19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/08/2004, 00.00

    cina

    Minatori del carbone, condannati alla morte



    I prezzi troppo alti delle cure rendono fatali le loro malattie polmonari

    Pechino (AsiaNews/SCMP) – La Cina, primo consumatore al mondo di carbone, annovera un altro primato: l'enorme numero di minatori di carbone con problemi alle vie respiratorie. La prolungata esposizione alle polveri nocive ha causato infatti una crescita esponenziale delle malattie. L'alto costo delle cure condanna alla morte decine di migliaia di malati.

    Le statistiche ufficiali parlano di 580mila casi di pneumoconiosi (malattia polmonare dovuta all'inalazione prolungata di polveri lesive) alla fine del 2002; tuttavia le cifre rappresentano solamente un dato indicativo, poiché sono state compilate nel 1986, aggiungendo circa 15mila nuovi casi all'anno. Ma molti medici cinesi dicono che la maggioranza dei casi non è stata registrata.

    Per far fronte all'emergenza il governo di Pechino ha avviato un'indagine nelle province di Liaoning e dello Shanxi, per capire le reali dimensioni del problema; al riguardo è stata proposta anche una campagna di raccolta fondi per sostenere le cure mediche per gli ammalati. Grazie all'iniziativa, un ospedale specializzato nella cura di malattie respiratorie della provincia di Hebei si propone di curare dai 600 ai 1000 pazienti all'anno. Ed è lo stesso direttore dell'ospedale, Li Yuhan, a farsi promotore dell'iniziativa, augurandosi che anche altri centri seguano il suo esempio.

    Il problema principale resta il costo delle cure mediche. Il solo modo per guarire  è la pulizia dei polmoni con soluzioni saline, mentre le medicine sono soltanto un palliativo che non elimina alla radice il problema. Il trattamento per la pulizia dei polmoni è di 8 mila – 10 mila yuan per minatore (1000 – 1250 dollari  USA), pari a quasi un anno di stipendi. Tali spese non possono essere sostenute dagli stessi lavoratori né dalle piccole industrie presso le quali lavorano. Diversa invece la situazione nelle grandi compagnie, che tutelano i minatori con formule assicurative che garantiscono le cure. Per gli ammalati di pneumoconiosi non ci sono alternative: i più fortunati (e ricchi) riescono ad affrontare le spese mediche e sopravvivere; i più poveri sono destinati ad una morte sicura. (DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/02/2005 CINA
    L'inesorabile carneficina dei minatori cinesi (Scheda)


    15/03/2007 CINA
    Cresce l'economia e anche i disoccupati, senza previdenza e sanità
    La crescita economica non copre l’aumento di forza lavoro e ogni anno ci sono milioni di nuovi disoccupati, privi di assistenza pubblica. Milioni di ex dipendenti pubblici non sono pagati da tempo. Timidi e non attuali gli interventi previsti dal governo.

    22/08/2007 CINA
    Pechino ammette: il disastro delle miniere di Xintai "poteva essere evitato”
    Media di partito e siti web del governo ammettono che il rischio di inondazione era evidente e che i dirigenti delle miniere erano stati avvertiti, ma non hanno fatto nulla. Mentre svaniscono le residue speranze, le autorità locali si preoccupano di impedire che i parenti dei dispersi parlino “con chiunque”.

    02/11/2005 Cina
    Shanxi: esplode una miniera di carbone, muoiono 17 persone

    La potenza della detonazione ha colpito anche una miniera confinante. Secondo il direttore dell'Amministrazione statale per la sicurezza sul lavoro: "la corruzione, vera causa degli incidenti minerari". 



    31/08/2005 CINA
    Il governo cinese ordina la chiusura di 7 mila miniere

    Si esige un aumento degli standard di sicurezza o di chiudere per sempre. Pechino ha istituito un corpo speciale che controlli la cessione delle quote delle miniere illegali da parte dei membri del Partito.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®