31 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/04/2007, 00.00

    CINA

    Guangxi, il governo costringe all'aborto forzato 61 donne, anche incinte al nono mese



    Dopo i farmaci killer, He Caigan, incinta di nove mesi, e Wei Linrong, hanno partorito i loro figli morti. La gente denuncia i ricchi, che possono avere molti figli, mentre i poveri sottostanno alla legge del figlio unico.
    Youjiang (AsiaNews) – Continua la spietata campagna abortiva del governo cinese: il 17 aprile scorso, nella provincia meridionale del Guangxi, 41 donne sono state costrette ad abortire dalla polizia, che le ha trascinate in un ospedale locale per eseguire l’interruzione di gravidanza. Il giorno dopo, la stessa sorte è toccata ad almeno altre 20 donne.
     
    Lo denuncia la China Aid Association (Caa), un'organizzazione non governativa con base negli Stati Uniti che opera per la libertà religiosa ed il rispetto dei diritti umani in Cina.
     
    Secondo alcuni testimoni oculari, gli agenti della provincia hanno trasportato le donne dentro l’ospedale del Popolo nel distretto di Youjiang, dove è stato iniettato loro un farmaco abortivo. Gli agenti erano guidati dai funzionari dell’Ufficio per la pianificazione familiare nazionale. Nel giro di 24 ore, sono morti 61 feti.
     
    Nel letto numero 37, i medici hanno eseguito l’iniezione nella testa del figlio di He Caigan, incinta di nove mesi. Dopo 20 minuti di sofferenze, il bambino – pronto a nascere – ha smesso di muoversi nell’utero materno ed è morto.
     
    Nella serata del 18, Wei Linrong – moglie del pastore cristiano James Liang – ha dato alla luce il figlio già morto. Alla donna erano state iniettate cinque dosi del farmaco killer.
     
    Dopo le denunce della Caa, il governo ha inviato altri agenti a difesa degli ospedali dove avvengono gli aborti. In Cina, infatti, è da tempo in corso una protesta della popolazione contro Pechino, che permette alle coppie ricche o famose di ignorare la famigerata legge sul figlio unico, applicata invece con durezza contro i meno abbienti.
     
    La politica di controllo familiare, caposaldo del governo comunista, colpisce al momento circa 90 milioni di famiglie cinesi. Questo provoca problemi sociali come lo squilibrio fra i sessi e l’invecchiamento della popolazione.
     
    Dal 1978 è consentito un solo figlio ai residenti urbani e due ai contadini. Il Paese è passato dai 5,83 figli per coppia negli anni '70 a 2,1 bambini nel 1990 e agli 1,8 attuali. Il governo vuole che, nel 2010, la popolazione non superi gli 1,37 miliardi. Questa politica ha portato a un gran numero di aborti e uccisioni di neonati femmine, per avere un maschio che porti il nome della famiglia.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/07/2013 CINA
    Cina, le iniettano del veleno per farla abortire: il figlio muore, lei è grave
    Le autorità della provincia del Guizhou hanno arrestato, picchiato e rotto i denti a Li Fenfei: la sua “colpa” è quella di essere incinta del secondo figlio. Le massicce dosi di farmaci iniettate creano un “effetto veleno”, uccidono il bambino e mettono in pericolo anche la vita della madre.

    02/01/2014 CINA
    Shaanxi, a processo l'ostetrica che ha venduto "almeno" 7 neonati
    Zhang Shuxia ha ammesso di aver trafficato in esseri umani. La polizia ha ritrovato sei bambini, ma l'ultima è morta prima di essere liberata. La legge sul figlio unico ha scatenato la compravendita di neonati: almeno 200mila scompaiono ogni anno nel Paese.

    22/01/2013 CINA
    Sempre più voci per mettere fine alla legge sul figlio unico
    I motivi sono economici: forza lavoro in diminuzione; aumento degli anziani; calo dei consumi interni. Hu Jintao tace sul mantenere un basso tasso di crescita. Ma il ministro per il controllo sulla popolazione riafferma l'adesione "incrollabile" del governo alla legge. Aborti e sterilizzazioni forzati, privilegi dei ricchi - con tanti figli - portano a tensioni sociali.

    20/05/2015 CINA
    Guizhou: può tenere il figlio una donna a cui il governo aveva ordinato di abortire
    La donna, divorziata e risposata, aveva già un figlio dal precedente matrimonio, come pure il suo nuovo marito. La legge del figlio unico si applica in modi diversi nelle diverse città e regioni. La donna era stata minacciata che avrebbe perso il lavoro se non abortiva. Nonostante le promesse di allentamento, l’applicazione della legge sul figlio unico rimane violenta.

    29/10/2015 CINA
    Cina, il Partito pronto ad abolire la legge sul figlio unico
    Dopo 36 anni, il Plenum annuncia la rimozione del decreto voluto da Deng Xiaoping per contenere la popolazione. Ha causato circa 400 milioni di aborti, spesso imposti con la violenza dalle autorità. Il primo “rilassamento” era del 2013, ma non ha portato la crescita sperata. La società cinese è oramai troppo sbilanciata, e il sistema pensionistico e quello del welfare rischiano il collasso.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®