01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/04/2006, 00.00

    Cina

    Cina, violente proteste nel Sud contro fabbriche inquinanti



    Un gruppo di circa 200 abitanti del Fujian ha preso d'assalto tre fabbriche ed un depuratore d'acqua. "I loro scarichi – dicono – sono ad un chilometro da noi: inquinano la nostra acqua e ci costringono a respirare un'aria fetida da anni".

    Quanzhou (AsiaNews/Scmp) - Centinaia di contadini hanno attaccato tre fabbriche inquinanti ed un impianto di depurazione dell'acqua in una zona del Fujian, provincia meridionale sulla costa cinese, famosa per il trattamento delle pelli.

    Secondo alcuni testimoni oculari, circa 200 uomini dei villaggi nei pressi di Quanzhou - nel distretto di Quangang - hanno iniziato la protesta la notte dell'8 aprile. Un gruppo composto da 40 di loro ha preso d' assalto le fabbriche armati di bastoni di ferro.

    Una delle fabbriche, che produce oggetti di plastica, appartiene ad un'impresa sudcoreana, mentre le altre fabbriche attaccate producono oggetti in pelle. Gli assalitori dicono che gli scarichi dell'impianto di purificazione, posti ad un chilometro dalle loro case, "da anni inquinano le nostre pozze d'acqua, danneggiano il terreno che coltiviamo e ci costringono a respirare un'aria fetida".

    Secondo il proprietario di una delle fabbriche, la Xinde Leather Co., gli assalitori ''sono penetrati negli uffici, nei dormitori per gli operai e nelle cucine: hanno preso ciò che volevano ed hanno spaccato tutti gli oggetti che hanno trovato". Usciti, "hanno distrutto tre macchine: i danni superano il milione di yuan. I poliziotti erano presenti sulla scena, ma non hanno fatto nulla per fermarli".

    Non risulta che ci siano stati feriti. Il capo del locale ufficio di polizia, Cheng Hongbin, ha dichiarato che si e' trattato di un incidente ''grave'' e che non sono stati effettuati arresti "per non aggravare la situazione".

    I funzionari del ministero cinese della Pubblica sicurezza hanno poi "negato" che i poliziotti non siano intervenuti e sostengono che al momento "i funzionari locali stanno discutendo con i contadini e i proprietari della fabbriche per trovare una soluzione soddisfacente per tutti".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/04/2007 CINA
    Inquinamento: contadini del Fujian distruggono le macchine di 11 concerie
    Danni per 10 milioni di euro. Intanto le autorità di Harbin fanno evacuare 5mila persone dopo che una perdita di cloro contamina la falda acquifera locale.

    18/08/2009 CINA
    Scontri e proteste in una Cina che si scopre ogni giorno più inquinata
    Nello Shaanxi scontri tra la polizia e i cittadini che protestano contro una fabbrica inquinante. Le autorità continuano a sacrificare i diritti dei cittadini in nome dello sviluppo. Intanto gli autori di un grave inquinamento sono condannati al carcere: per la prima volta.

    07/02/2006 Cina
    Cina, contadini difendono attivista per i diritti umani

    Continua la protesta nelle campagne cinesi, sempre di più in tensione per il malgoverno e la corruzione dei leader. Ogni giorno Pechino registra fra le 120 e le 230 proteste sociali.



    05/09/2011 CINA
    Milioni di pesci morti nel fiume, ma per le autorità l’acqua “è normale”
    Nel fiume Min, principale corso d’acqua del Fujian, in pochi giorni muoiono decine di milioni di pesci. La gente blocca le strade per protesta contro autorità che non la tutela. La contea di Gutian produce oltre 100 tonnellate di pesce al giorno, ora la sua economia è distrutta.

    31/07/2009 CINA
    Hunan: la polizia arresta 6 dimostranti per una fabbrica inquinante e rischia una sommossa
    La fabbrica da anni avvelena il suolo con metalli pesanti e fa morire le persone. Ora i residenti chiedono cure mediche gratuite e un indennizzo. Ma la polizia arresta chi protesta e rischia di scatenare la violenza della popolazione, che per ore assedia municipio e caserma.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®