21 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/04/2010
KIRGHIZISTAN
A Bishkek tornano l’integrismo e il velo islamico
Nel Paese (80% di musulmani) si riaffermano precetti islamici rigidi, come l’obbligo per le donne di portare l’hjiab. Molti datori di lavoro lo proibiscono e si diffonde la polemica. Esperti si chiedono come questo modificherà la società kirghiza.

Bishkek (AsiaNews/Agenzie) – La nuova incertezza politica in Kirghizistan, con la caduta del presidente Kurmanbek Bakiyev e la creazione di un governo provvisorio, potrebbe favorire la forte ripresa dell’islam intgrista, da tempo in atto nelle province meridionali.

La nuova osservanza religiosa già causa diffusi problemi sociali. Ha fatto scalpore il caso della nota presentatrice televisiva Mars Doronova, dal canale  ELTR con sede a Osh, alla quale il superiore Mametibraim Janybekov ha proibito di portare il tradizionale velo islamico (hijab) in ufficio o durante i servizi tv.

All’agenzia Eurasianet, la donna ha osservato che “di recente mi sono sposata e una donna sposata deve portare un hijab, ma il direttore me lo ha proibito”. Ella ha anche rifiutato il compromesso offerto da Janybekov: venire in ufficio con l’hijab e vestirsi in modo diverso durante il lavoro.

“Non ho due facce –protesta – io posso ingannare la gente, ma non posso ingannare Allah. Per questo ho dovuto rinunciare” al lavoro, dopo 11 anni di professione".

Il Kirghizistan è un Paese islamico ma, alla pari di altri Stati ex sovietici, la pratica religiosa è sempre stata moderata. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, l’islam ha ripreso ad espandersi in tutta l’Asia Centrale e in specie nella Valle del Ferghana, dove si trova Osh. I leader musulmani incitano i fedeli a una piena osservanza della legge islamica. Makhmud Aripov, imam della moschea Nabijon Haji a Osh, ripete che “indossare l’hijab è un precetto di Allah, un musulmano deve accettarlo, senza discutere se è giusto o sbagliato. E’una garanzia della castità della donna, l’inosservanza di questo precetto causa divorzi. Una madre che lo indossa dà alla figlia un corretto esempio che la aiuterà a conservare il suo onore”.

La ripresa di questa pratica sta causando numerosi piccoli conflitti, sul lavoro e nelle scuole superiori dove sempre più ragazze portano il velo. Nel Paese l’80% è di religione islamica, ma molti sono poco osservanti di questi precetti e poco tolleranti dell’altrui rigida osservanza.

Per ora il dibattito si incentra su aspetti quale l’obbligo di indossare l’hijab ed è una discussione molto accesa nel meridione del Paese. Chi al momento ne paga le conseguenze sono le donne: in molti uffici e scuole è stato proibito alle dipendenti e alle insegnanti di indossare il velo sul luogo di lavoro.

Ma esperti si chiedono a cosa possa portare la rinascente osservanza delle regole islamiche. Rilevano che, ancora una vola, molti leader e chierici islamici giustificano l’imposizione di una regola con un generico richiamo ai precetti divini e non accettano che dopo secoli possano essere intervenuti cambiamenti sociali. L’incognita è quanto questa nuova osservanza stretta possa tramutarsi in un estremismo non tollerante. Pericolo da non sottovalutare, considerata anche la frattura tra le regioni del nord e del sud del Paese verificatasi durante le proteste che hanno fatto cadere il presidente Bakiyev.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/05/2009 UZBEKISTAN - KIRGHIZISTAN
Si riaffaccia in Asia centrale il pericolo dell’estremismo islamico
22/01/2004 indonesia
Velo islamico: musulmani e cristiani a favore del veto francese
21/10/2008 KUWAIT
Non indossano il velo, due donne ministro kuwaitiane rischiano di essere “dimesse”
04/03/2010 INDIA
Conquiste delle donne islamiche possibili anche con il velo
di Asghar Ali Engineer
14/06/2010 KIRGHIZISTAN
Il Kirghizistan sull’orlo della guerra civile, richiamo generale alle armi

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate