31 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/04/2005
VATICANO – CONCLAVE – INDONESIA
Darmaatmadja, voce moderata nel dialogo con l'Islam

Città del Vaticano (AsiaNews) –  Il cardinale Julius Riyadi Darmaatmadja, S.J., arcivescovo di Jakarta, è nato il 20 dicembre 1934 a Muntilan, Magelang - Java Centrale.

Il 7 settembre 1957 entra nella Compagnia di Gesù nel St. Stanislaus Novitiate, Giri Sonta - Klepu, Semarang, Giava Centrale. Il 18 dicembre 1969 è ordinato sacerdote.

Intensa è stata la sua attività di apostolato. Dal 1981 al 1983 è provinciale della Compagnia di Gesù della provincia indonesiana. Il 19 febbraio 1983 è nominato arcivescovo di Semarang. Il 17 novembre 1988 diviene presidente della Conferenza episcopale nazionale di Indonesia (KWI), incarico che mantiene fino al 1997 per poi riassumerlo nel gennaio 2001.

É creato cardinale da Giovanni Paolo II nel Concistoro del 26 novembre 1994, del Titolo del S. Cuore di Maria. L'11 gennaio 1996 diventa arcivescovo metropolita di Jakarta.

Come voce più alta della Chiesa cattolica nel paese musulmano più popoloso del mondo, il cardinale è un punto di riferimento per il dialogo tra islam e cristianesimo. Ha rifiutato l'identificazione dell'islam con il terrorismo, invitando i cristiani a perdonare gli estremisti islamici responsabili delle bombe contro chiese cattoliche nel Natale del 2000.

Si è dichiarato contrario prima alla guerra in Afghanistan, nel 2001, e poi a quella in Iraq, nel 2003. Per questi motivi gode di grande rispetto e credibilità tra la comunità musulmana. Ampiamente riconosciuto, anche da leader di altre religioni, il suo impegno a favore del dialogo interreligioso e la difesa dei diritti umani, soprattutto dei poveri e delle minoranze (come quella cinese, in gran parte cattolica in Indonesia).

In occasione della campagna elettorale per le elezioni presidenziali in Indonesia (5 luglio 2004) si è battuto per spingere la comunità cattolica ad una scelta oculata del futuro capo di Stato. La KWI ha diffuso un documento in cui si elencavano le caratteristiche principali necessarie al nuovo leader politico nazionale: onestà, integrità, coraggio nelle scelte, promozione dell'uguaglianza fra i cittadini senza discriminazioni verso minoranze religiose o etniche. A poche settimane dal voto ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di un leader che liberi il popolo dalla cultura della violenza sponsorizzata dallo stato, che aizza i diversi gruppi l'uno contro l'altro, stigmatizzando, emarginando e vittimizzando membri di gruppi particolari". Ha reputazione di uomo umile e di grande spiritualità.

È membro: della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli; dei Pontifici Consigli: per il Dialogo Inter-religioso; della Cultura.

Su una popolazione di 238.452.952 abitanti l'88% è musulmano, mentre i cattolici sono il 3%. (MA)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/04/2005 VATICANO - CONCLAVE - GIAPPONE
Hamao: a fianco dei migranti, nuova frontiera della missione in Asia
14/04/2005 VATICANO – CONCLAVE – THAILANDIA
Michai Kitbunchu, primo cardinale dalla Thailandia
15/04/2005 vaticano - conclave
Conclave: da dove vengono i 115 cardinali elettori
18/04/2005 VATICANO-CONCLAVE
Vaticano: chiusa la Sistina, i cardinali in conclave
16/04/2005 VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Dias, diplomatico globale e pastore di Mumbai
Articoli del dossier
VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Dias, diplomatico globale e pastore di Mumbai
VATICANO - CONCLAVE - FILIPPINE
Card. Vidal: i migranti, la famiglia, la pace
VATICANO - CONCLAVE - GIAPPONE
Hamao: a fianco dei migranti, nuova frontiera della missione in Asia
VATICANO – CONCLAVE – SIRIA
Moussa I Daoud, emblema della tradizione cattolica d'Oriente
VATICANO-CONCLAVE-GIAPPONE
Card. Shirayanagi: lo sforzo per la pace e per il dialogo con la Cina
VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Card. Vithayathil: famiglia, libertà religiosa e poveri
Vaticano – Conclave - Vietnam
Card. Phan Minh Man: dialogare col comunismo vietnamita
VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Toppo, un tribale nel collegio cardinalizio
VATICANO – CONCLAVE – THAILANDIA
Michai Kitbunchu, primo cardinale dalla Thailandia

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate