno boicottando la visita, in quanto continuano a chiedere “le scuse” del Papa. Che, da parte sua, oggi è tornato ad affrontare il tema, in occasione della visita alla moschea “al-Hussein bin-Talal” di Amman. Inaugurata tre anni fa da re Abdullah II, con i suoi 5.500 posti è la più grande della Giordania. La struttura comprende sale di lettura, biblioteche, sale per riunioni ed è contigua all’Hashemite History Museum, anch’esso visitato dal Papa. In quest’ultimo c’è, tra l’altro la Lettera di Maometto (scritta su pelle di gazzella) all’imperatore Eraclio I di Bisanzio, prima del 629, nella quale gli chiede di convertirsi all’Islam, richiesta fatta più o meno nello stesso periodo ad altri sovrani dell’epoca.
 
Davanti alla moschea, accolto dal principe Ghazi Bin Muhammed Bin Talal - uno dei promotori della Lettera dei 138 “saggi” musulmani – e rivolgendosi ad una platea che comprende capi religiosi, corpo diplomatico e rettori di università. il Papa ha osservato che, oggi, “alcuni asseriscono che la religione è necessariamente una causa di divisione nel nostro mondo; e per tale ragione affermano che quanto minor attenzione vien data alla religione nella sfera pubblica, tanto meglio è. Certamente, il contrasto di tensioni e divisioni fra seguaci di differenti tradizioni religiose, purtroppo, non può essere negato. Tuttavia, non si dà anche il caso che spesso sia la manipolazione ideologica della religione, talvolta a scopi politici, il catalizzatore reale delle tensioni e delle divisioni e non di rado anche delle violenze nella società? A fronte di tale situazione, in cui gli oppositori della religione cercano non semplicemente di tacitarne la voce ma di sostituirla con la loro, il bisogno che i credenti siano fedeli ai loro principi e alle loro credenze è sentito in modo quanto mai acuto. Musulmani e Cristiani, proprio a causa del peso della nostra storia comune così spesso segnata da incomprensioni, devono oggi impegnarsi per essere individuati e riconosciuti come adoratori di Dio fedeli alla preghiera, desiderosi di comportarsi e vivere secondo le disposizioni dell’Onnipotente, misericordiosi e compassionevoli, coerenti nel dare testimonianza di tutto ciò che è giusto e buono, sempre memori della comune origine e dignità di ogni persona umana, che resta al vertice del disegno creatore di Dio per il mondo e per la storia”.
 
“Oggi – ha proseguito - desidero far menzione di un compito che ho indicato in diverse occasioni e che credo fermamente Cristiani e Musulmani possano assumersi, in particolare attraverso il loro contributo all’insegnamento e alla ricerca scientifica, come pure al servizio alla società. Tale compito costituisce la sfida a coltivare per il bene, nel contesto della fede e della verità, il vasto potenziale della ragione umana. I Cristiani in effetti descrivono Dio, fra gli altri modi, come Ragione creatrice, che ordina e guida il mondo. E Dio ci dota della capacità a partecipare a questa Ragione e così ad agire in accordo con ciò che è bene. I Musulmani adorano Dio, Creatore del Cielo e della Terra, che ha parlato all’umanità. E quali credenti nell’unico Dio, sappiamo che la ragione umana è in se stessa dono di Dio, e si eleva al piano più alto quando viene illuminata dalla luce della verità di Dio. In realtà, quando la ragione umana umilmente consente ad essere purificata dalla fede non è per nulla indebolita; anzi, è rafforzata nel resistere alla presunzione di andare oltre ai propri limiti. In tal modo, la ragione umana viene rinvigorita nell’impegno di perseguire il suo nobile scopo di servire l’umanità, dando espressione alle nostre comuni aspirazioni più intime, ampliando, piuttosto che manipolarlo o restringerlo, il pubblico dibattito. Pertanto l’adesione genuina alla religione – lungi dal restringere le nostre menti – amplia gli orizzonti della comprensione umana. Ciò protegge la società civile dagli eccessi di un ego ingovernabile, che tende ad assolutizzare il finito e ad eclissare l’infinito; fa sì che la libertà sia esercitata in sinergia con la verità, ed arricchisce la cultura con la conoscenza di ciò che riguarda tutto ciò che è vero, buono e bello.
 
“Una simile comprensione della ragione, che spinge continuamente la mente umana oltre se stessa nella ricerca dell’Assoluto – ha proseguito - pone una sfida: contiene un senso sia di speranza sia di prudenza. Insieme, Cristiani e Musulmani sono sospinti a cercare tutto ciò che è giusto e retto. Siamo impegnati ad oltrepassare i nostri interessi particolari e ad incoraggiare gli altri, particolarmente gli amministratori e i leader sociali, a fare lo stesso al fine di assaporare la soddisfazione profonda di servire il bene comune, anche a spese personali. Ci viene ricordato che proprio perché è la nostra dignità umana che dà origine ai diritti umani universali, essi valgono ugualmente per ogni uomo e donna, senza distinzione di gruppi religiosi, sociali o etnici ai quali appartengano. Sotto tale aspetto, dobbiamo notare che il diritto di libertà religiosa va oltre la questione del culto ed include il diritto – specie per le minoranze – di equo accesso al mercato dell’impiego e alle altre sfere della vita civile”.
 
Ai presenti, infine, Benedetto XVI ha sottolineato la presenza di Emmanuel III Delly, patriarca di Baghdad. “La sua presenza richiama alla mente i cittadini del vicino Iraq, molti dei quali hanno trovato cordiale accoglienza qui in Giordania. Gli sforzi della comunità internazionale nel promuovere la pace e la riconciliazione, insieme con quelli dei leader locali, devono continuare in vista di portare frutto nella vita degli iracheni. Esprimo il mio apprezzamento per tutti coloro che sostengono gli sforzi volti ad approfondire la fiducia e a ricostruire le istituzioni e le infrastrutture essenziali al benessere di quella società. Ancora una volta, chiedo con insistenza ai diplomatici ed alla comunità internazionale da essi rappresentata, come anche ai leader politici e religiosi locali, di compiere tutto ciò che è possibile per assicurare all’antica comunità cristiana di quella nobile terra il fondamentale diritto di pacifica coesistenza con i propri concittadini”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/01/2008 VATICANO - ISLAM
L’improbabile dialogo di Benedetto XVI con i 138 saggi musulmani
di Samir Khalil Samir, sj
15/09/2006 vaticano - islam
Il discorso del papa, una mano tesa all'Islam perché non affoghi
di Samir Khalil Samir, sj
12/09/2006 VATICANO - GERMANIA
Papa: Fede e ragione per sfuggire alla violenza e al suicidio dell' Illuminismo
di Benedetto XVI
20/01/2008 VATICANO
Duecentomila in solidarietà al Papa escluso dall’università La Sapienza
28/01/2007 VATICANO
Papa: Pace fra fede e ragione, in Libano e a Gaza
Articoli del dossier
VATICANO
Il beato Giovanni Paolo II e la nostra missione
VATICANO
Papa: Giovanni Paolo II è beato per la sua fede, forte e generosa, apostolica
VATICANO – ISLAM
Giovanni Paolo II e i musulmani
PAKISTAN
L’educazione, più dell’economia, fermerà la “talebanizzazione” del Pakistan
PAKISTAN
Arcivescovo di Lahore: ripensare i programmi scolastici, all’insegna della parità di diritti
PAKISTAN
Giornalista musulmano: contro l’estremismo, scuola pubblica sul modello di istituti cristiani
PAKISTAN
Paul Bhatti: una “mafia” impedisce stabilità e migliore educazione
PAKISTAN
Educazione in Pakistan: le cifre dell’emergenza (scheda)
VATICANO - M. ORIENTE
Papa: Il Sinodo per sostenere le Chiese del Medio Oriente e la missione universale
ASIA
L’esempio di Madre Teresa: scienza e sapienza per il nostro tempo
VATICANO-CIPRO-MEDIO ORIENTE
Papa: il Sinodo rinforzi la solidarietà tra e verso i cristiani del Medio Oriente
VATICANO - M.ORIENTE
P. Samir: Cristiani uniti, il piccolo gregge e la speranza del Medio Oriente
FILIPPINE
Manila: pellegrinaggio “virtuale” alle 7 chiese, per meditare sulle sofferenze di Cristo
PAKISTAN
Pasqua in Pakistan: la “fede incrollabile” più forte della paura
CINA
Cattolici dello Yunnan e del Guizhou: Pasqua nella siccità e con pericoli di incendi
VATICANO
Papa: vivere intensamente la Settimana santa, per orientare la vita a Gesù
INDIA
Card. Gracias: I battesimi di Pasqua e il diritto alla conversione in India
VIETNAM
Per padre Ngo Phuc Hau “fare missione è portare a tutti l’amore di Dio”
VATICANO
Papa: la Quaresima, un appello a “invertire la marcia” della nostra vita
PAKISTAN – ONU
Al Forum Onu sulle minoranze anche la campagna contro la legge sulla blasfemia in Pakistan
PAKISTAN - UE
La blasfemia in Pakistan e l’attacco al crocefisso della Corte europea
PAKISTAN
Islamabad chiede “suggerimenti” ai cristiani per abrogare la legge sulla blasfemia
PAKISTAN
Salvate i cristiani e il Pakistan dalla legge sulla blasfemia
CINA
La Cina celebra il suo roseo futuro senza fare i conti con presente e passato
VATICANO
Papa: Enciclica, anche la globalizzazione ha bisogno dell’anima
ISLAM - EGITTO - USA
P. Samir: Obama sull’Islam piace, ma c’è qualche bugia e silenzio
CINA - HONG KONG
Card. Zen: A 20 anni da Tiananmen, Deng è morto: è tempo che cambi la dittatura cinese
HONG KONG - CINA
Migliaia in marcia ad Hong Kong per ricordare Tiananmen
CINA - HONG KONG
Sindacalista di Hong Kong: La Cina rischia di ripetere un altro Tiananmen
VATICANO - PALESTINA
Leader palestinese: il coraggio del Papa contro le strumentalizzazioni
VATICANO – PALESTINA
Papa: i muri si costruiscono facilmente, ma prima o poi cadono
VATICANO-PALESTINA
Papa: i palestinesi hanno diritto a una patria, ma rifiutino il terrorismo
VATICANO-ISRAELE
Papa: amicizia con gli ebrei, dialogo con l’islam e tutti insieme operare per la pace
VATICANO-ISRAELE
Papa: la Shoah non sia mai negata, sminuita o dimenticata
INDIA – TERRA SANTA
Musulmano dell’India: il papa in Terra Santa fonte di pace e dialogo
VATICANO-ISRAELE
Papa: arrivando in Israele parla di Shoah, pace e patrie per i due popoli
VATICANO – GIORDANIA
Papa: La mia visita alla Moschea, un giorno luminoso
INDIA - VATICANO
Kashmir: giovani convertiti dall’Islam pregano per Benedetto XVI
CINA
Il testo integrale di Carta 08, per i diritti umani in Cina
INDIA - ITALIA
La vergogna dell’India e quella dell’Europa e del mondo
INDIA
P. Edward, scampato al rogo in Orissa: I radicali indù sono terroristi
CINA
Pechino dice addio ai Giochi olimpici. Un piccolo bilancio
CINA
La Cina medaglia d’oro per violazione dei diritti umani
CINA
Le false immagini delle Olimpiadi di Pechino
CINA
Le Olimpiadi di Pechino sono iniziate
IRAQ - VATICANO - GMG
La Gmg degli irakeni, lontani da Sydney e vicini al cuore del papa
VATICANO - GMG
Il papa ai giovani della Gmg: Testimoniate Cristo a un mondo stanco di false promesse
VATICANO - GMG
La nuova Pentecoste dei giovani a Sydney
CINA
I grandi del mondo alle Olimpiadi-mercato
CINA
Pechino è pronta per le Olimpiadi del sospetto e del silenzio
ITALIA – CINA – VATICANO
Oltre 500 cattolici cinesi a Roma per pregare insieme al Papa per la Cina
MORATORIA ABORTO - INDIA
Comunista indiano, ateo, sostiene la moratoria contro l’aborto
ISLAM - EGITTO
Il caso Hegazi: un disegno mondiale di conversione all’Islam?
ISLAM - EGITTO
Il caso Hegazi: l’ossessione dell’Islam per le conversioni
CINA
Pechino 2008: Lettera aperta di 37 intellettuali e attivisti sulle Olimpiadi e i diritti umani
CINA
Investimenti e disastri ambientali: i due volti delle Olimpiadi
FILIPPINE - ITALIA
P. Zanchi: il sequestro di padre Bossi ha fatto capire a tanti chi è davvero il missionario
VATICANO – TAIWAN – CINA
Tou, ambasciatore di Taiwan: La Cina ha bisogno della Chiesa cattolica
CINA – VATICANO
Misurate, ma scontate, le reazioni della Cina alla Lettera del Papa
CINA - VATICANO
Mons. Li Jingfeng: la Lettera del Papa, chiave di volta per lo sviluppo della Cina
IRAQ
Terroristi saccheggiano e si impadroniscono di un convento a Baghdad
BRASILE – VATICANO
Papa: giovani non sperperate la vita, ma costruite una società giusta e fraterna
IRAQ
Patriarca caldeo: cristiani perseguitati da governo iracheno e truppe straniere
VATICANO – IRAQ
Santa Sede: solidarietà internazionale verso i rifugiati iracheni
VATICANO - CINA
Papa e cardinali: un sguardo comune al dossier Cina
VATICANO - CINA
Il Papa prepara una Lettera ai cattolici della Cina
Pechino e Vaticano: i piccoli passi e la libertà religiosa
IRAQ – ITALIA – ANNO DELL'EUCARESTIA
Sacerdote iracheno: Il terrorismo vuole toglierci la vita, ma l'eucarestia ce la ridona

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate