09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/01/2012, 00.00

    TIBET - CINA

    Ancora sangue in Tibet: la polizia uccide 6 manifestanti



    I fatti sono avvenuti a Draggo, nella provincia settentrionale del Sichuan: migliaia di persone hanno marciato per chiedere libertà religiosa e il ritorno del Dalai Lama fino agli uffici governativi, dove i soldati hanno sparato a vista.
    Lhasa (AsiaNews/Agenzie) - La polizia cinese ha aperto il fuoco contro una manifestazione pacifica che chiedeva il ritorno del Dalai Lama in Tibet: almeno un manifestante è morto colpito alla testa, mentre altri 30 sono feriti in maniera grave. La Xinhua, agenzia di stampa del regime cinese, conferma il conteggio delle vittime ma punta il dito contro i “separatisti” e la “cricca del Dalai Lama che incita la popolazione alla violenza”. Secondo altre fonti, le vittime tibetane sono almeno sei.

    I fatti sono avvenuti nella conte di Draggo a maggioranza tibetana, che si trova nella provincia del Sichuan. Secondo diversi testimoni oculari, la manifestazione è stata indetta dopo l’arresto di alcuni tibetani che distribuivano volantini a favore del leader spirituale in esilio. Il fermo da parte della polizia ha convinto gli abitanti a marciare verso gli uffici governativi per chiederne il rilascio: gli agenti hanno aperto il fuoco appena si sono avvicinati.

    Tuttavia i manifestanti hanno resistito alla violenza, e secondo alcuni testimoni oculari “sono riusciti a distruggere bandiere e negozi di proprietà di cinesi di etnia han”. I tibetani accusano Pechino di portare avanti una politica di invasione: sin dalla presa della regione a opera dell’Esercito di liberazione popolare, il governo centrale ha inviato nelle province tibetane milioni di han (etnia dominante in Cina) per ottenere il controllo dell’economia locale e dell’istruzione.

    Secondo i monaci della lamaseria di Draggo, una delle più grandi di tutta l’area, “migliaia di persone si sono radunate lo scorso 23 gennaio. Protestavano anche contro la corruzione del governo locale e contro la mancanza di libertà religiosa”. Negli ultimi mesi, 16 persone (per la maggior parte monaci buddisti) si sono dati fuoco in pubblico per protestare contro queste violazioni ai diritti umani. Il Dalai Lama ha più volte chiesto ai suoi seguaci di non farlo, ma Pechino continua a accusarlo di “sobillare” il Tibet.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/01/2012 TIBET – CINA
    Tibet: le prime due auto-immolazioni del 2012, per protesta contro Pechino
    Nel pomeriggio di ieri due persone, a breve distanza, si sono date fuoco nei pressi del monastero di Kirti, nella città di Ngaba. Un uomo sarebbe morto, ma non vi sono conferme ufficiali. Le autorità cinesi hanno rimosso i corpi e imposto una rigida censura. Decine di migliaia di fedeli in pellegrinaggio per assistere alle lezioni del Dalai Lama.

    31/03/2012 TIBET - CINA
    Ngaba, due monaci tibetani si danno fuoco. La polizia blocca i soccorsi
    La doppia autoimmolazione è avvenuta ieri a Barkham (Contea di Ngaba, Sichuan). I due erano entrambi del monastero di Kirti. Dopo il gesto le autorità hanno portato i corpi in un luogo segreto. Dubbi sulle loro condizioni di salute.

    21/02/2014 USA - TIBET - CINA
    Obama riceve il Dalai Lama, Pechino si infuria
    Il leader americano conferma l'incontro con il capo del buddismo tibetano, ma "in forma privata". Pechino reagisce con la solita formula: "Enorme interferenza degli Stati Uniti negli affari interni cinesi". Il Dalai Lama fa i complimenti a Xi Jinping per la lotta anti-corruzione, ma lo esorta a "dare giustizia" a oltre 1 miliardo di cinesi.

    31/05/2012 TIBET – CINA
    Lhasa: per fermare le auto-immolazioni, Pechino arresta centinaia di tibetani
    Sono almeno 600 le persone fermate negli ultimi giorni, dopo il rogo di due giovani davanti a un tempio della capitale tibetana. Espulsi pellegrini e turisti, bloccate le comunicazioni e le linee dei telefoni cellulari. Ieri una madre 30enne si è data fuoco a Barma. Attivisti: la comunità internazionale deve “spezzare il silenzio” sul Tibet.

    29/11/2012 TIBET – CINA
    Tibet, un’altra auto-immolazione. E gli studenti scendono in piazza contro Pechino
    Nella regione di Luchu un padre di famiglia si uccide con il fuoco per protestare contro l’occupazione cinese: sono ormai 89 i suicidi degli ultimi mesi. E nel Qinghai gli studenti si una scuola di medicina protestano contro “l’educazione patriottica”: 20 feriti negli scontri, di cui 4 in gravi condizioni.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®