27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/04/2010, 00.00

    KIRGHIZISTAN

    A Bishkek tornano l’integrismo e il velo islamico



    Nel Paese (80% di musulmani) si riaffermano precetti islamici rigidi, come l’obbligo per le donne di portare l’hjiab. Molti datori di lavoro lo proibiscono e si diffonde la polemica. Esperti si chiedono come questo modificherà la società kirghiza.

    Bishkek (AsiaNews/Agenzie) – La nuova incertezza politica in Kirghizistan, con la caduta del presidente Kurmanbek Bakiyev e la creazione di un governo provvisorio, potrebbe favorire la forte ripresa dell’islam intgrista, da tempo in atto nelle province meridionali.

    La nuova osservanza religiosa già causa diffusi problemi sociali. Ha fatto scalpore il caso della nota presentatrice televisiva Mars Doronova, dal canale  ELTR con sede a Osh, alla quale il superiore Mametibraim Janybekov ha proibito di portare il tradizionale velo islamico (hijab) in ufficio o durante i servizi tv.

    All’agenzia Eurasianet, la donna ha osservato che “di recente mi sono sposata e una donna sposata deve portare un hijab, ma il direttore me lo ha proibito”. Ella ha anche rifiutato il compromesso offerto da Janybekov: venire in ufficio con l’hijab e vestirsi in modo diverso durante il lavoro.

    “Non ho due facce –protesta – io posso ingannare la gente, ma non posso ingannare Allah. Per questo ho dovuto rinunciare” al lavoro, dopo 11 anni di professione".

    Il Kirghizistan è un Paese islamico ma, alla pari di altri Stati ex sovietici, la pratica religiosa è sempre stata moderata. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, l’islam ha ripreso ad espandersi in tutta l’Asia Centrale e in specie nella Valle del Ferghana, dove si trova Osh. I leader musulmani incitano i fedeli a una piena osservanza della legge islamica. Makhmud Aripov, imam della moschea Nabijon Haji a Osh, ripete che “indossare l’hijab è un precetto di Allah, un musulmano deve accettarlo, senza discutere se è giusto o sbagliato. E’una garanzia della castità della donna, l’inosservanza di questo precetto causa divorzi. Una madre che lo indossa dà alla figlia un corretto esempio che la aiuterà a conservare il suo onore”.

    La ripresa di questa pratica sta causando numerosi piccoli conflitti, sul lavoro e nelle scuole superiori dove sempre più ragazze portano il velo. Nel Paese l’80% è di religione islamica, ma molti sono poco osservanti di questi precetti e poco tolleranti dell’altrui rigida osservanza.

    Per ora il dibattito si incentra su aspetti quale l’obbligo di indossare l’hijab ed è una discussione molto accesa nel meridione del Paese. Chi al momento ne paga le conseguenze sono le donne: in molti uffici e scuole è stato proibito alle dipendenti e alle insegnanti di indossare il velo sul luogo di lavoro.

    Ma esperti si chiedono a cosa possa portare la rinascente osservanza delle regole islamiche. Rilevano che, ancora una vola, molti leader e chierici islamici giustificano l’imposizione di una regola con un generico richiamo ai precetti divini e non accettano che dopo secoli possano essere intervenuti cambiamenti sociali. L’incognita è quanto questa nuova osservanza stretta possa tramutarsi in un estremismo non tollerante. Pericolo da non sottovalutare, considerata anche la frattura tra le regioni del nord e del sud del Paese verificatasi durante le proteste che hanno fatto cadere il presidente Bakiyev.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/05/2009 UZBEKISTAN - KIRGHIZISTAN
    Si riaffaccia in Asia centrale il pericolo dell’estremismo islamico
    Un attentato esplosivo uccide un poliziotto ad Andijan. Sul confine con il Kirghizistan c’è un conflitto a fuoco contro la polizia di frontiera. Esperti temono che nella valle Ferghana, crocevia di vari Stati, repressione del governo e povertà rendano la gente sensibile ai gruppi radicali islamici.

    22/01/2004 indonesia
    Velo islamico: musulmani e cristiani a favore del veto francese


    21/10/2008 KUWAIT
    Non indossano il velo, due donne ministro kuwaitiane rischiano di essere “dimesse”
    Un comitato parlamentare ha deciso che il loro abbigliamento senza hijab viola la Costituzione e la legge elettorale. Il caso ora viene sottoposto al voto dei deputati.

    04/03/2010 INDIA
    Conquiste delle donne islamiche possibili anche con il velo
    Alcuni giorni fa in Karnataka la popolazione islamica si è rivoltata dopo la pubblicazione di un articolo contro il velo islamico pubblicato dal quotidiano Kannada Prabha e attribuito alla nota scrittrice Taslima Nasreen. La Nasreen per le sue posizioni liberali nei confronti dell’islam e dalla donna vive da 16 anni in esilio. Il bilancio degli scontri è stato di 2 morti e 50 feriti, portando rabbia e paura nella popolazione di religione indù. Asghar Ali Engineer, musulmano e responsabile del centro Studi sulla società e il secolarismo di Mumbai, descrive agli indiani la battaglia delle donne islamiche per i loro diritti. Egli accusa i giornali indiani di dare una visione distorta della realtà, che impedisce una reale riforma dell’islam.

    14/06/2010 KIRGHIZISTAN
    Il Kirghizistan sull’orlo della guerra civile, richiamo generale alle armi
    Continuano le violenze interetniche, almeno 113 morti. Richiamate alle armi tutte le persone abili fino ai 50 anni. La Russia rifiuta il richiesto aiuto militare. Decine di migliaia di etnici uzbeki fuggono in Uzbekistan, che allestisce campi profughi. L'Onu manda un suo inviato.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®