1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/01/2007
CINA
Ambiente e inquinamento: per i cinesi è il problema più grave
Acqua, aria, cibi inquinati sono "una grave minaccia" per l'80% della popolazione. Verso il governo c'è fiducia, ma anche timore: solo in pochi sono pronti a presentare denunce contro le fonti inquinanti. AsiaNews pubblica un dossier sul problema.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La grave situazione ambientale è la prima preoccupazione per la popolazione cinese. E' quanto risulta da un’indagine in tutto il Paese.

 L’Associazione per la promozione della cultura ambientale in Cina, agenzia controllata dall’Amministrazione per la protezione ambientale dello Stato (Sepa), ha comunicato ieri i risultati di un’indagine condotta nell’intera Nazione. Oltre il 40% degli intervistati indica la “massima preoccupazione” nei problemi dell’ambiente, specie per le conseguenze sugli alimenti.

Più dell’80% dei cinesi considera il cibo contaminato dall’inquinamento come “una grave minaccia” e allo stesso livello è la preoccupazione per l’inquinamento dell’acqua e dell’aria. La degradazione dell'ambiente è uno dei frutti del selvaggio sviluppo industriale prodottosi in Cina negli ultimi 20 anni.

 I dati ufficiali indicano che oltre 320 milioni di contadini non hanno accesso a fonti d’acqua potabile e che circa 190 milioni bevono acqua inquinata. Anche per irrigare i campi spesso è usata l’acqua maleodorante e piena di schiuma di fiumi inquinati, specie quando la siccità fa mancare altre fonti idriche. Questi prodotti alimentari finiscono poi sulle tavole dell’intera Nazione, anche perché esperti dicono che non è possibile notarne la differenza. Anche molti prodotti ittici provengono da zone inquinate.

 E’ risultata invece scarsa la conoscenza e l’attenzione su altri problemi mondiali, come il buco nell’ozono e l’effetto serra. Secondo Yu Jianwei, coautore della ricerca, lo studio ha dimostrato che le persone più informate sui problemi ambientali sono anche più attente a evitare attività nocive. La popolazione – dice Yu – è più attenta ai problemi che vede intorno a sé, come l’inquinamento della propria zona, mentre trascura i pericoli di più ampia portata. Sarebbe opportuna – conclude – una campagna pubblica “per aumentare la sensibilità ambientale”.

 Dallo studio emerge, anche, una non piena fiducia nell’intervento pubblico: oltre il 60% degli intervistati ritiene che il governo centrale sta affrontando “con serietà” i problemi ambientali, ma solo il 16% si dichiara pronto a presentare proteste, “se necessario”.

Da domani AsiaNews comincerà la pubblicazione di un dossier dedicato al grave inquinamento della Cina.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/01/2007 CINA
Fabbrica inquinante opera senza permesso: arrestato chi protesta
17/01/2007 CINA
Contadini dello Shandong: coltivare e bere da un fiume nero come l’inchiostro
14/03/2007 CINA
Da un mese senza acqua potabile 80 mila contadini di Yixing
19/01/2007 CINA
Scarichi industriali e costruzioni sulle coste: morte di un mare
18/01/2007 CINA
Si estinguono i pesci del Fiume Giallo
Articoli del dossier
CINA
Contadini dello Shandong: coltivare e bere da un fiume nero come l’inchiostro
CINA
Si estinguono i pesci del Fiume Giallo
CINA
Scarichi industriali e costruzioni sulle coste: morte di un mare
CINA
Il governo: acqua potabile per 32 milioni di contadini, ma a non averla sono 10 volte di più

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate