31 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/08/2012
INDONESIA
Alluvioni ad Ambon: la situazione resta critica, 10 morti e migliaia di sfollati
di Mathias Hariyadi
Le forti piogge hanno causato l’allagamento di almeno 700 abitazioni nella capitale delle Molucche. Interi quartieri sono ancora invasi dal fango; la popolazione civile ospitata nei centri di accoglienza. L’impegno dei cristiani per i bisognosi: avviate raccolte fondi e spedizione di generi di prima necessità.

Jakarta (AsiaNews) - È ancora critica la situazione ad Ambon, capitale delle Molucche (Indonesia), colpita la scorsa settimana da una violenta ondata di alluvioni che ha causato almeno 10 morti e l'allagamento di circa 700 abitazioni. Fino alla scorsa notte la zona era ancora interessata da forti piogge, che ostacolavano le operazioni delle squadre di soccorso; per la popolazione civile resta l'emergenza e il ritorno alla normalità quotidiana appare ancora lontano. La gente è ancora ospitata nei centri di accoglienza, in attesa di aiuti e generi di prima necessità; le associazioni cristiane hanno promosso iniziative di solidarietà per gli sfollati.

Decine di abitazioni nel centro di Ambon sono tuttora invase dal fango, mentre interi quartieri sono invasi dall'acqua che fatica a defluire. Almeno una decina i settori più colpiti - fra cui Skip, Aster e Passo - con un livello di acqua superiore ai cinque metri che staziona dalla scorsa settimana, quando si è registrato il picco nelle piogge. Tra gli abitanti cominciano a svilupparsi malattie e disturbi fra cui dissenteria e problemi respiratori.

Per la popolazione civile di Ambon potrebbe trattarsi del più grave disastro degli ultimi anni, dopo le violenze interconfessionali islamo-cristiane tra 1999 e 2002 che hanno causato quasi 9mila vittime. Le scuole restano chiuse e alcuni istituti sono ancora invasi da un misto di acqua e fango.

Nell'emergenza diverse organizzazioni cristiane locali si sono attivate per portare aiuto alla popolazione. Nel sobborgo di Aster, il pastore protestante James Timisela ha avviato una raccolta di beni di prima necessità, con il sostegno della polizia e dei militari impegnati nella zona. "La sola cosa che possiamo fare - spiega il reverendo - è di raccogliere oggetti non utilizzati, da distribuire a quanti sono nel bisogno".

Dalla sede centrale dei Francescani a Jakarta, p. Christo Tara conferma che decine di organizzazioni cattoliche, fra cui il movimento femminile cattolico (Wkri) hanno in programma l'invio di aiuti e di oggetti di prima necessità. Gli sfollati sono almeno 6.179, racconta il sacerdote ad AsiaNews, ma il numero potrebbe essere di gran lunga maggiore perché le acque hanno invaso anche diverse altre aree della reggenza di Ambon.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/08/2013 PAKISTAN
Monsoni in Pakistan, le alluvioni provocano oltre 80 morti e migliaia di sfollati
24/10/2011 MYANMAR
Alluvioni in Myanmar: oltre 100 morti, migliaia di sfollati
01/10/2013 VIETNAM – CAMBOGIA
Almeno 33 morti e 70mila sfollati per il passaggio del tifone Wutip nel Vietnam centrale
18/02/2013 INDONESIA
North Sulawesi, emergenza alluvioni: 15 morti e migliaia di sfollati
di Mathias Hariyadi
05/09/2014 PAKISTAN
Monsoni in Pakistan: 40 morti e decine di feriti. Allerta per nuove, forti piogge

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate