05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/04/2007, 00.00

    ISLAM

    L’Islam Salafita e la piovra del terrorismo islamico

    Samir Khalil Samir, sj

    Alla base delle violenze vi è una interpretazione ideologica del Corano, non la reazione alle aggressioni dell’occidente. È tempo che i musulmani si ribellino a questo stile infantile e cieco di vivere la religione. Prima lezione di una serie sull’Islamismo.

    Beirut (AsiaNews) - I sanguinosi attacchi in Algeria, i kamikaze in Marocco dimostrano ancora una volta che la violenza del fondamentalismo islamico è una violenza interna all’Islam. Al contrario di ciò che pretendono alcuni occidentali, essa non è una reazione alla “aggressione dell’occidente”. La causa è interna a un certo pensiero musulmano.

    Il terrorismo islamico ha per causa l’islamismo, cioè una certa lettura del Corano e della Sunnah, che si è diffusa nelle scuole coraniche e nelle più famose università islamiche, come quella di Al-Azhar del Cairo. Il terrorismo islamico – specie nel mondo sunnita - ha per causa il Salafismo, cioè un attaccamento cieco alla tradizione degli Anziani, di chi ci ha preceduto (salaf), una lettura letteralista e irrigidita, senza vita e senz’anima.

    Il terrorismo non è una malattia dell’islam: esso è solo la manifestazione di una malattia più profonda, di un certo modo di concepire la religione islamica e la vita umana. Da questo punto di vista, occorre combattere il terrorismo non solo con la fora delle armi, ma anche con quelle della cultura promuovendo una lettura più aperta del Corano.

    Il terrorismo islamico è ideologico

    Il terrorismo islamico non è né violenza gratuita, né brutalità, ma una ideologia religiosa. Esso è vissuto come un bene, un dovere sacro essendo l’applicazione concreta della volontà divina, espressa con chiarezza in alcuni brani del Corano, in alcune pratiche del Profeta dell’Islam e dei suoi detti.

    Per gli islamismi e i terroristi, la maggioranza dei musulmani che non la pensano così, sono solo degli ipocriti (munâfiqûn), come le ha definito Dio stesso nel Corano, che non meritano il nome di musulmani.

    E gli Stati musulmani? Non sono islamici, sono una caricatura dell’Islam: meritano ancora più il termine d’ipocriti, perché hanno copiato le loro costituzioni su quelle occidentali (il che è vero in gran parte) aggiungendo qualche elemento musulmano. Così facendo hanno “ingannato” i loro popoli. Sono peggio ancora degli Stati occidentali e dei governi occidentali che almeno non ingannano i musulmani!

    Questo è l’islamismo che vediamo tutti i giorni in tanti Paesi musulmani. I Salafiti algerini, i Talebani afgani non sono che alcune delle forme di questa piovra gigantesca, che non ha solo otto braccia, ma decine: in Pakistan, Somalia, Nord Nigeria, Egitto, Marocco, Arabia Saudita, Iran, Malaysia, Indonesia ... e domani in Europa. Non intendo affatto essere allarmista. Voglio solo dire che è un movimento tentacolare che si diffonde per natura sua ove trova un terreno propizio, un humus preparato.

    Il rapporto tra islamismo e salafismo

    É essenziale capire il legame intrinseco tra islamismo e salafismo, insieme alla differenza fra i due.

    Il pensiero salafita è radicato nel Corano e nella Sunnah, cioè trova la sua giustificazione ed elabora il suo pensiero e il suo modo di vivere a partire dal Corano e della Sunnah. Il pensiero salafita non è nato all’epoca moderna, ma risale ai primi secoli dell’Islam. Questo pensiero è una delle tradizioni interpretative del Corano e della Sunnah.

    La corrente islamista si appoggia all’interpretazione salafita dell’Islam e la radicalizza, facendone delle applicazioni concrete, con propaganda intensa, presentandosi come l’unica interpretazione autentica dell’Islam. Essa estremizza il salafismo, prescrivendo regole precise che vanno applicate a decine di atti della vita quotidiana.

    Ad esempio si regola il modo di mangiare o di digiunare, di vestirsi, di pregare con tutte le regole della purezza rituale; si danno indicazioni nelle relazioni del musulmano con gli altri (secondo che si tratta di uomini o di donne, di musulmani o di non-musulmani, ecc.), nella scelta del mestiere e nel modo di condurlo, nell’uso che si fa del denaro e nel modo di metterlo in banca, nel sesso (come e quando si può fare, con chi) come naturalmente nel matrimonio: insomma in una infinità di gesti della vita quotidiana. L’islamismo penetra tutto e alla fine lascia poco spazio alla libertà umana e alle scelte personali.

    Le fatwa e l’infantilismo terrorista

    Una conseguenza caratteristica di questa concezione dell’Islam è il fenomeno sociale ormai invadente delle fatwa. In questo quadro, il fedele musulmano si sente ignorante della sua religione, incapace di discernere il giusto del falso, di scegliere tra il “bene islamico” e il male, e ha paura di divenire un cattivo musulmano come chi lo circonda, proprio perché gli islamisti hanno inculcato nel credente l’idea che lui è l’unico vero musulmano. Allora, per ogni particolare, si rivolge agli ulema, chiedendo una fatwa.

    In Egitto, il fenomeno è arrivato a un punto estremo: ci sono centinaia di migliaia di fatwa all’anno su tutto e su niente. Le fatwa si fanno tramite telefoni specializzati, oppure per domande dirette ai mufti, o ancora tramite internet, o attraverso la radio e la televisione. La conseguenza è una infantilizzazione della fede e del fedele; uno stato di dipendenza totale che impedisce al credente musulmano di riflettere per se stesso e di assumere da adulto la sua vita spirituale e religiosa.

    Il pensiero islamista forma delle persone che hanno rinunciato al loro diritto a pensare e a giudicare, per seguire ciecamente gli insegnamenti di chi le indottrina. Riduce il credente a un docile seguace, incapace di usare di pensiero critico. Alla fine, questo docile seguace docile può facilmente diventare anche un terrorista: basta convincerlo che ciò che sta per compiere è un dovere religioso, che piace a Dio e salverà la Comunità (ummah) islamica.

    È importante non confondere e  identificare l’Islam con l’islamismo, ma è anche necessario spingere i musulmani a rigettare l’islamismo come alterazione dell’Islam autentico e combattere questa tendenza invadente. Da parte delle società occidentali è necessario difendere i musulmani contro l’islamismo. Per questo, cedere anche minimalmente a qualunque richiesta degli islamisti è una regressione che apre a nuovi scenari terroristi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/04/2006 islam
    Il dibattito sull'apostasia e l'Islam politico

    Il dibattito sull'apostasia sollevato nel mondo islamico dal caso di Abdul Rahman mette in luce lo sconcerto esistente nel mondo islamico, non solo sulla questione apostasia, ma su tutti i punti: i kamikaze, il terrorismo, il diritto familiare, l'amore.



    08/09/2005 ISLAM
    Terrorismo islamico: frutto dell'insegnamento delle madrassah

    Terza parte della serie "Islam e Occidente" a cura di p. Samir Khalil Samir. Gesuita egiziano, p. Samir  è docente di storia della cultura araba e di islamologia presso l'Università Saint-Joseph di Beirut.



    06/09/2005 ISLAM
    L'Islam condanna la violenza? Talvolta è solo opportunismo

    Seconda parte della serie "Islam e Occidente" a cura di p. Samir Khalil Samir. Gesuita egiziano, p. Samir  è docente di storia della cultura araba e di islamologia presso l'Università Saint-Joseph di Beirut.



    01/09/2005 ISLAM
    Fondamentalismo: "diabolica" unità fra religione e politica

    Prima parte di una serie su "Islam e Occidente", a cura di p. Samir Khalil Samir, grande esperto di islam e cristianesimo. Gesuita egiziano, p. Samir  è docente di storia della cultura araba e di islamologia presso l'Università Saint-Joseph di Beirut.



    08/09/2006 islam
    Per uscire dalla crisi, l'Islam ha bisogno di un rinnovamento interno. Invece si chiude in se stesso
    L'assenza di una autorità riconosciuta e l'ignoranza nel quale il mondo religioso islamico è caduto tra i fattori principali di una situazione che si va facendo drammatica. La necessità della reinterpretazione del Corano, della quale tutti temono di parlare. Ultima parte di una serie sulla crisi dell'Islam, a cura di p. Samir Khalil Samir.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®