03/01/2018, 11.02
CINA – PAKISTAN

Al via l’uso dello yuan per gli scambi commerciali tra Cina e Pakistan

Nel 2017 Islamabad ha esportato beni e servizi per un valore di oltre 1,3 miliardi di euro; le importazioni dalla Cina pari a quasi 8,8 miliardi di euro. La moneta cinese avrà lo stesso valore legale di dollaro, euro e yen.

Karachi (AsiaNews) – Via libera ufficiale per l’utilizzo dello yuan come valuta legale nel commercio bilaterale tra Cina e Pakistan. Lo ha reso noto ieri sera una nota diffusa dalla State Bank of Pakistan (Sbp). La massima autorità monetaria del Paese dell’Asia meridionale fa sapere che sono già attivi tutti gli accorgimenti per l’uso dello yuan sia negli scambi che nelle attività di investimento finanziario. La nuova valuta, assicura la Banca centrale pakistana, “darà maggiore impulso ai legami economici” con Pechino.

La nota aggiunge che tutte le operazioni finanziarie – importazioni, esportazioni e transazioni – “possono essere denominate in yuan”. La Banca fa sapere che le imprese, sia pubbliche che private, d’ora in avanti sono libere di optare per il renminbi per le attività di investimento e commerciali. In termini legali, la valuta cinese sarà alla pari delle altre monete internazionali, come il dollaro, l’euro o lo yen (giapponese).

Negli ultimi anni il Pakistan è emerso tra i maggiori beneficiari degli investimenti cinesi, che qui progetta di far passare il China-Pakistan Economic Corridor, del valore di 56 miliardi di dollari (46,5 miliardi di euro). Si tratta del piano di punta dell’iniziativa “One Belt, One Road” (Obor, negli ultimi mesi chiamata anche “Belt and Road Initiative”, Rbi), la cintura di porti, autostrade e ferrovie che porteranno le merci cinesi fino al cuore dell’Europa.

L’ipotesi dell’apertura agli scambi in moneta cinese era stata ventilata per primo da Ashan Iqbal, ministro pakistano per la pianificazione e lo sviluppo. Il 19 dicembre scorso aveva annunciato che il governo di Islamabad ne stava valutando la possibilità.

Tra i due Paesi non esiste ancora un accordo di libero scambio (Free Trade Agreement), ma dal 2012 la Banca centrale concede agli istituti locali di accettare depositi e fornire prestiti in yuan. Nell’anno fiscale 2017, il Pakistan ha esportato beni e servizi per un valore di 1,62 miliardi di dollari (oltre 1,3 miliardi di euro), mentre le importazioni dalla Cina hanno raggiunto la cifra record di 10,57 miliardi di dollari (quasi 8,8 miliardi di euro).

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino: la minaccia delle bolle speculative e dell'inflazione
14/03/2007
Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
17/06/2008
Pechino promette un apprezzamento dello yuan, "a tempi appropriati"
18/06/2008
Porto di Gwadar, le minacce alla sicurezza scoraggiano gli investimenti
02/03/2018 11:34
Pechino e Washington soddisfatti di “fare affari” e “rinviare” le decisioni
19/06/2008