29 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/09/2009, 00.00

    TURCHIA

    Tombe di cristiani profanate in uno storico cimitero di Istanbul

    NAT da Polis

    Sono state rotte 90 lapidi. Fatti simili non sono rari e la stampa cittadina non ne ha parlato. D’altro canto solo un film ha fatto conoscere ai giovani i progrom anticristiani del passato. La visita del patriarca ecumenico Bartolomeo.
    Istanbul (AsiaNews) - Profanato, a Istanbul, un cimitero cristiano. Ignoti hanno rotto le lapidi di 90 tombe, sulle quali, accanto alla croce, erano i nomi dei defunti.
     
    Il fatto è avvenuto, qualche giorno fa, nello storico cimitero di Valukli a fianco dell’antico monastero ortodosso di Valukli, unico monastero sopravissuto a Istanbul dedicato alla Madonna, situato fuori e a ridosso delle antiche mura Toeodossiane, e che è curato da cinque monache non residenti.
     
    Profanazioni accadono, non di rado, negli ultimi 20 anni, nei cimiteri cristiani di Istanbul. Quanto avvenuto ha fatto tornare alla mente i tragici fatti del settembre del 1955, quando con un terribile pogrom, denominato appunto il pogrom  di settembre, progettato ed eseguito dall’establisment burocratico-politico-militare, qui chiamato “Stato profondo” (Deri devlet). Furono profanati e distrutti chiese, cimiteri e proprietΰ della comunità ortodossa di Istanbul. Un fatto , quel pogrom, che ha costituì una svolta decisiva nelle coscienze dell’elemento cristiano di Istanbul. Capì che in quella terra la sua sopravivenza sarebbe diventata difficile, se non impossibile.
     
    E  le nuove generazioni turche sono venute a conoscenza di quei tragici fatti, per la prima volta, solo grazie al film “Guz Sancisi” di una giovane regista turca, Tomris Giritlioglu, proiettato quest’anno, e che ha avuto molto successo.
     
    C’è un altro dato di fatto molto importante: i cimiteri cristiani, tutti di naura monumentale, costituiscono un notevole elemento di testimonianza dell’ormai esigua presenza cristiana in questa terra. Oggi, a causa della spaventosa crescita urbanistica di Istanbul si trovano accerchiati da grossi insediamenti urbani e pertanto sono divenuti terreni appetibili. Per giunta, con una decisione degli anni trenta, tutti i cimiteri, che sin ad allora erano di proprietà delle fondazioni religiose, furono assegnati ai comuni.
     
    Sdegnato ed amareggiato il commento del Patriarca ecumenico Bartolomeo, che si è recato (nella foto) a visitare il cimitero profanato, chiedendo perché continuano ad accadere fenomeni del genere sui nostri cimiteri.
     
    Il fatto, assai grave non è stato riportato dalla stampa dalla città di Istanbul.
     
    Foto: Nikos Manginas
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/11/2010 TURCHIA
    Atti di vandalismo sulle tombe del cimitero cristiano dell’isola di Imvros
    L’isola, terra natale dell’attuale Patriarca ecumenico, benché abitata quasi esclusivamente da popolazione ortodossa, venne attribuita nel 1923 alla Turchia, che non ha rispettato le regole imposte dal Trattato di Losanna. Bartolomeo: l’atto vandalico è dovuto ai “soliti noti-ignoti”. Si cerca di minare le aperture dell’attuale governo.

    21/12/2010 TURCHIA-ORTODOSSI
    Bartolomeo I: continueremo a dialogare con il Papa e con l'Islam
    Il Patriarca ecumenico difende la scelta del dialogo con i cattolici, gli ebrei e i musulmani nonostante le critiche avanzate da alcuni settori ortodossi tradizionalisti. Ecologia: “L'ambiente, la natura, sono creazione di Dio e non appartengono solo a noi che viviamo oggi nel 2010. Appartengono a tutte le generazioni future”.

    19/05/2008 TURCHIA -ORTODOSSI
    Bartolomeo I su scienza e salvaguardia dell’ambiente
    Il “Patriarca verde” – come è soprannominato – ha ricevuto il premio Woodrow Wilson per il suo impegno a favore dell’ecologia e la difesa dei diritti umani. Fede e scienza non devono escludersi vicenda. Preoccupazione per le tecno-scienze senza alcuna morale.

    07/01/2011 TURCHIA-ORTODOSSI
    Istanbul, storica visita del vicepremier turco a Bartolomeo I
    E’ la prima volta che un esponente del governo si reca al Fanar dal 1952, quando il Primo ministro Menderes vide il patriarca Atenagora. Si è discusso dell’istruzione per le minoranze religiose e del problema delle proprietà ecclesiastiche.

    28/08/2007 TURCHIA
    Aperto il Sinodo del Patriarcato Ecumenico
    Sono 100 i vescovi riuniti al Fanar. In agenda anche il punto della situazione sulla campagna contro Bartolomeo I ingaggiata da Buijidar Cipof , scismatico dell’esarcato bulgaro. Il Patriarca annuncia una visita al premier Erdogan per avere una “risposta sincera" sulla riapertura della Scuola Teologica di Halki.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®