28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/03/2005, 00.00

    BANGLADESH

    Pasqua in Bangladesh: attendere Cristo e il sole, in un giorno feriale



    Cattolici e protestanti si radunano insieme per attendere l'alba. Cristiani e musulmani vorrebbero la domenica come giorno festivo.

    Dhaka (AsiaNews) – Preghiere ecumenica al sorgere del sole, canti nei villaggi e pranzi comunitari. È la Pasqua per i cristiani del Bangladesh, un paese che dall'82 ha fatto del venerdì il giorno di riposo, riducendo la domenica a giorno di lavoro.

    Alcuni missionari del PIME a Dhaka, la capitale, hanno raccontato ad AsiaNews gli aspetti più caratteristici della festività religiosa in questo paese a maggioranza musulmana.

    Per la Pasqua, la tradizione bengalese offre gesti molto antichi. La mattina di domenica, all'alba, tutte le denominazioni cristiane si riuniscono in un parco di Dhaka e pregano fino a che il sole non si alza. "Il momento è simbolico, si accoglie il sole come segno della Resurrezione; alla veglia partecipano molte persone, anche musulmani".

    Sempre all'alba, le donne dei villaggi rurali escono ad annunciare con canti la Resurrezione di Cristo fermandosi anche davanti alle case dei non cristiani. "È una tradizione ereditata dalla chiesa portoghese" ci spiega uno dei missionari.

    Altra usanza molto antica sono i "kirton", canti in cui si mettono in musica alcuni momenti della Passione di Gesù.

    Quest'anno, spiegano i missionari, in tutte le diocesi si è cercato di incentrare le celebrazioni e gli incontri del periodo quaresimale sui temi della famiglia e dell'Eucarestia. "Come sacerdoti abbiamo riflettuto sulla necessità di rivalutare il momento della celebrazione eucaristica. I cristiani bengalesi sono più sensibili e legati all'aspetto dell'adorazione, noi dobbiamo cercare di avvicinarli di più all'importanza della messa". Nelle campagne invece succede il contrario: "non avendo molte chiese a disposizione, l'adorazione del Santissimo è quasi sconosciuta".

    In Bangladesh i cristiani hanno degli impedimenti di carattere pratico nel poter partecipare alle celebrazioni. Dal 1982, la domenica è giorno feriale. L'allora presidente Hossain Mohammad Ershad, stabilì come giorno festivo della settimana il venerdì. Da diversi anni esponenti religiosi cristiani chiedono al governo di dichiarare la Pasqua giorno di festività nazionale. Fonti di AsiaNews locali hanno, però, spiegato che la soluzione più plausibile è quella di aspettare che altri motivi portino a ristabilire la domenica come giorno non lavorativo. "Anche diversi musulmani sono contrari al venerdì come giorno festivo, hanno spiegato le fonti, questo comporta notevoli disagi soprattutto per quelle realtà professionali che richiedono un rapporto con paesi esteri". "Il venerdì, ha concluso il missionario, è solo un giorno dedicato alla preghiera in moschea, ma non comporta l'obbligo del riposo".

    In Bangladesh su 141.340.476 abitanti, i musulmani sono l'83%, gli indù il 16%, i cristiani lo 0,7%. (MA)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2005 BANGLADESH
    L'eucarestia in Bangladesh, dove la domenica è "un giorno feriale"

    Un missionario del PIME nel paese musulmano racconta le difficoltà e l'impegno della chiesa locale per valorizzare l'eucaristia. Qui la domenica è giorno di lavoro; le sparse comunità cattoliche nelle zone tribali non possono celebrare messa e la preghiera è affidata ai laici.  Al di là delle difficoltà,  il sacrificio gratuito di Cristo per l'uomo continua ad animare la missione.



    29/03/2005 PAKISTAN
    Pasqua in Pakistan, oltre le discriminazioni e a favore della solidarietà


    24/03/2005 filippine
    Pasqua nelle Filippine, chiese affollate fra minacce di attentati


    22/03/2005 GIORDANIA
    Pasqua, "la luce di Cristo" da Gerusalemme al Giordano


    31/03/2005 IRAQ
    Pasqua a Mosul, i cristiani sfidano la paura e affollano le chiese

    Sacerdote caldeo: "Le chiese piene di fedeli sono il segno della Resurrezione".





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®