22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 25/09/2013, 00.00

    GIAPPONE

    È morto Yusai Sukai, il monaco che spiegò il buddismo al Papa



    Kamikaze nell’esercito giapponese si converte alla religione buddista una volta terminata la guerra. Ricevuto da Giovanni Paolo II nel 1995 si è reso famoso in tutto il mondo per aver compiuto due volte il Sennichi Gyo, pellegrinaggio di 1.000 giorni sulle montagne del Giappone.

    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) - Yusai Sukai, il monaco diventato famoso per aver spiegato il buddismo a Giovanni Paolo II è morto oggi nel tempio giapponese di Imuro Fudodo Chojuin. Nato a Osaka nel 1926, prestò il servizio militare nel corpo dei kamikaze, addestrandosi per una missione suicida che si sarebbe dovuta compiere nel 1945. Risparmiato dalla conclusione del conflitto, Yusai Sakai è stato prima studente e poi venditore di noodles a Kyoto, fino a quando, nel 1965, l'incendio del suo ristorante e il suicidio della prima moglie lo portarono ad abbracciare la fede buddista. Ha rappresentato una delle figure simboliche del buddismo giapponese.

    Conosciuto in Giappone per i numerosi scritti sugli insegnamenti del buddismo, è diventato famoso in tutto il mondo come uno degli unici tre giapponesi ad aver compiuto per due volte il Sennichi Kaiho Gyo, un pellegrinaggio proprio della tradizione Giapponese che prevede un cammino di 1.000 giorni da compiersi nell'arco di 7 anni.

    Il Sennichi Kaiho Gyo è una forma di pellegrinaggio tipica del buddismo giapponese. Il fedele - in un periodo di 7 anni - deve compiere un cammino di 1.000 giorni attraverso le cime e le vallate del monte Hiei, che si estende tra le prefetture di Kyoto e Shiga. Al 700mo giorno, prima di poter proseguire il proprio percorso, il pellegrino deve ritirarsi per 9 giorni in un luogo di culto, dove è obbligato a osservare un ferreo sciopero della fame e della sete recitando per 100mila volte lo stesso mantra. Una volta completato il proprio cammino, il fedele ottiene il riconoscimento di Dai Ajari, titolo che, secondo la tradizione, consente di entrare nella reggia imperiale senza togliersi le scarpe.

    Dopo una vita votata alla fede, Yusai Sakai ha trascorso i suoi ultimi giorni nel tempio di Imuro Fudodo Chojuin, nella prefettura di Otsu. "Questi sforzi mi hanno fatto capire che la vita va sempre avanti e non finisce una volta raggiunto un obiettivo - ha dichiarato dopo aver ultimato il secondo pellegrinaggio - credo sia questo il tipo di insegnamento che il Budda ci trasmette".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/05/2014 THAILANDIA-VATICANO
    Vescovi thai offrono al re le reliquie dei due Papi santi
    Il re Bhumibol ha conosciuto i due santi nel suo lungo periodo di regno: Giovanni XXIII nel 1960 in Italia; Giovanni Paolo II nel 1984 in Thailandia.

    07/01/2010 GIAPPONE
    L’eredità spirituale del card. Pietro Shirayanagi
    Un uomo che ha vissuto per innestare la fede cattolica nel terreno apparentemente arido del suo Paese. La visita di Giovanni Paolo II e la beatificazione dei martiri giapponesi. Al suo funerale, il discorso di Niwano, capo della Risshokoseikai, associazione laica buddista di cui il cardinale era direttore spirituale.

    18/05/2005 GIAPPONE
    Sadako Ogata: il volto luminoso del Giappone
    Per 10 anni è stata responsabile del'agenzia Onu per i rifugiati. Ha anche ricevuto elogi da Giovanni Paolo II.

    05/04/2006 Giappone
    Hiroshima ricorda la visita di Giovanni Paolo II

    La diocesi ha organizzato una serie di celebrazioni per celebrare il 25esimo anniversario della visita di Giovanni Paolo II. Giapponesi e coreani insieme per la pace.



    06/12/2004 giappone
    Sei milioni di copie per il Papa

    Un lungo articolo dell'Asahi Shimbun conferma l'interesse dei giapponesi per la Chiesa di Roma, ma quella locale non riesce a crescere.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®