25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/09/2009
TURCHIA
Tombe di cristiani profanate in uno storico cimitero di Istanbul
di NAT da Polis
Sono state rotte 90 lapidi. Fatti simili non sono rari e la stampa cittadina non ne ha parlato. D’altro canto solo un film ha fatto conoscere ai giovani i progrom anticristiani del passato. La visita del patriarca ecumenico Bartolomeo.

Istanbul (AsiaNews) - Profanato, a Istanbul, un cimitero cristiano. Ignoti hanno rotto le lapidi di 90 tombe, sulle quali, accanto alla croce, erano i nomi dei defunti.
 
Il fatto è avvenuto, qualche giorno fa, nello storico cimitero di Valukli a fianco dell’antico monastero ortodosso di Valukli, unico monastero sopravissuto a Istanbul dedicato alla Madonna, situato fuori e a ridosso delle antiche mura Toeodossiane, e che è curato da cinque monache non residenti.
 
Profanazioni accadono, non di rado, negli ultimi 20 anni, nei cimiteri cristiani di Istanbul. Quanto avvenuto ha fatto tornare alla mente i tragici fatti del settembre del 1955, quando con un terribile pogrom, denominato appunto il pogrom  di settembre, progettato ed eseguito dall’establisment burocratico-politico-militare, qui chiamato “Stato profondo” (Deri devlet). Furono profanati e distrutti chiese, cimiteri e proprietΰ della comunità ortodossa di Istanbul. Un fatto , quel pogrom, che ha costituì una svolta decisiva nelle coscienze dell’elemento cristiano di Istanbul. Capì che in quella terra la sua sopravivenza sarebbe diventata difficile, se non impossibile.
 
E  le nuove generazioni turche sono venute a conoscenza di quei tragici fatti, per la prima volta, solo grazie al film “Guz Sancisi” di una giovane regista turca, Tomris Giritlioglu, proiettato quest’anno, e che ha avuto molto successo.
 
C’è un altro dato di fatto molto importante: i cimiteri cristiani, tutti di naura monumentale, costituiscono un notevole elemento di testimonianza dell’ormai esigua presenza cristiana in questa terra. Oggi, a causa della spaventosa crescita urbanistica di Istanbul si trovano accerchiati da grossi insediamenti urbani e pertanto sono divenuti terreni appetibili. Per giunta, con una decisione degli anni trenta, tutti i cimiteri, che sin ad allora erano di proprietà delle fondazioni religiose, furono assegnati ai comuni.
 
Sdegnato ed amareggiato il commento del Patriarca ecumenico Bartolomeo, che si è recato (nella foto) a visitare il cimitero profanato, chiedendo perché continuano ad accadere fenomeni del genere sui nostri cimiteri.
 
Il fatto, assai grave non è stato riportato dalla stampa dalla città di Istanbul.
 
Foto: Nikos Manginas

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/11/2010 TURCHIA
Atti di vandalismo sulle tombe del cimitero cristiano dell’isola di Imvros
di NAT da Polis
21/12/2010 TURCHIA-ORTODOSSI
Bartolomeo I: continueremo a dialogare con il Papa e con l'Islam
di NAT da Polis
19/05/2008 TURCHIA -ORTODOSSI
Bartolomeo I su scienza e salvaguardia dell’ambiente
di NAT da Polis
07/01/2011 TURCHIA-ORTODOSSI
Istanbul, storica visita del vicepremier turco a Bartolomeo I
di NAT da Polis
28/08/2007 TURCHIA
Aperto il Sinodo del Patriarcato Ecumenico

In evidenza
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”
ASIA
Pasqua: il silenzio degli innocenti e il bavaglio
di Bernardo CervelleraLe violazioni alla libertà religiosa e l'atteggiamento ipocrita dell'Occidente su questo argomento rischiano di trascinare il mondo in un caos mai visto prima. Ma anche nel silenzio – della morte accettata per amore o inflitta dal potere – Dio opera. Una speranza indistruttibile sorge al mattino di Pasqua e una piccola apertura del cuore basta per invadere in un attimo tutta la vita. Buona Pasqua.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate