25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/04/2005
VATICANO – CONCLAVE – INDONESIA
Darmaatmadja, voce moderata nel dialogo con l'Islam

Città del Vaticano (AsiaNews) –  Il cardinale Julius Riyadi Darmaatmadja, S.J., arcivescovo di Jakarta, è nato il 20 dicembre 1934 a Muntilan, Magelang - Java Centrale.

Il 7 settembre 1957 entra nella Compagnia di Gesù nel St. Stanislaus Novitiate, Giri Sonta - Klepu, Semarang, Giava Centrale. Il 18 dicembre 1969 è ordinato sacerdote.

Intensa è stata la sua attività di apostolato. Dal 1981 al 1983 è provinciale della Compagnia di Gesù della provincia indonesiana. Il 19 febbraio 1983 è nominato arcivescovo di Semarang. Il 17 novembre 1988 diviene presidente della Conferenza episcopale nazionale di Indonesia (KWI), incarico che mantiene fino al 1997 per poi riassumerlo nel gennaio 2001.

É creato cardinale da Giovanni Paolo II nel Concistoro del 26 novembre 1994, del Titolo del S. Cuore di Maria. L'11 gennaio 1996 diventa arcivescovo metropolita di Jakarta.

Come voce più alta della Chiesa cattolica nel paese musulmano più popoloso del mondo, il cardinale è un punto di riferimento per il dialogo tra islam e cristianesimo. Ha rifiutato l'identificazione dell'islam con il terrorismo, invitando i cristiani a perdonare gli estremisti islamici responsabili delle bombe contro chiese cattoliche nel Natale del 2000.

Si è dichiarato contrario prima alla guerra in Afghanistan, nel 2001, e poi a quella in Iraq, nel 2003. Per questi motivi gode di grande rispetto e credibilità tra la comunità musulmana. Ampiamente riconosciuto, anche da leader di altre religioni, il suo impegno a favore del dialogo interreligioso e la difesa dei diritti umani, soprattutto dei poveri e delle minoranze (come quella cinese, in gran parte cattolica in Indonesia).

In occasione della campagna elettorale per le elezioni presidenziali in Indonesia (5 luglio 2004) si è battuto per spingere la comunità cattolica ad una scelta oculata del futuro capo di Stato. La KWI ha diffuso un documento in cui si elencavano le caratteristiche principali necessarie al nuovo leader politico nazionale: onestà, integrità, coraggio nelle scelte, promozione dell'uguaglianza fra i cittadini senza discriminazioni verso minoranze religiose o etniche. A poche settimane dal voto ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di un leader che liberi il popolo dalla cultura della violenza sponsorizzata dallo stato, che aizza i diversi gruppi l'uno contro l'altro, stigmatizzando, emarginando e vittimizzando membri di gruppi particolari". Ha reputazione di uomo umile e di grande spiritualità.

È membro: della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli; dei Pontifici Consigli: per il Dialogo Inter-religioso; della Cultura.

Su una popolazione di 238.452.952 abitanti l'88% è musulmano, mentre i cattolici sono il 3%. (MA)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/04/2005 VATICANO - CONCLAVE - GIAPPONE
Hamao: a fianco dei migranti, nuova frontiera della missione in Asia
14/04/2005 VATICANO – CONCLAVE – THAILANDIA
Michai Kitbunchu, primo cardinale dalla Thailandia
15/04/2005 vaticano - conclave
Conclave: da dove vengono i 115 cardinali elettori
18/04/2005 VATICANO-CONCLAVE
Vaticano: chiusa la Sistina, i cardinali in conclave
16/04/2005 VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Dias, diplomatico globale e pastore di Mumbai
Articoli del dossier
VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Dias, diplomatico globale e pastore di Mumbai
VATICANO - CONCLAVE - FILIPPINE
Card. Vidal: i migranti, la famiglia, la pace
VATICANO - CONCLAVE - GIAPPONE
Hamao: a fianco dei migranti, nuova frontiera della missione in Asia
VATICANO – CONCLAVE – SIRIA
Moussa I Daoud, emblema della tradizione cattolica d'Oriente
VATICANO-CONCLAVE-GIAPPONE
Card. Shirayanagi: lo sforzo per la pace e per il dialogo con la Cina
VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Card. Vithayathil: famiglia, libertà religiosa e poveri
Vaticano – Conclave - Vietnam
Card. Phan Minh Man: dialogare col comunismo vietnamita
VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Toppo, un tribale nel collegio cardinalizio
VATICANO – CONCLAVE – THAILANDIA
Michai Kitbunchu, primo cardinale dalla Thailandia

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate