31 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/01/2012
TIBET - CINA
Ancora sangue in Tibet: la polizia uccide 6 manifestanti
I fatti sono avvenuti a Draggo, nella provincia settentrionale del Sichuan: migliaia di persone hanno marciato per chiedere libertà religiosa e il ritorno del Dalai Lama fino agli uffici governativi, dove i soldati hanno sparato a vista.

Lhasa (AsiaNews/Agenzie) - La polizia cinese ha aperto il fuoco contro una manifestazione pacifica che chiedeva il ritorno del Dalai Lama in Tibet: almeno un manifestante è morto colpito alla testa, mentre altri 30 sono feriti in maniera grave. La Xinhua, agenzia di stampa del regime cinese, conferma il conteggio delle vittime ma punta il dito contro i “separatisti” e la “cricca del Dalai Lama che incita la popolazione alla violenza”. Secondo altre fonti, le vittime tibetane sono almeno sei.

I fatti sono avvenuti nella conte di Draggo a maggioranza tibetana, che si trova nella provincia del Sichuan. Secondo diversi testimoni oculari, la manifestazione è stata indetta dopo l’arresto di alcuni tibetani che distribuivano volantini a favore del leader spirituale in esilio. Il fermo da parte della polizia ha convinto gli abitanti a marciare verso gli uffici governativi per chiederne il rilascio: gli agenti hanno aperto il fuoco appena si sono avvicinati.

Tuttavia i manifestanti hanno resistito alla violenza, e secondo alcuni testimoni oculari “sono riusciti a distruggere bandiere e negozi di proprietà di cinesi di etnia han”. I tibetani accusano Pechino di portare avanti una politica di invasione: sin dalla presa della regione a opera dell’Esercito di liberazione popolare, il governo centrale ha inviato nelle province tibetane milioni di han (etnia dominante in Cina) per ottenere il controllo dell’economia locale e dell’istruzione.

Secondo i monaci della lamaseria di Draggo, una delle più grandi di tutta l’area, “migliaia di persone si sono radunate lo scorso 23 gennaio. Protestavano anche contro la corruzione del governo locale e contro la mancanza di libertà religiosa”. Negli ultimi mesi, 16 persone (per la maggior parte monaci buddisti) si sono dati fuoco in pubblico per protestare contro queste violazioni ai diritti umani. Il Dalai Lama ha più volte chiesto ai suoi seguaci di non farlo, ma Pechino continua a accusarlo di “sobillare” il Tibet.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/01/2012 TIBET – CINA
Tibet: le prime due auto-immolazioni del 2012, per protesta contro Pechino
31/03/2012 TIBET - CINA
Ngaba, due monaci tibetani si danno fuoco. La polizia blocca i soccorsi
31/05/2012 TIBET – CINA
Lhasa: per fermare le auto-immolazioni, Pechino arresta centinaia di tibetani
21/02/2014 USA - TIBET - CINA
Obama riceve il Dalai Lama, Pechino si infuria
29/11/2012 TIBET – CINA
Tibet, un’altra auto-immolazione. E gli studenti scendono in piazza contro Pechino

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate