13/09/2011, 00.00
PAKISTAN

Alluvioni nel Sindh: 209 morti e oltre 5 milioni di sfollati

Gli esperti prevedono nuove piogge e ulteriori devastazioni. Le operazioni di emergenza ostacolate dalle condizioni meteo. Nei campi di accoglienza mancano cibo e medicine; timori di epidemie per le condizioni igieniche precarie. La Cina annuncia aiuti per 4,7 milioni di dollari. Accuse al governo pakistano, già nel mirino delle organizzazioni internazionali per i disastri del 2010.
Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Non si fermano le piogge torrenziali che hanno colpito il sud del Pakistan nei giorni scorsi, causando sinora almeno 209 morti e 5,3 milioni di sfollati nella provincia del Sindh. Esperti temono nuove devastazioni e altre vittime, mentre le operazioni di soccorso ed emergenza viaggiano a rilento per le difficili condizioni atmosferiche e i terreni alluvionati. Nei campi allestiti per gli sfollati mancano cibo, acqua potabile e medicine per assistere i malati; il timore è che si possano sviluppare epidemie legate alle condizioni igieniche precarie.

In migliaia sono costretti a vivere in ripari di fortuna o a dormire all’aperto e le autorità al momento sembrano impotenti di fronte all’emergenza. Ieri le Nazioni Unite hanno iniziato a fornire cibo e beni di prima necessità a circa metà dei 5,3 milioni di vittime delle alluvioni. Amjad Jamal, portavoce del World Food Programme (Wfp) spiega che l’agenzia Onu ha fornito - fra l'altro - pacchetti di cibo a oltre 600 famiglie di Badin, uno dei distretti del Sindh maggiormente colpiti dalle piogge torrenziali. Le alluvioni interessano 23 distretti della provincia meridionale pakistana e hanno distrutto coltivazioni per 1,7 milioni di acri di terra. Ad oggi sono stati allestiti 2.490 centri di prima accoglienza in diverse aree, per ospitare gli sfollati. La Protezione civile locale – la National Disaster Management Authority (Ndma) – conferma “l’enorme” portata del disastro, che definisce “unica” per tipologia e grandezza, con oltre 1 metro di acqua caduta nelle ultime quattro settimane.

L’ambasciata cinese in Pakistan ha promesso aiuto per 4,7 milioni di dollari per affrontare l’emergenza e aiutare le vittime nel Sindh. Il premier Yousaf Raza Gilani ha confermato che il volume di acqua che è caduto è superiore di due volte e mezza la media stagionale e ha inondato oltre 4,1 milioni di acri di terreno. Sono 700mila le case danneggiate, almeno 150mila le persone accolte nei centri di emergenza che hanno bisogno di assistenza immediata. Tra gli sfollati vi sono anche 2,5 milioni di bambini.

L’emergenza arriva a poche settimane dalle accuse lanciate da Oxfam al governo pakistano, che non ha saputo – o voluto – attuare misure concrete per prevenire alluvioni o disastri naturali, nonostante le disastrose alluvioni del 2010 che hanno colpito 21 milioni di persone e causato danni per 10 miliardi di dollari. E le previsioni non inducono all’ottimismo: Arif Mehmood, del centro meteo, annuncia “nuove alluvioni e ulteriori problemi a causa delle piogge” per i prossimi giorni.
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Continua l’emergenza alluvioni in Myanmar. Chiesa e Caritas in prima linea nei soccorsi
04/09/2015
Terremoto nel Kashmir: almeno 18 mila morti
09/10/2005
Chiesa cattolica pakistana in aiuto alle popolazioni del Sindh, colpite dalla siccità
10/03/2014
Sisma in Balochistan: situazione “critica”, Caritas Pakistan in sostegno alle vittime
28/09/2013
Terremoto in Pakistan: 208 morti e oltre 370 feriti
25/09/2013