21 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/05/2014, 00.00

    VATICANO - ISRAELE - PALESTINA

    Papa: Peres e Abbas hanno accettato l'invito di Francesco



    L'incontro di preghiera dovrebbe svolgersi il prossimo mese in Vaticano.

    Gerusalemme (AsiaNews) - I presidenti di Israele Shimon Peres e della Palestina Mahmoud Abbas hanno accettato l'invito di papa Francesco a unirsi a lui per una preghiera comune per la pace.

    A quanto riferiscono in Israele, gli uffici dei presidenti israeliano e palestinese hanno dichiarato di aver accettato di recarsi insieme in Vaticano.

    Un funzionario israeliano ha aggiunti che alcuni giorni fa un inviato del Vaticano aveva presentato ai due presidenti la proposta del Papa.

    Egli ha aggiunto che sia Peres che Abbas hanno accettato di recarsi insieme in Vaticano il mese prossimo.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/06/2014 ORTODOSSI - VATICANO
    Bartolomeo: Cristiani uniti, veri catalizzatori della pace in Medio Oriente
    Il patriarca ecumenico arriva oggi a Roma per prendere parte all'incontro di preghiera con papa Francesco, Shimon Peres e Mahmoud Abbas. L'incontro di preghiera ha un significato più importante dei risultati immediati.

    30/05/2014 VATICANO -TERRA SANTA
    Speranze e scetticismo per l'incontro del papa con Peres e Abbas in Vaticano
    L'incontro di preghiera (e non di mediazione politica) avverrà l'8 giugno. Oltre al papa, saranno presenti un rabbino e un imam. Per i palestinesi, la proposta rimette in luce le esigenze del loro popolo. Gli israeliani sono scettici perché i dialoghi diplomatici sponsorizzati dagli Usa sono falliti. Vi è chi ricorda l'efficacia della preghiera nella veglia per la Siria, lo scorso 7 settembre.

    16/05/2015 VATICANO – PALESTINA
    Papa: riceve Mahmoud Abbas, “lei sia un angelo della pace”
    “Grande soddisfazione” per l’accordo raggiunto tra Vaticano e Palestina e “auspicio” che possano riprendere i negoziati tra palestinesi e israeliani hanno segnato l’udienza data questa mattina da Francesco al presidente dello “Stato di Palestina”.

    17/10/2013 VATICANO - PALESTINA
    Papa: "cordiale colloquio" con Mahmoud Abbas, pace per il Medio Oriente
    Auspici per il progredire dei colloqui tra israeliani e palestinesi e "grave preoccupazione" per la Siria. Soddisfazione per i rapporti bilaterali. Il "contributo significativo" dei cristiani per la società della regione.

    30/09/2016 13:03:00 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme, ai funerali di Peres storica stretta di mano fra Netanyahu e Abu Mazen

    Capi di Stato e di governo partecipano alle esequie dell’ex presidente israeliano. Per la prima volta dal 2010 Mahmud Abbas entra in Israele; dura la reazione di Hamas, che lancia una protesta. Presenti delegazioni di Egitto e Giordania. Il cordoglio di papa Francesco per la scomparsa di un “uomo di pace”. 





    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®